Emma Bonino risponde al Vaticano su maternità surrogata e aborto: "Il peccato non può diventare reato"
Top

Emma Bonino risponde al Vaticano su maternità surrogata e aborto: "Il peccato non può diventare reato"

Emma Bonino risponde al Vaticano dopo il documento Dignitas Infinita: "Da politica e da legislatore ho sempre pensato che in un Paese libero e democratico il peccato non può diventare reato".

Emma Bonino risponde al Vaticano su maternità surrogata e aborto: "Il peccato non può diventare reato"
Emma Bonino
Preroll

globalist Modifica articolo

9 Aprile 2024 - 09.22


ATF

Emma Bonino, intervistata dal Corriere della Sera, ha parlato della posizione del Vaticano su temi quali la maternità surrogata, l’aborto e la teoria gender, espressi nel documento Dignitas Infinita . «Da non credente, rispetto le posizioni della Chiesa, cerco di cogliere gli elementi di continuità e quelli di innovazione. Ma da politica e da legislatore ho sempre pensato che in un Paese libero e democratico il peccato non può diventare reato».

«La condanna dell’aborto è in linea con la dottrina della Chiesa. Non posso condividerla, come si sa mi sono battuta per la legge sull’aborto e penso sia stato un passo importante contro la piaga dell’aborto clandestino. Condivido invece l’enfasi, sacrosanta, sulla dignità dei migranti calpestata. La destra è reazionaria sui diritti civili, rivendica di uniformarsi alle posizioni della Chiesa, ma si dimentica delle parole del Papa sui migranti».

C’è poi la questione della maternità surrogata che secondo Bonino «non può essere affrontata con la proibizione universale, ma con una regolazione che bilanci i diritti in gioco, anche mettendo paletti invalicabili».

Leggi anche:  Prova a rivendere un manoscritto antico su Bernini: arrestato in Vaticano ex dipendente della Fabbrica di San Pietro

Infine, la battaglia per l’eutanasia per cui Bonino sostiene le iniziative dell’Associazione Coscioni sul fine vita. «Penso che cattolici e laici non dovrebbero ripetere lo scontro che ci fu su divorzio e aborto e farebbero bene invece ad arrivare ad una legge che consenta ai malati che lo vogliono di potersi autodeterminare alla fine della propria esistenza».

Native

Articoli correlati