Hollywood, aperto negoziato fra tecnici e studios
Top

Hollywood, aperto negoziato fra tecnici e studios

Costumisti, truccatori, montatori, direttori della fotografia o del suono chiedono all'Alleanza dei produttori migliori tutele sul lavoro

Hollywood, aperto negoziato fra tecnici e studios
Preroll

redazione Modifica articolo

22 Marzo 2024 - 10.41 Culture


ATF

A pochi giorni di distanza dalla notte degli Oscar, Hollywood scongiura un nuovo sciopero. 170.000 tecnici seguono con apprensione la trattativa cominciata il 4 marzo tra Studios e Iatse, il sindacato dei lavoratori dietro le quinte di cinema e tv, il cui contratto triennale scade il 31 luglio. 

Dopo lo sciopero degli attori da maggio a novembre 2023, ora, davanti ai cancelli degli Studios scendono costumisti, truccatori, montatori, direttori della fotografia o del suono, chiedendo all’Alleanza dei produttori aumenti salariali e adeguamenti all’inflazione, nonché protezioni contro l’Intelligenza artificiale, miglioramenti per fondi pensionistici e assicurazioni mediche.

 Il 3 marzo, alla vigilia dell’avvio della contrattazione, i lavoratori hanno tenuto una manifestazione unitaria, al motto: “Molti artigiani, una sola lotta”. Li ha ricordati lo stesso Jimmy Kimmel nel suo monologo di apertura agli Oscar, provocando una standing ovation delle star riunite al Dolby Theatre: “Prima di celebrarci, facciamo un meritato applauso a tutti quelli che stanno dietro le quinte e che l’anno scorso hanno rispettato i nostri presidi”. 

Leggi anche:  In Sicilia torna il cinema dipinto sui muri

Tuttavia, le case di produzione e i servizi di streaming hanno già piani per tagliare costi e personale, per film e serie tv, ma soprattutto per chi vive della loro realizzazione. Potrebbe così aprirsi un’altra stagione di scioperi.

Native

Articoli correlati