Giacomo Matteotti veniva ucciso 100 anni fa dai fascisti, Mattarella: "La Repubblica si inchina alla sua memoria"
Top

Giacomo Matteotti veniva ucciso 100 anni fa dai fascisti, Mattarella: "La Repubblica si inchina alla sua memoria"

Mattarella: "Con lucidità Matteotti vide la progressiva demolizione delle libertà garantite dallo Statuto Albertino da parte del fascismo e ne denunciò conseguenze e implicazioni"

Giacomo Matteotti veniva ucciso 100 anni fa dai fascisti, Mattarella: "La Repubblica si inchina alla sua memoria"
Sergio Mattarella
Preroll

globalist Modifica articolo

10 Giugno 2024 - 10.42


ATF

Sergio Mattarella ha celebrato il 100esimo anniversario dell’omicidio di Giacomo Matteotti, commesso dalle squadracce fasciste di Benito Mussolini. 

«Con lucidità Matteotti vide la progressiva demolizione delle libertà garantite dallo Statuto Albertino da parte del fascismo e ne denunciò conseguenze e implicazioni, mentre nelle classi dirigenti italiane non si faceva strada analoga coscienza».

«Il coraggio che animò la sua ultima, drammatica denuncia dai banchi di Montecitorio costituisce non soltanto un inno alla libertà e un testamento politico di perenne validità ma, altresì, un atto di fedeltà al Parlamento. Quel Parlamento che costituisce il cuore di ogni democrazia viva e che venne umiliato dal regime, sino alla sua soppressione. La Repubblica si inchina alla memoria di Giacomo Matteotti, difensore dei ceti subordinati e martire della democrazia».

Leggi anche:  Sergio Mattarella a Chisinau: "Libertà e democrazia non sono mai garantite, vanno difese e consolidate”
Native

Articoli correlati