Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Le ultime 10:

 
Chi vincerà Sanremo 2016?
  • Deborah Iurato e Giovanni Caccamo - Via da qui
    14,8%
  • Enrico Ruggeri - Il primo amore non si scorda mai
    6,2%
  • Arisa - Guardando il cielo
    11,1%
  • Rocco Hunt - Wake up
    12,3%
  • Stadio - Un giorno mi dirai
    9,9%
  • Lorenzo Fragola - Infinite volte
    7,4%
  • Patty Pravo - Cieli immensi
    11,1%
  • Clementino - Quando sono lontano
    4,9%
  • Elio e le Storie Tese - Vincere l'odio
    17,3%
  • Francesca Michielin - Nessun grado di separazione
    4,9%

Assicurazione auto e moto Quixa

La convenienza di una assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale e la sicurezza del Gruppo Axa. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



Green

Cento balene beluga intrappolate nel mare di Bering

Sono una specie a rischio estinzione. Le autorità russe hanno inviato un rompighiaccio per distruggere il blocco che impedisce ai mammiferi di liberarsi.

Desk
venerdì 16 dicembre 2011 12:22

Cento balene beluga, specie in via di estinzione, sono intrappolate tra i ghiacci polari nel mare di Bering, in Russia. Le autorità della regione di Chukotka (estremo nord est russo), stanno cercando di liberarle, ma il rischio che i mammiferi muoiano è alto. Il blocco di ghiaccio da rimuovere è lungo 25 chilometri e spesso 10-15 centimetri e impedisce alle balene di raggiungere il mare aperto, dove possono nuotare liberamente.

Il ministero russo delle Risorse naturali ha chiesto aiuto al ministero dei Trasporti di aiuto e entro due giorni è atteso il rompighiaccio Rubin.

Per l'Unione internazionale per la conservazione della natura le balene beluga sono una specie in pericolo dal 2008. Vivono principalmente lungo le coste di Alaska, Groenlandia, Russia e Canada. Attualmente gli esemplari stimati sono circa 100 mila.