Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Le ultime 10:

 
Roma capitale del degrado. La stampa estera si accanisce sulle condizioni della città eterna. Secondo voi Roma ha bisogno di:
  • Un rilancio della giunta Marino, come sta avvenendo con il rimpasto
    8,4%
  • Nuove elezioni con Marino ricandidato
    10,1%
  • Nuove elezioni, ma che vinca un sindaco di Cinque Stelle
    14,3%
  • Nuove elezioni, ma il Pd candidi a sindaco uno diverso da Marino
    10,1%
  • Nuove elezioni, chiunque vinca è meglio di Marino
    16,8%
  • Nuove elezioni e un sindaco della società civile
    12,6%
  • Un commissariamento e i pieni poteri al prefetto
    5,9%
  • Di niente, perché il degrado è endemico: non c'è niente da fare
    21,8%

Assicurazione auto e moto Quixa

Un consulente personale tutto per te e la convenienza di un'assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



Green

Lo strano caso dei cerchi di grano nel deserto saudita

Nel bel mezzo di una delle aree più secche del mondo si coltivano grano e frutta grazie all'acqua geologica, pompata in tondo dai giacimenti. [Lorenzo Declich]

lunedì 12 marzo 2012 11:33

di Lorenzo Declich

Immagini dall'alto del deserto saudita mostrano strani cerchi in mezzo ai capi di grano. La Nasa ha fotografato meglio l'area, denominata al-Basayta, e la coltura risulta all'oggi più estesa di quanto appaia nelle mappe di Google. Siamo nel mezzo di uno dei deserti più secchi del pianeta. Ci coltivano grano e prodotti ortofrutticoli. Secondo il "caption" della Nasa collegato a questa immagine questi campi sono il frutto di una ricerca sponsorizzata dal governo saudita e finanziata con i proventi del petrolio.

I campi sono irrigati con acqua "geologica", pompata da giacimenti sotterranei non rinnovabili. Viene distribuita in senso circolare a partire dal "pozzo", ed è per questo che si ottengono campi perfettamente tondi. La tecnica è nota come "center-pivot agriculture" (qui trovate un articolo scientifico sull'acqua in quest'area e sullo sviluppo agricolo relativo). In questo caso i campi hanno un diametro di circa un chilometro.

Nelle immagini si possono notare differenze colorazioni: i cerchi più verdi sono campi attivi, gli altri sono in semina o abbandonati.

Immagino che anche voi capiate, contando i cerchi verdi e quelli marroni, che questo modo di fare agricoltura non ha un gran futuro. Visto anche lo sforzo di far fiorire il deserto usando i soldi del petrolio direi che possiamo soffermarci unicamente su quanto sia suggestivo tutto questo.

E' un po' come guardare dall'alto l'isola a forma di palma di Dubai.