Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Le ultime 10:

 
Secondo voi qual è il livello della libertà di stampa in Italia?
  • Bassissimo, basta vedere le classifiche mondiali che ci vedono al 73° posto su 180 paesi monitorati
    11,6%
  • Altissimo, la libertà di informazione è oltre ogni rosea aspettativa
    1,8%
  • Comico, ci sarebbe ma prevale l'autocensura
    4,9%
  • Scarsissimo, c'è ancora il carcere per reati d'opinione
    5,5%
  • Si può fare meglio, ma non siamo certo al fascismo
    4,5%
  • Inesistente, i media sono tutti nelle mani del potere economico-finanziario che determina il bello e cattivo tempo della libertà di stampa
    71,4%

Assicurazione auto e moto Quixa

Un consulente personale tutto per te e la convenienza di un'assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



Politics

Napolitano: contenere la spesa pubblica, ma no a tagli alla cieca

Il capo dello Stato ribadisce che ci sono voci che andrebbero eliminate dal bilancio e voci dell'impegno pubblico che invece vanno rafforzate nell'interesse del nostro futuro.

redazione
martedì 21 febbraio 2012 16:02

"La dilatazione della spesa pubblica corrente è una piaga per lo Stato, per l'economia, la politica italiana". Lo ha sottolineato Giorgio Napolitano parlando a Sassari. Una spesa pubblica "senza freni e criteri è alla base dell'esplosione del nostro debito pubblico insieme con la terribile altra piaga dell'evasione fiscale", ha continuato il capo dello Stato.

"Non c'è dubbio che si debba procedere alla riduzione e al contenimento della spesa per evitare l'accumulo del debito, ma - ha precisato - bisogna avere l'intelligenza, occhi e coraggio per distinguere, rivisitando voce per voce la spesa pubblica del nostro paese non per tagliarla in modo indiscriminato e alla cieca, colpendo voci che andrebbero eliminate e nella stessa misura voci che invece non vanno ridotte ma rafforzate per il nostro comune futuro".

"Credo - ha aggiunto - che questo sia l'approccio che si va affermando nella pratica del governo e mi auguro che abbiamo conferme nel prossimo futuro".