Le ultime 10:

 
Come si sta comportando il Governo Renzi sugli scenari di crisi internazionali?
  • Bene, con presenzialismo e idee chiare
    8,9%
  • Così e così, paga un po' l'inesperienza
    12,2%
  • Decisionismo e decisioni mediatiche: non è una buona strada
    17,1%
  • Le crisi internazionali non si risolvono con una battuta
    16,3%
  • All'Italia manca uno statista di levatura internazionale
    15,4%
  • Male, invece di mandare armi occorreva pensare soluzioni di pace
    30,1%

Assicurazione auto e moto Quixa

Un consulente personale tutto per te e la convenienza di un'assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



World

L'Italia è responsabile della morte di 63 migranti

E' quanto si legge nel rapporto del Consiglio d'Europa in merito alla tragedia in mare dello scorso marzo, in cui persero la vita decine di africani partiti dalla Libia.

redazione
giovedì 29 marzo 2012 15:55

''L'Italia, come primo Stato ad aver ricevuto la chiamata di aiuto e sapendo che la Libia non poteva ottemperare ai propri obblighi, avrebbe dovuto assumere la responsabilità del coordinamento delle operazioni di soccorso''. Il comitato per l'immigrazione dell'assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa ha chiuso il rapporto sulla morte di 63 immigrati nel Mediterraneo a marzo 2011. Fu una serie di errori commessi dalle navi della Nato e dalla guardia costiera europea a condannare decine di migranti africani lo scorso marzo, lasciati morire di fame e di sete sulle loro imbarcazioni alla deriva nel Mar Mediterraneo, dopo che le loro richieste di aiuto vennero ignorate.

La vicenda era stata denunciata lo scorso maggio dal quotidiano britannico The Guardian, che oggi pubblica in esclusiva le conclusioni dell'inchiesta. Nel rapporto si sottolineano anche le gravi responsabilità della Nato e dei singoli paesi che hanno partecipato alla guerra in Libia e che avevano navi che in quel momento solcavano quel tratto del Mediterraneo.