Le ultime 10:

 
Se potessi esprimere un Non Mi Piace, a chi lo daresti tra questi candidati alle Europee?
  • Iva Zanicchi
    18%
  • Alessandro Cecchi Paone
    9,2%
  • Fabrizio Bracconeri
    7,6%
  • Davide Vannoni
    5,9%
  • Syusy Blady
    4,4%
  • Giorgia Meloni
    4,1%
  • Ylenia Citino
    2,4%
  • Alessandra Mussolini
    12,7%
  • Clemente Mastella
    28,4%
  • Moni Ovadia
    7,2%
Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



Media

Troppe spie anche sul web, arriva l'acchiappafantasmi

Google è il diavolo e l'acqua santa. Offre gratis servizi di pregio, utilissimi, indispensabili. In cambio vuole le nostre anime, sotto forma di informazioni personali. [Pino Bruno]

Desk
martedì 6 marzo 2012 11:58

di Pino Bruno

Così fan tutti, nel mondo digitale, da Facebook a Twitter, ai motori di ricerca. Il gratis non è vero gratis e ogni giorno barattiamo pezzi di privacy. Il resto è ipocrisia. Ora, giustamente, si tratta di fare il bilancio tra quanto si ottiene e quanto si da. Va in questo senso il braccio di ferro tra l'Unione Europea e il motore-colosso. In attesa degli eventi, possiamo provare a difenderci adottando piccoli accorgimenti.

La rete offre una miriade di proposte. Tra le tante suggerisco Ghostery, soluzione non esaustiva per non cedere dati personali a destra e a manca. Ghostery è un comodo add on, estensione per browser Firefox, Chrome, Safari, Opera e Internet Explorer. E' strumento discreto, che esegue la scansione della pagina visitata e fa vedere all'utente quali sono le aziende che agiscono sulla quella pagina per succhiare informazioni, più o meno lecitamente. Non solo Google, dunque. Se c'è qualcosa che non convince, si può bloccare lo spione. Il fantasmino colloca un piccolo cruscotto in alto a destra, per monitorare, bloccare, autorizzare...
Le FAQ di Ghostery sembrano convincenti. La prima domanda che ci si pone è questa: non è che per caso, a sua volta, il software ruba dati per conto suo? La risposta è netta: no. Per scaricare e installare lo strumento non ci si deve registrare, non c'è dietro la pubblicità. Già, ma cosa ci guadagnano? Sono mecenati, quelli che offrono Ghostery? No, ecco come si raccontano:

Evidon is a new type of company that brings trust to online advertising by working as an intermediary between consumers, advertisers, industry self-regulatory programs, and government. Evidon helps consumers protect their privacy and keep quality content ad-supported and free. Neither Evidon nor any third party on their behalf is involved in the collection or sale of any data, behavioral or otherwise, for use in ad targeting. Evidon is not an advertising network or behavioral data collection service.

Evidon provides technology that allows the online advertising industry to be more transparent in how they collect and use consumer data. In turn, they give consumers more control over their privacy online. We strongly believe that making disclosure more transparent will raise the quality of the entire online advertising industry by enabling advertisers to grow and innovate.

We realize that this is an ambitious mission. There's going to be an acclimation period as people discover our service in the market and come to understand what we represent. We are a group of individuals from the privacy and technology fields, who believe very strongly that while advertising is here to stay - it powers the vast network of free information consumers rely on - it should not come at the price of an individual's right to privacy.

Se tutto ciò è nelle vostre corde, scaricate qui Ghoster e fate uno sberleffo ai furbetti del quartierino digitale. Se dopo averlo provato non siete convinti, disinstallatelo pure e cercate di meglio.

Ghoster è anche un browser per dispositivi mobili Apple alternativo al Safari tascabile. Si prende qui..

Se volete leggere l'articolo con tutti i link cliccate qui.