Galan grida al complotto dei magistrati contro Giorgia: "L'hanno messa nel mirino come fecero con Berlusconi"
Top

Galan grida al complotto dei magistrati contro Giorgia: "L'hanno messa nel mirino come fecero con Berlusconi"

Galan accusa la magistratura: «Alcuni giudici hanno messo nel mirino Giorgia e il suo governo, proprio come hanno fatto con Berlusconi. L'atteggiamento dell'Anm non è altro che la difesa a tutti i costi di una casta».

Galan grida al complotto dei magistrati contro Giorgia: "L'hanno messa nel mirino come fecero con Berlusconi"
Giancarlo Galan
Preroll

globalist Modifica articolo

13 Maggio 2024 - 09.28


ATF

Il complottismo becero della destra di governo passa anche per la questione giudiziaria. L’ex ministro ed ex governatore del Veneto Giancarlo Galan, in un’intervista al Tempo, ha accusato le toghe di voler perseguitare Giorgia Meloni come già accaduto con Silvio Berlusconi.

«Alcuni giudici hanno messo nel mirino Giorgia e il suo governo, proprio come hanno fatto con Berlusconi. L’atteggiamento dell’Anm non è altro che la difesa a tutti i costi di una casta».

Quanto alla riforma Nordio afferma: «La sua è una riforma discreta, se poi la si rispetta. Avendo studiato giurisprudenza, mi hanno insegnato tanti principi. Mi riferisco alla presunzione d’innocenza, al favor rei e a mille altre cose, su cui non ho sentito ancora una parola degna di nota. E’ scandaloso. Uno è condannato prima ancora del processo. Toti, che pure non mi è mai stato simpatico, ad esempio, è già finito».

E a proposito dell’inchiesta ligure dice: «Ho più di qualche sospetto, come lo ho avuto rispetto a tanti altri arresti, avvenuti poco prima delle elezioni. Questi sono i casi che testimoniano l’urgenza di riformare». 

Leggi anche:  Lavoro, De Cristofaro (Avs): "Il popolo muore mentre Giorgia Meloni fa gli interessi degli imprenditori"
Native

Articoli correlati