"Smog", il film del '62 di Franco Rossi ritrovato e restaurato
Top

"Smog", il film del '62 di Franco Rossi ritrovato e restaurato

Un'importante operazione congiunta di recupero tra la Cineteca di Bologna e della UCLA, che ha permesso di riportare alla luce un film che per anni è stato dimenticato.

"Smog", il film del '62 di Franco Rossi ritrovato e restaurato
Preroll

redazione Modifica articolo

9 Aprile 2024 - 19.03 Culture


ATF

La 23ª edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, nell’agosto del 1962, si aprì con Smog, film di Franco Rossi girato l’anno precedente a Los Angeles. Tra i divi che sbarcano al Lido quell’anno ci furono: Burt Lancaster, protagonista de L’uomo di Alcatraz di John Frankenheimer, e Sue Lyon, la Lolita di Stanley Kubrick (che però disertò il festival). Presenti anche Pier Paolo Pasolini con Mamma Roma e Roman Polanski con Il coltello nell’acqua.

Dopo quella proiezione di apertura, Smog cadde nell’oblio e le sue bobine andarono perse. Solo nel 2023, grazie a un finanziamento di 75.000 dollari della Hollywood Foreign Press (ora Golden Globe Foundation), la Cineteca di Bologna e l’Università della California di Los Angeles (UCLA) hanno collaborato per ritrovare e restaurare la pellicola.

Rinato nella sua versione originale di 101 minuti, Smog è stato proiettato a giugno 2023 al Cinema Ritrovato di Bologna e, a distanza di 60 anni dalla sua realizzazione, torna a Los Angeles per chiudere la 21ª edizione del Festival of Preservation, organizzato dal UCLA Film & Television Archive.

Leggi anche:  Parthenope di Sorrentino arriverà nelle sale il 24 ottobre

“È il primo film italiano ad essere interamente girato negli Stati Uniti”, spiega May Hong HaDuong, direttrice dell’archivio UCLA, introducendo la prima proiezione della pellicola nella città in cui è stato girato. “Un’operazione inconsueta per quegli anni in cui eravamo noi ad andare lì, a usare i teatri e le maestranze di Cinecittà”.

“Questa è la première hollywoodiana che il film non ha mai avuto”, sorride Luca Celada, giornalista che ha guidato il programma di restauro della Hollywood Foreign Press e che ha accompagnato l’opera alla sua seconda vita.

Native

Articoli correlati