Le ultime 10:

 
Dopo la scivolata razzista Tavecchio può diventare presidente della Figc?
  • Assolutamente no, si dovrebbe dimettere anche da gli altri incarichi
    71,5%
  • No, anche se una frase sbagliata da sola non significa razzismo
    10,8%
  • Sì, perché è competente di calcio
    1,5%
  • Sì, perché è tutta una strumentalizzazione
    9,2%
  • Non so: affari loro non mi interessa il calcio
    6,9%

Assicurazione auto e moto Quixa

Un consulente personale tutto per te e la convenienza di un'assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



World

Tutti in Islanda

E' quasi raddoppiato il numero degli stranieri negli ultimi dieci anni. Il gruppo più numeroso è rappresentato dai polacchi.

redazione
mercoledì 21 marzo 2012 15:19

Il numero di residenti stranieri regolari in Islanda è quasi raddoppiato negli ultimi dieci anni. Mentre l'immigrazione ha conosciuto un andamento costante a partire da metà Anni '90, con una lieve flessione durante la crisi finanziaria, la percentuale di stranieri residenti nel Paese è ancora relativamente bassa. Nel 2002 gli stranieri erano il 3,4% della popolazione totale, oggi sono 20957 e cioè il 6,6%.

Secondo i dati di Statistics Iceland il gruppo più numeroso è rappresentato dai polacchi (9049, il 43,2% del totale), seguiti dai lituani (7,7%) e dai tedeschi (4,4%). Il maggior numero di stranieri vive nelle regioni di Su?urnes e Westfjords, dove rappresentano circa il 9% della popolazione totale delle due regioni. Nel nordest invece si conta la percentuale più bassa di immigrati in assoluto (3,6%).

Nonostante quanto rilevato, gli stranieri che prendono la cittadinanza islandese sono sempre meno: 450 nel 2010, 370 nel 2011, il numero più basso dal 2002