Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Le ultime 10:

 
Sei su una spiaggia deserta, arriva un politico e apre l'ombrellone accanto al tuo: chi non vorresti che fosse
  • Matteo Renzi
    8,9%
  • Matteo Salvini
    13,3%
  • Giorgio Napolitano
    5,6%
  • Maria Elena Boschi
    12,2%
  • Angelino Alfano
    5,6%
  • Antonio Razzi
    17,8%
  • Matteo Orfini
    5,6%
  • Marianna Madia
    12,2%
  • Giuseppe Civati
    5,6%
  • Rosy Bindi
    13,3%

Assicurazione auto e moto Quixa

Un consulente personale tutto per te e la convenienza di un'assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



World

Grecia: con la crisi nuova droga a "buon mercato"

La sostanza stupefacente è composta da detergente e liquido delle batterie. Ha effetti devastanti.

redazione
martedì 21 febbraio 2012 17:44

E' composta da detergente e liquido delle batterie e si assume fumandola con una pipa. E' la "sisa", la nuova droga arrivata sul mercato greco da poco più di un anno, venduta a 2-3 euro a dose, che si sta diffondendo tra i tossicomani ellenici. Lo riferisce il sito francese Rue89, sottolineando che la crisi economica che sta colpendo la Grecia ha obbligato i tossicodipendenti a indirizzarsi su altre sostanze più a "buon mercato" rispetto all'eroina arrivata a 20-30 euro a "buco".

Ancora poco conosciuta, la "sisa" ha effetti devastanti su chi ne fa uso con conseguenze fisiche e psichiche "comparabili a diciotto mesi di consumo intenso intravenoso di eroina", afferma l'Osservatorio europeo delle droghe. Ancora non è chiara la sua origine, sottolinea il sito Rue89, né la nazionalità degli spacciatori: alcuni consumatori parlano di pachistani e curdi, mentre altri indicano gli iraniani, gli afgani e gli iracheni.