Le ultime 10:

 
Secondo voi qual è il livello della libertà di stampa in Italia?
  • Bassissimo, basta vedere le classifiche mondiali che ci vedono al 73° posto su 180 paesi monitorati
    11,5%
  • Altissimo, la libertà di informazione è oltre ogni rosea aspettativa
    1,3%
  • Comico, ci sarebbe ma prevale l'autocensura
    4,9%
  • Scarsissimo, c'è ancora il carcere per reati d'opinione
    6,6%
  • Si può fare meglio, ma non siamo certo al fascismo
    4,7%
  • Inesistente, i media sono tutti nelle mani del potere economico-finanziario che determina il bello e cattivo tempo della libertà di stampa
    70,9%

Assicurazione auto e moto Quixa

Un consulente personale tutto per te e la convenienza di un'assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



Economy

Iva, ma quanto ci costi

La Fiesa/Confesercenti ha rilevato che dall'aumento dell'imposta per il valore aagiunto le famiglie spenderanno più di 66 euro l'anno solo per gli alimenti.

redazione
mercoledì 21 marzo 2012 10:36

L'aumento dell'Iva ordinaria (dal 20% al 23,5%) e dell'aliquota intermedia (dal 10 al 12,5%) comporterebbero un aggravio di spesa per le famiglie di circa 66 euro l'anno solo per il comparto alimentare.

E' l'allarme lanciato dalla Fiesa-Confesercenti che chiede al Governo di rimandare al prossimo anno gli aumenti sull'Iva per evitare di dare un ultimo, decisivo colpo al potere d'acquisto delle famiglie italiane, ai consumi, gia' stagnanti da anni.

Secondo l'organizzazione, "duemila negozi alimentari rischiano di chiudere definitivamente i battenti entro il prossimo autunno in ragione del combinato effetto degli aumenti di Imu, utenze e stretta immobiliare. Il peso dei prodotti su cui grava l'Iva ordinaria è pari al 100% per le bevande alcoliche e al 5% per i prodotti alimentari e le bevande analcoliche. Questo vuol dire che un aumento delle aliquote ordinarie così come previsto porterebbe un aggravio per le famiglie di 20 euro l'anno. A questo si deve aggiungere l'aumento dell'Iva al 10%. I prodotti su cui grava quest'ultima rappresentano circa il 33,5% del comparto prodotti alimentari e bevande analcoliche. L'aumento dell'aliquota ridotta porterebbe un aumento di spesa di 46 euro l'anno".