Ciotti sfiduciato da Les Républicains dopo l'apertura a Le Pen: lui si chiude a chiave nella sede del partito
Top

Ciotti sfiduciato da Les Républicains dopo l'apertura a Le Pen: lui si chiude a chiave nella sede del partito

Éric Ciotti, il leader del principale partito di destra francese, Les Républicains, ha promesso che rimarrà al suo posto nonostante i membri chiave del suo partito abbiano votato all’unanimità per estrometterlo per la sua proposta di alleanza con Le Pen

Ciotti sfiduciato da Les Républicains dopo l'apertura a Le Pen: lui si chiude a chiave nella sede del partito
Éric Ciotti, leader de Les Républicains
Preroll

globalist Modifica articolo

12 Giugno 2024 - 20.06


ATF

Sembra un film ma è la realtà. Éric Ciotti, il leader del principale partito di destra francese, Les Républicains, ha promesso che rimarrà al suo posto nonostante i membri chiave del suo partito abbiano votato all’unanimità per estrometterlo per la sua proposta di alleanza con l’estrema destra.

Si ritiene che Ciotti si sia rintanato nel suo ufficio mercoledì dopo aver chiuso i membri fuori dalla sede parigina del suo partito nel mezzo di una rivolta di massa per la sua richiesta di un’alleanza con il Rassemblement National di estrema destra di Marine Le Pen.

Le scene straordinarie fuori dagli uffici chiusi fanno eco al caos che ha attanagliato la politica francese da quando Emmanuel Macron ha indetto elezioni anticipate domenica per cercare di contrastare l’ascesa dell’estrema destra.

Alcuni esponenti di spicco dei Républicains sono arrivati ​​mercoledì alla sede del partito, dove avevano programmato di tenere un incontro per cacciare Ciotti, affermando che il suo annuncio di martedì di un’alleanza con Le Pen era un tradimento dei loro valori. Hanno però trovato l’edificio chiuso a chiave.

Leggi anche:  Marie-Caroline Le Pen: la sorella di Marine sconfitta al ballottaggio dalla candidata del Nuovo Fronte Popolare

Ciotti ha postato su X di aver chiuso le porte “dopo aver ricevuto minacce” e di dover “garantire la sicurezza del personale”.

“Inoltre, non c’è mai stato alcun incontro programmato al quartier generale questo pomeriggio”, ha scritto.

Aurélien Pradié, membro anziano del partito, ha detto alle troupe televisive fuori dalla porta chiusa: “Viviamo in una democrazia. Persone che si chiudono in ufficio e dicono “non esco mai” non è possibile”.

Pradié ha detto che Ciotti “non era più presidente [del partito] dal momento in cui ha preso questa decisione folle”, riferendosi alla proposta di alleanza con il Raggruppamento Nazionale.

“Lo rimuoveremo dall’incarico di eredi del generale de Gaulle, se necessario”, ha detto Pradié, aggiungendo: “Qui non siamo nel mondo normale, semplicemente non è possibile. Ci sono francesi che lavorano tanto, che ogni giorno sperano di credere nella democrazia e vedono questo spettacolo di pazzi. Quando è troppo è troppo.”

Native

Articoli correlati