Le ultime 10:

 
Venezia 71: Il film italiano più atteso
  • Il Giovane favoloso di Mario Martone
    8,9%
  • Hungry Hearts di Saverio Costanzo
    7,6%
  • Anime Nere di Francesco Munzi
    6,4%
  • I nostri ragazzi di Ivano De Matteo
    8,3%
  • Pasolini di Abel Ferrara
    26,8%
  • Perez di Edoardo De Angelis
    7,6%
  • La zuppa del demonio di Davide Ferrario
    11,5%
  • Italy in a day di Gabriele Salvatores
    10,2%
  • La trattativa di Sabina Guzzanti
    12,7%

Assicurazione auto e moto Quixa

Un consulente personale tutto per te e la convenienza di un'assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



World

La Francia ferma i suoi soldati in Afghanistan

L'annuncio di Sarkozy dopo l'uccisione di 4 soldati francesi del contingente internazionale. Possibile il ritiro delle truppe.

Desk
venerdì 20 gennaio 2012 11:08

La Francia sospende tutte le operazioni militari in Afghanistan, dopo l'attacco al suo contingente che ha provocato quattro morti e sedici feriti. L'annuncio è stato dato dal presidente francese Nicolas Sarkozy, che sta prendendo in considerazione un ritiro anticipato delle truppe.

"La questione di un rientro anticipato dell'esercito francese è possibile se le condizioni di sicurezza non vengono ripristinate", ha anche avvertito il presidente, che ha continuato: "Non posso accettare che i soldati afghani sparino contro i soldati francesi". Il ministro della Difesa Gerard Longuet è stato subito inviato in Afghanistan per fare il punto della situazione.

L'attacco a colpi d'arma da fuoco è stato compiuto da un militare afgano nel distretto di Tagab, nella provincia di Kapisa, nella parte orientale del Paese. L'uomo è stato ora catturato. Secondo quanto riferito da un portavoce della Nato, l'aggressore indossava la divisa dell'esercito afgano e ha aperto il fuoco sul contigente francese uccidendo i quattro militari e ferendone altri sedici.

L'Italia, lo ricordiamo, ha recentemente confermato la presenza del suo contingente militare. Una missione internazionale largamente contestata con 42 vittime tra i nostri militari. Il contingente italiano è schierato nella regione di Herat, con 3.952 unità.