Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Le ultime 10:

 
Sei il cameraman cinese sulle ruote e dopo Bolt vuoi abbattere un altro big: chi scegli?
  • Angela Merkel per vedere se fa la capriola
    7,4%
  • Ignazio Marino se torna dalle ferie
    10,4%
  • Claudio Lotito quando parla in latinorum
    5,7%
  • Matteo Salvini se esce da uno studio televisivo
    10,9%
  • Matteo Renzi mentre si fa il millesimo selfie del giorno
    49,1%
  • Maria Luisa Boschi per vedere l'effetto che fa
    4,8%
  • Monica Maggioni per vedere chi c'è dietro
    7,4%
  • Mario Balotelli per vedere se chiede rigore
    4,3%

Assicurazione auto e moto Quixa

Un consulente personale tutto per te e la convenienza di un'assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



World

L'Italia è responsabile della morte di 63 migranti

E' quanto si legge nel rapporto del Consiglio d'Europa in merito alla tragedia in mare dello scorso marzo, in cui persero la vita decine di africani partiti dalla Libia.

redazione
giovedì 29 marzo 2012 15:55

''L'Italia, come primo Stato ad aver ricevuto la chiamata di aiuto e sapendo che la Libia non poteva ottemperare ai propri obblighi, avrebbe dovuto assumere la responsabilità del coordinamento delle operazioni di soccorso''. Il comitato per l'immigrazione dell'assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa ha chiuso il rapporto sulla morte di 63 immigrati nel Mediterraneo a marzo 2011. Fu una serie di errori commessi dalle navi della Nato e dalla guardia costiera europea a condannare decine di migranti africani lo scorso marzo, lasciati morire di fame e di sete sulle loro imbarcazioni alla deriva nel Mar Mediterraneo, dopo che le loro richieste di aiuto vennero ignorate.

La vicenda era stata denunciata lo scorso maggio dal quotidiano britannico The Guardian, che oggi pubblica in esclusiva le conclusioni dell'inchiesta. Nel rapporto si sottolineano anche le gravi responsabilità della Nato e dei singoli paesi che hanno partecipato alla guerra in Libia e che avevano navi che in quel momento solcavano quel tratto del Mediterraneo.