Sospettato di femminicidio in Francia, un franco-algerino è stato arrestato a Genova: ecco le accuse
Top

Sospettato di femminicidio in Francia, un franco-algerino è stato arrestato a Genova: ecco le accuse

Lo straniero, sospettato di aver ucciso la propria compagna ad Antibes, alla vista degli agenti aveva tentato frettolosamente di uscire dalla stazione di Genova.

Sospettato di femminicidio in Francia, un franco-algerino è stato arrestato a Genova: ecco le accuse
Polizia
Preroll

globalist Modifica articolo

14 Maggio 2024 - 10.13


ATF

Un uomo franco algerino di 44 anni è stato fermato dalla polizia di Genova, dove stava cercando di imbarcarsi verso l’Algeria. L’uomo è accusato di aver ucciso qualche giorno fa la propria compagna nel comune di Antibes, in Francia. Il 44enne era appena giunto in Italia attraverso la frontiera di Ventimiglia.

A fermarlo per un controllo è stata la Polizia ferroviaria di Genova, alla stazione di Brignole, insospettita dal fatto che lo straniero alla vista degli agenti aveva tentato frettolosamente di uscire dalla stazione. Il nervosismo dimostrato dal 44enne durante la sua identificazione ha spinto i poliziotti ad approfondire le verifiche sul suo conto.

Di qui la scoperta del mandato di arresto europeo emesso nei suoi confronti proprio questa stessa mattinata dalla Corte d’Appello del Tribunale Giudiziario della città di Grasse (Francia).

 L’11 maggio scorso era stato proprio l’uomo ad allertare telefonicamente i servizi di emergenza, dicendo di non aver più notizie della compagna, che avrebbe dovuto trovarsi presso la sua abitazione di Antibes. Quando le autorità francesi sono giunte al suo domicilio, hanno trovato il corpo della donna senza vita e con numerose tracce di gravi traumi subiti. Contestualmente l’uomo, Z.F. le sue iniziali, si è disfatto del suo cellulare e ha fatto perdere le proprie tracce.

Leggi anche:  Turetta spiava Giulia Cecchettin con un'app installata sul suo cellulare: contestata l'aggravante della premeditazione

Lo straniero nel 2022 era già stato condannato dallo stesso Tribunale per alcune violenze perpetrate nei riguardi della compagna e il giudice lo aveva sottoposto al divieto di avvicinamento alla donna sino al 25 febbraio del 2025.

I successivi accertamenti effettuati dalla polizia ferroviaria insieme con la divisione Sirene del Servizio di cooperazione internazionale di polizia e del Centro di cooperazione di polizia di Ventimiglia, e con la collaborazione degli stessi organi di polizia francese, hanno permesso di accertare che l’uomo stava tentando di fuggire in Algeria.

Dopo aver informato la competente autorità giudiziaria, i poliziotti lo hanno condotto nel carcere di Marassi in attesa di estradizione in Francia. 

Native

Articoli correlati