Le ultime 10:

 
Che cosa vi spaventa di più in questa fase storica?
  • L'ebola
    8,5%
  • L'Isis
    10,6%
  • La recessione
    6%
  • L'Europa
    3,9%
  • Putin
    2,7%
  • Obama
    8,3%
  • Il governo Renzi
    29,9%
  • La disoccupazione giovanile
    7,3%
  • Niente, allarmismi e paure servono a controllare i cittadini
    15,8%
  • Il turbocapitalismo
    7,1%

Assicurazione auto e moto Quixa

Un consulente personale tutto per te e la convenienza di un'assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



Media

E' nato il traduttore automatico europeo

Il servizio, gratuito e pubblico, è ancora in versione beta, preliminare. E' messo a disposizione dal consorzio dei leader europei nei servizi di traduzione.

redazione
lunedì 20 febbraio 2012 15:40

di Pino Bruno

Si può campare senza il Google Translate, con le sue traduzioni maccheroniche che, spesso, sconfinano nel grottesco e nel pecoreccio? Forse sì, perché con iTranslate4.eu arriva una nuova Stele di Rosetta per avvicinare tra loro le lingue del vecchio continente. Il servizio - gratuito e pubblico - è ancora in versione beta, preliminare. E' messo a disposizione dal consorzio dei leader europei nei servizi di traduzione (Systran, Promt, Linguatec, MorphoLogic, Amebis, Sunda, pwn.pl, SkyCode, Trident), coordinati dall'Istituto di Ricerca di Linguistica dell'Accademia Ungherese di Scienze.

Obiettivo del progetto è fornire le migliori traduzioni automatiche disponibili tra le lingue dell'Unione Europea. Il sito permette agli utenti di tradurre i testi delle mail, le pagine web e anche di chattare online in tempo reale in tutte le lingue ufficiali dell'Unione Europea.

Valgono le stesse precauzioni adottate con Google Translate. Queste traduzioni non hanno lo stesso livello qualitativo di quelle eseguite da traduttori in carne ed ossa, ma contribuiscono alla comprensione tra le persone e le lingue in modo sempre più efficiente. Cioè, non si deve prendere per oro colato il risultato, ma lavorarci su, correggere qui e là, stare attenti ai doppi sensi involontari. L'altro giorno il Ministero per l'Istruzione ha fatto una figuraccia internazionale con il pecorino e la pecorina.

La linguistica computazionale è scienza tutto sommato giovane, come sa chi ha seguito le ricerche di padre Roberto Busa, lo scienziato italiano scomparso l'anno scorso e considerato pioniere dell'informatica linguistica. D'altronde il web diventa ogni giorno meno stupido, e prima o poi le macchine ci aiuteranno ad abbattere le barriere della Torre di Babele.

Con iTranslate4.eu si è fatto un altro passo avanti. Le traduzioni automatiche sembrano di buona qualità anche nelle combinazioni linguistiche più strane e si possono scegliere fino a cinque soluzioni per quelle più comuni.

"Utilizzando la tecnologia di MorphoLogic, di cui è stato pioniere László Tihanyi, i partner del consorzio hanno messo insieme le proprie competenze e risorse per realizzare un innovativo servizio web-based, unico al mondo. Gli elevati standard di traduzione sono garantiti dal monitoraggio e dalla valutazione continui", assicura Tamás Váradi, coordinatore del progetto e vice direttore dell'Istituto di Ricerca di Linguistica dell'Accademia Ungherese di Scienze.

Il sito utilizza 300 motori linguistici e offre soluzioni in quarantacinque lingue, comprese quelle nazionali, le lingue delle minoranze europee e altre lingue del mondo. Sono disponibili traduzioni alternative in diverse combinazioni linguistiche. Le traduzioni multiple disponibili simultaneamente rappresentano le soluzioni migliori perché' gli utenti stessi hanno la possibilità di scegliere quella più adatta tra le possibilità offerte. E' anche possibile valutare e classificare le traduzioni online. La speciale sviluppata dai programmatori di iTranslate4.eu collega i diversi sistemi di traduzione.

Il sito web offrirà presto ulteriori servizi che richiederanno la registrazione. I singoli utenti possono inserire le caselle di traduzione nel proprio sito web, utilizzare i plug-in di traduzione incorporati in Firefox e anche le applicazioni per i programmi di chat più diffusi.

Il sito ha anche un'interfaccia pubblica per i programmatori, che consente a chiunque di sviluppare la propria applicazione.

I visitatori del portale possono trovare delle caselle di traduzione personalizzabili. Chi possiede un sito web ha la possibilità di aggiungere il servizio alle proprie pagine, poiché' le applicazioni integrabili sui siti possono tradurre sia i testi che le pagine web per i visitatori stranieri che non parlano un'altra lingua straniera.

mail: info@itranslate4.eu

web: http://www.itranslate4.eu

facebook: http://www.facebook.com/iTranslate4.eu

Se vuoi leggere l'articolo con tutti i link clicca qui