Le ultime 10:

 
Che cosa ne pensate dei risultati del Governo Renzi?
  • Ha ragione la Cei: basta promesse
    4,5%
  • Ha ottenuto il 41% quindi deve essere lasciato libero di governare
    9,3%
  • Finita la propaganda fatta a slogan e promesse non resta niente
    51,4%
  • Finita la luna di miele: o dà risultati e è meglio cambiare
    5,7%
  • La rottamazione non ha portato i frutti sperati
    2,4%
  • Non basta essere giovani occorre essere competenti
    12,1%
  • Non comanda più la politica, comanda la finanza internazionale. Quindi Renzi può poco
    14,6%

Assicurazione auto e moto Quixa

Un consulente personale tutto per te e la convenienza di un'assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



Life

Bill Clinton, Manning e al Jazeera in lizza per Nobel per la Pace

Sono 231 i candidati, tra cui anche il medico congolese Dennis Mukwege, i dissidenti cubani Oswaldo Paya e Yoani Sanchez. Il nome del vincitore sarà annunciato a ottobre.

redazione
lunedì 27 febbraio 2012 15:21

Bill Clinton, Helmut Kohl, l'Unione europea e il soldato Usa Bradley Manning, sospettato di essere la 'talpa' di WikiLeaks, figurano tra i 231 candidati per il Premio Nobel per la Pace 2012.

"Come sempre, ci sono gli habitué alla 'nomination' e i nuovi arrivati, delle persone famose e degli sconosciuti, provenienti da tutti gli angoli del mondo", ha dichiarato il direttore dell'Istituto Nobel, Geir Lundestad. Con 188 individui e 43 organizzazioni, l'elenco dei candidati al Nobel è vicino al record raggiunto lo scorso anno con 241 nomi in lizza. Il Premio del 2011 è stato assegnato a tre donne: al Presidente della Liberia Ellen Johnson Sirleaf e alla liberiana Leymah Gbowee e alla yemenita Tawakkol Karman.

Altri candidati al Premio sono il medico congolese Dennis Mukwege, i dissidenti cubani Oswaldo Paya e Yoani Sanchez, l'ong russa Memorial e la sua dirigente Svetlana Gannushkina, il politologo americano Gene Sharp, teorico della lotta non- violenta che ha ispirato alcuni protagonisti della primavera araba, il presidente tunisino Moncef Marzouki e l'emittente araba al Jazeera. Il nome del vincitore sarà annunciato a ottobre e il premio verrà consegnato il 10 dicembre, data in cui ricorre l'anniversario della morte del suo fondatore, l'inventore svedese della dinamite Alfred Nobel.