Città invisibili di Italo Calvino ispirano un progetto per la cittadinanza artistica a Roma
Top

Città invisibili di Italo Calvino ispirano un progetto per la cittadinanza artistica a Roma

Nell'anno che commemora il centenario della nascita di Italo Calvino, uno dei suoi celebri romanzi, una delle "Città Invisibili", dà il titolo a un lungometraggio a episodi

Città invisibili di Italo Calvino ispirano un progetto per la cittadinanza artistica a Roma
Preroll

globalist Modifica articolo

2 Dicembre 2023 - 01.56


ATF

Nell’anno che commemora il centenario della nascita di Italo Calvino, uno dei suoi celebri romanzi, una delle “Città Invisibili”, dà il titolo a un lungometraggio a episodi: “TECLA nella famosa foresta chiamata Fantasia”. Quest’opera è stata realizzata dagli studenti e dalle studentesse di tre scuole romane: l’IC E. Castelnuovo, l’IC P. Mattarella e l’IC S. Salacone. Il film, frutto del progetto “TECLA. Costruire cittadinanza attraverso l’arte”, sarà presentato in anteprima il 4 dicembre, presso il Cinema Nuovo Aquila, alle 9:30.

L’evento, riservato alle scuole coinvolte nel progetto, vedrà la partecipazione attiva di docenti, studenti e studentesse. Saranno presenti anche formatori e formatrici che, durante laboratori svolti nel corso dell’anno, hanno guidato i giovani filmmaker alla scoperta delle tecniche cinematografiche, tra finzione, documentario e stop motion, nonché delle possibilità esplorative della fotografia, usando come spunto il territorio che li circonda.

“Questo viaggio verso TECLA ha origini lontane, è il frutto di un legame consolidato con dirigenti scolastici, docenti e un gruppo straordinario di collaboratori che hanno dato vita a questo progetto”, ha dichiarato Simone Moraldi, responsabile scientifico del progetto. “Desidero esprimere un particolare ringraziamento alla dirigente scolastica dell’IC Emma Castelnuovo, Dolores Marrone, senza la quale questo progetto non sarebbe stato possibile”.

Leggi anche:  Bafta 2024, trionfa "Oppenheimer" con 7 premi: ancora un flop per "Barbie", che resta a secco

L’iniziativa, promossa dall’IC E. Castelnuovo, capofila con la Dirigente Dolores Marrone, ha coinvolto attivamente anche l’IC P. Mattarella con la Dirigente Annarita Tiberio e l’IC S. Salacone con la Dirigente Rosanna Labalestra. Il progetto è stato realizzato in collaborazione con ArtedelContatto, Melting Pro, CiaksipArte, Fujakkà Lab e il Municipio IV di Roma, nell’ambito del Piano Nazionale Cinema e Immagini per la Scuola, sostenuto dal Ministero della Cultura e dal Ministero dell’Istruzione e del Merito.

Native

Articoli correlati