Le ultime 10:

 
Tavecchio nuovo presidente della Figc: una scelta giusta?
  • Sì, contro di lui solo fango mediatico
    12%
  • No, è una vergogna per il calcio e lo sport
    79,6%
  • Sì e no: l'uno vale l'altro
    8,5%

Assicurazione auto e moto Quixa

Un consulente personale tutto per te e la convenienza di un'assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



Politics

Vendola: basta minacce alla Sgrena

Il leader di Sel interviene dopo una nuova ondata di insulti contro la giornalista, sotto attacco per un articolo scritto su Globalist riguardo ai marò.

redazione
sabato 17 marzo 2012 19:38

Il leader di Sinistra Ecologia e Libertà Nichi Vendola è dalla parte di Giuliana Sgrena, pesantemente criticata dopo gli articoli sui marò pubblicati da Globalist.

"Il reiterarsi di minacce gravi ed ignominiose nei confronti di Giuliana Sgrena- afferma Vendola - per alcune sue posizioni espresse sulla vicenda dei marò italiani è un fatto inaudito ed inaccettabile".

Il presidente di Sel ha espresso la solidarietà del suo partito alla giornalista oggetto di pesanti minacce in rete da alcuni giorni per i suoi articoli scritti sul nostro sito, cui la Sgrena ha aderito con il suo sito personale.

"Giuliana - prosegue il leader di Sel - non è solo una straordinaria giornalista e una dirigente del nostro partito, è soprattutto una donna coraggiosa della cui amicizia e vicinanza sono orgoglioso, essendo inoltre impegnata nell'affermazione dei diritti umani, delle donne e nella difesa dei valori di pace che sono a fondamento della nostra Costituzione".

"Per questo motivo - spiega Vendola - intendo segnalare con la massima urgenza alle autorità competenti la necessità di intervenire per reprimere i comportamenti minacciosi e violenti presenti nelle migliaia di inquietanti messaggi che sono stati recapitati personalmente a Giuliana e alle riviste, alle trasmissioni televisive di cui è stata ospite. Sel sarà a fianco di Giuliana nel sostenere ogni iniziativa volta a tutelarne la insopprimibile libertà di espressione e di serenità personale".