Le ultime 10:

 
Tv del dolore: qual è la peggiore trasmissione televisiva del 2014?
  • Pomeriggio Cinque (Barbara D'Urso)
    41,3%
  • Domenica Live (Barbara D'Urso)
    11,1%
  • Quarto Grado (G. Nuzzi e A. Viero
    9,5%
  • Chi l'ha visto? (Federica Sciarelli)
    7,9%
  • La vita in diretta (M. Liorni e C. Parodi)
    23,8%
  • L'Arena (Massimo Giletti)
    6,3%

Assicurazione auto e moto Quixa

Un consulente personale tutto per te e la convenienza di un'assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



News

Tre militari italiani morti in Afghanistan, un ferito grave

Un blindato si ribalta nell'attraversare un fiume. E' accaduto questa mattina a circa 20 Km a sud-ovest di Shindand. Un quarto soldato ferito.

Desk
lunedì 20 febbraio 2012 11:09

Tre militari italiani in Afghanistan sono morti in seguito a un incidente stradale avvenuto nei pressi della località di Shindand. C'é anche un ferito, ricoverato nell'ospedale militare da campo di Shindand per ipotermia. Non è ancora chiaro se le sue condizioni siano gravi.

I fatti, riferiscono al comando del contingente italiano, si sono verificati questa mattina a circa 20 Km a sud-ovest di Shindand, dove un Lince è rimasto coinvolto in un incidente. Mezzo e uomini appartenevano alla Task Force Center con base a Shindand e facevano parte del 66esimo reggimento di stanza a Forlì.

Obiettivo, recuperare una unità bloccata dalle condizioni meteo particolarmente avverse, quando nell'attraversare un corso d'acqua, si è ribaltato intrappolando, al suo interno, tre dei militari dell'equipaggio che sono successivamente deceduti.

Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, si legge in un comunicato del Quirinale, "esprime i suoi sentimenti di solidale partecipazione al dolore dei famigliari dei caduti, rendendosi interprete del profondo cordoglio del Paese". Cordoglio anche dal presidente del Consiglio Mario Monti.

Con l'incidente di oggi salgono a 49 i militari italiani morti dall'inizio della missione Isaf in Afghanistan, nel 2004. Di questi, la maggior parte è rimasta vittima di attentati e scontri a fuoco, altri invece sono morti in incidenti, alcuni per malore, uno si è suicidato.