Europee, Mimmo Lucano si candida con Avs: "Ho detto di no al Pd perché ha accettato la guerra e l'invio di armi"
Top

Europee, Mimmo Lucano si candida con Avs: "Ho detto di no al Pd perché ha accettato la guerra e l'invio di armi"

Bonelli e Fratoianni: «La scelta di Mimmo Lucano di accettare la nostra proposta di candidarsi come indipendente nelle liste di Alleanza Verdi Sinistra rappresenta una splendida notizia e ci rende felici».

Europee, Mimmo Lucano si candida con Avs: "Ho detto di no al Pd perché ha accettato la guerra e l'invio di armi"
Preroll

globalist Modifica articolo

28 Febbraio 2024 - 13.43


ATF

Mimmo Lucano, ex sindaco di Riace, si candida con Avs alle prossime elezioni europee. Ad annunciarlo sono i due leader Nicola Fratoianni e Angelo Bonelli.

«La scelta di Mimmo Lucano di accettare la nostra proposta di candidarsi come indipendente nelle liste di Alleanza Verdi Sinistra rappresenta una splendida notizia e ci rende felici. Quella di Mimmo è una storia collettiva di pace, accoglienza e centralità dei beni comuni. Per noi, la sua scelta è una conferma del percorso fatto fino a qui».  

«Alleanza Verdi Sinistra può essere, sempre di più, un punto di riferimento e uno strumento per chi pensa che sia necessaria una forza politica coraggiosa e radicale sulle grandi questioni del nostro tempo, Pace, giustizia ambientale e giustizia sociale; e nello stesso tempo impegnata con tutte le proprie forze perché di fronte alla destra italiana ed europea che nega la crisi climatica e aggredisce diritti umani si costruisca una lista in grado di offrire un’ alternativa».

 «Anche il Partito democratico ha insistito per una mia candidatura alle Europee, dandomi tutte le garanzie che volevo. Ma io non potevo legarmi ad un partito che ha accettato la guerra e l’invio delle armi all’Ucraina». Così l’ex sindaco di Riace, Millo Lucano, parlando con l’Ansa.

Leggi anche:  Europee, Bonelli (Avs): "Aiuteremo il centrosinistra a uscire dal dualismo litigioso tra Pd e M5s"

«Non ho voluto accettare – ha aggiunto Lucano – una candidatura più facile e per la quale il raggiungimento del quorum non sarebbe stato un problema. Non so quanti politici rifiutano candidature sicure e scelgono l’incerto, ma io l’ho fatto».

Secondo l’ex sindaco di Riace, inoltre, Il Pd è anche un partito che ha accettato il neoliberismo e lo spettro che si cela dietro l’odissea dei viaggi della speranza che poi portano a tragedie come quella di Cutro”. (ANSA).

Native

Articoli correlati