Le ultime 10:

 
Che cosa ne pensate dei risultati del Governo Renzi?
  • Ha ragione la Cei: basta promesse
    4,8%
  • Ha ottenuto il 41% quindi deve essere lasciato libero di governare
    8,7%
  • Finita la propaganda fatta a slogan e promesse non resta niente
    51,9%
  • Finita la luna di miele: o dà risultati e è meglio cambiare
    6,1%
  • La rottamazione non ha portato i frutti sperati
    2,6%
  • Non basta essere giovani occorre essere competenti
    12,1%
  • Non comanda più la politica, comanda la finanza internazionale. Quindi Renzi può poco
    13,9%

Assicurazione auto e moto Quixa

Un consulente personale tutto per te e la convenienza di un'assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



Media

Twitter segreta rivende a peso d'oro i nostri dati

Il social network ha ceduto tutti i tweet degli ultimi due anni per 250 milioni di dollari a due società inglesi per farne uso commerciale. E la privacy? [Pino Bruno]

Desk
venerdì 9 marzo 2012 16:00

di Pino Bruno

Quanto valgono miliardi di tweet? Devono valere molto, perché Twitter li vende a due aziende inglesi, Gnip e Datasift, che hanno il permesso di farne uso commerciale. Così scrive il sito francese di controinformazione OWNI, che pubblica un'inchiesta approfondita sui retroscena di questo imbroglio (in italiano nel testo) giuridico. Ebbene, la vendita dei cinguettii archiviati negli ultimi due anni avrebbe fruttato 250 milioni di dollari. L'accordo tra Twitter, Gnip e Datasift apre l'accesso ai tweet e ad altre informazioni collaterali, utili per l'analisi approfondita di gusti, preferenze, comportamenti sociali. Restano privati i messaggi diretti tra gli utenti e i tweet cancellati.

D'altronde, fanno notare i giornalisti di OWNI, Twitter ha cambiato più volte le condizioni d'uso del social network. L'ultima Informativa sulla Privacy è del 23 giugno 2011. Vi si legge chiaramente che:

Quando utilizzi uno dei qualsiasi nostri servizi, acconsenti alla raccolta, al trasferimento, alla manipolazione, alla conservazione, alla divulgazione e ad altri usi delle vostre informazioni come descritto in questa Informativa sulla Privacy. Indipendentemente da quale Paese tu provenga o crei le informazioni, i tuoi dati potranno essere utilizzati da Twitter negli Stati Uniti o in qualsiasi altro Paese in cui opera Twitter.

.richiediamo ad alcuni soggetti terzi con i quali abbiamo un rapporto di fiducia di svolgere funzioni e di fornirci servizi. Potremmo condividere le tue informazioni personali con questi soggetti terzi, ma solo nei limiti di quanto necessario per svolgere queste funzioni e per la fornitura di tali servizi e solo in accordo con le obbligazioni assunte in merito alla protezione prevista da questa Informativa sulla Privacy.

.Possiamo rivedere questa Informativa sulla Privacy di tanto in tanto. La versione più aggiornata dell'informativa regolerà il nostro uso delle tue informazioni e sarà sempre in https://twitter.com/privacy. Se facciamo una modifica a questa politica che, a nostra esclusiva discrezione, è sostanziale, ti informeremo tramite aggiornamento di @Twitter o e-mail all'indirizzo associato al tuo account. Continuando ad accedere o utilizzare i Servizi dopo che tali modifiche siano entrate in vigore, accetti di essere vincolato dall'Informativa modificata.


In origine Twitter era considerata una delle reti più "leali" nei confronti dei suoi utenti e, dal punto di vista del rispetto della privacy, si discostava nettamente da Facebook, molto più aggressiva nell'utilizzo di informazioni degli utenti. Il motto di Twitter era "Ciò che è tuo è tuo".

Poi, nella corsa verso la redditività, l'impegno è diventato più vago e sono cominciate le polemiche, le proteste, le rivendicazioni giudiziarie.

Il problema è sempre lo stesso. I colossi digitali ci danno servizi e chiedono in cambio di sapere tutto di noi. Vogliono essere pure autorizzati a vendere ad altri le nostre informazioni personali. Ci dicono: o così o nisba, se volete stare in questo mondo.

L'Unione Europea sta ingaggiando una dura battaglia con Google per imporre regole più trasparenti e rispettose del diritto dei cittadini alla riservatezza dei dati personali.

In attesa degli esiti continuiamo pure a cinguettare, ma con la consapevolezza di cedere ogni giorno un pezzo della nostra vita.

L'approfondita inchiesta di Owni è qui.

Se vuoi leggere l'articolo con tutti i link clicca qui.