Le ultime 10:

 
Qual è il personaggio politico che ultimamente le spara più grosse?
  • La suorina Michaela Biancofiore
    4,9%
  • L'incompreso Maurizio Landini
    13,1%
  • Della ggente de Quarticciolo Paola Taverna
    9%
  • Il marciatore su Roma Mario Borghezio
    7,4%
  • Ladylike Alessandra Moretti
    23,8%
  • Il panda rosso Ignazio Marino
    1,6%
  • La reginetta del selfie Marianna Madia
    9%
  • Il cacciatore di rom Matteo Salvini
    14,8%
  • La maestrina Maria Elena Boschi
    12,3%
  • L'attore di B movie Antonio Razzi
    4,1%

Assicurazione auto e moto Quixa

Un consulente personale tutto per te e la convenienza di un'assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



Life

Proposta dell'Onu: supertasse su bibite gassate e patatine

Il rapporto del comitato per la sicurezza alimentare evidenzia la necessità interventi drastici per combattere un'errata alimentazione.

redazione
martedì 6 marzo 2012 14:03

Supertasse su bibite gassate e patatine e sovvenzioni per frutta e verdura. Questa la sintesi della proposta che verrà presentata oggi da Olivier de Schutter, incaricato dal Comitato per la sicurezza alimentare mondiale di fare il punto sulle conseguenze di un'errata alimentazione nel mondo. La politica alimentare delle Nazioni unite e dei singoli governi deve infatti compiere una sterzata decisiva, se vuole porre rimedio alla deleteria sovralimentazione di una parte del mondo e alla drammatica sottoalimentazione dell'altra.

De Schutter ritiene necessari interventi drastici, ha anticipato la Welt online, come ad esempio il blocco delle sovvenzioni all'industria agroalimentare così come concepite finora, che hanno portato solo a distorsioni paradossali, tanto da rendere più economica la produzione di bevande gassate e junk food, piuttosto che di prodotti ortofrutticoli freschi.

Per agire in direzione opposta, de Schutter propone di supertassare i prodotti alimentari contrari ai principi di un'alimentazione corretta imponendo tributi su limonate, alimenti zuccherati, salati e ricchi di grassi, e sovvenzionando invece frutta e verdura. Sottolineando come una cattiva alimentazione abbia conseguenze enormi sull'economia mondiale. "Le attuali abitudini alimentari sono profondamente disfunzionali- ha concluso De Schutter - il mondo paga un prezzo esorbitante per non riuscire ad imporre principi nutrizionali corretti all'industria alimentare".