Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Le ultime 10:

 
Sei il cameraman cinese sulle ruote e dopo Bolt vuoi abbattere un altro big: chi scegli?
  • Angela Merkel per vedere se fa la capriola
    6,7%
  • Ignazio Marino se torna dalle ferie
    21,7%
  • Claudio Lotito quando parla in latinorum
    4,1%
  • Matteo Salvini se esce da uno studio televisivo
    11,6%
  • Matteo Renzi mentre si fa il millesimo selfie del giorno
    40,1%
  • Maria Luisa Boschi per vedere l'effetto che fa
    7%
  • Monica Maggioni per vedere chi c'è dietro
    5,9%
  • Mario Balotelli per vedere se chiede rigore
    2,8%

Assicurazione auto e moto Quixa

Un consulente personale tutto per te e la convenienza di un'assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



Life

Bill Clinton, Manning e al Jazeera in lizza per Nobel per la Pace

Sono 231 i candidati, tra cui anche il medico congolese Dennis Mukwege, i dissidenti cubani Oswaldo Paya e Yoani Sanchez. Il nome del vincitore sarà annunciato a ottobre.

redazione
lunedì 27 febbraio 2012 15:21

Bill Clinton, Helmut Kohl, l'Unione europea e il soldato Usa Bradley Manning, sospettato di essere la 'talpa' di WikiLeaks, figurano tra i 231 candidati per il Premio Nobel per la Pace 2012.

"Come sempre, ci sono gli habitué alla 'nomination' e i nuovi arrivati, delle persone famose e degli sconosciuti, provenienti da tutti gli angoli del mondo", ha dichiarato il direttore dell'Istituto Nobel, Geir Lundestad. Con 188 individui e 43 organizzazioni, l'elenco dei candidati al Nobel è vicino al record raggiunto lo scorso anno con 241 nomi in lizza. Il Premio del 2011 è stato assegnato a tre donne: al Presidente della Liberia Ellen Johnson Sirleaf e alla liberiana Leymah Gbowee e alla yemenita Tawakkol Karman.

Altri candidati al Premio sono il medico congolese Dennis Mukwege, i dissidenti cubani Oswaldo Paya e Yoani Sanchez, l'ong russa Memorial e la sua dirigente Svetlana Gannushkina, il politologo americano Gene Sharp, teorico della lotta non- violenta che ha ispirato alcuni protagonisti della primavera araba, il presidente tunisino Moncef Marzouki e l'emittente araba al Jazeera. Il nome del vincitore sarà annunciato a ottobre e il premio verrà consegnato il 10 dicembre, data in cui ricorre l'anniversario della morte del suo fondatore, l'inventore svedese della dinamite Alfred Nobel.