Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Le ultime 10:

 
Secondo voi qual è il livello della libertà di stampa in Italia?
  • Bassissimo, basta vedere le classifiche mondiali che ci vedono al 73° posto su 180 paesi monitorati
    11,2%
  • Altissimo, la libertà di informazione è oltre ogni rosea aspettativa
    1,5%
  • Comico, ci sarebbe ma prevale l'autocensura
    4,8%
  • Scarsissimo, c'è ancora il carcere per reati d'opinione
    5,9%
  • Si può fare meglio, ma non siamo certo al fascismo
    4,8%
  • Inesistente, i media sono tutti nelle mani del potere economico-finanziario che determina il bello e cattivo tempo della libertà di stampa
    71,7%

Assicurazione auto e moto Quixa

Un consulente personale tutto per te e la convenienza di un'assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



Media

Confalonieri: a Mediaset rischio licenziamenti

Pubblicità, se il settore non parte è crisi. Senza prospettive, inevitabile tagliare. Messaggio sottinteso: non fateci pagare le nuove reti digitali, altrimenti...

Desk
giovedì 8 marzo 2012 12:08

Mediaset come anche altre aziende editoriali potrebbe essere costrette a tagliare i propri posti, quindi anche a licenziare personale, se il mercato pubblicitario non dovesse ripartire. A sottolinearlo è stato il presidente della stessa azienda, Fedele Confalonieri, nel corso di una audizione alla commissione Bilancio della Camera. Difficilmente casuale il rifiuto Pdl del vertice con Monti da Rai, giustizia e frequenze digitali.

Confalonieri ha spiegato che Mediaset ha un "modello di business fondato sulla salute del paese. Ad esempio - ha detto - il mercato pubblicitario del 2011 è stato simile a quello del 2002. E un mercato che non cresce impone alle aziende scelte più di carattere recessivo che orientate allo sviluppo. Se non ci sono prospettive tagliare un miliardo di investimenti e due miliardi di costi diventa indispensabile".

Confalonieri ha sottolineato tuttavia che non è questo quello che Mediaset intende fare ma "bisogna che il sistema Paese si renda conto di questo". Confalonieri inoltre ha spiegato che una azienda "come Mediaset che ha avuto una forte contrazione dei ricavi con una conseguente contrazione dei profitti ha deciso di non tagliare l'occupazione. Ma se non si pongono le basi per una ripresa del mercato pubblicitario sarà inevitabile farlo".