Migranti? L'unica invasione in Europa l'ha fatta Putin, idolo di fascisti e sovranisti
Top

Migranti? L'unica invasione in Europa l'ha fatta Putin, idolo di fascisti e sovranisti

Anni a blaterare di invasione e poi la guerra in Europa la porta un criminale cui le destre nostrane hanno lisciato il pelo per anni

Migranti? L'unica invasione in Europa l'ha fatta Putin, idolo di fascisti e sovranisti
Vladimir Putin
Preroll

Giuseppe Cassarà Modifica articolo

24 Febbraio 2022 - 18.53


ATF

Ve la ricordate l’invasione? 

Quella dei migranti disperati sulle navi, quell’attacco al ‘cuore dell’Europa’, alle radici cristiane, alle tradizioni, a tutte quelle pappardelle retoriche intollerabili che l’estrema destra ci ha propinato per anni, pronta a ringhiare come cani non appena un migrante ubriaco commetteva un furtarello e a scodinzolare davanti a Putin, un eclatante criminale di guerra. 

Oggi, a portare la guerra in Europa per la prima volta dopo il secondo conflitto mondiale, è proprio lui. Che dell’appoggio dei vari Salvini, Meloni, Orban e compagnia cantante se n’è sempre fregato. E lo fa con un’invasione nel cuore dell’Europa in piena regola, coi carri armati e le bombe, con la paura e le intimidazioni. 

Lo fa con un esercito di quasi 200mila uomini che sta marciando sul suolo europeo. Scene inimmaginabili, persino dopo una pandemia globale, hanno riempito i nostri notiziari da stamattina: sirene antiaeree, persone che fuggono. Rifugiati che non hanno la pelle scura, non vengono da paesi islamici e che non scappano dalla fame o dalla povertà. 

Leggi anche:  Leopoli: assassinata un'ex parlamentare nazionalista ucraina in prima fila contro l'uso della lingua russa

Scappano dalla guerra. Dall’invasione, quella vera, che viene portata avanti dal nazionalismo sfrenato, padre di tutte le guerre dall’inizio dei tempi. Moriranno bambini, donne e uomini civili. Europei. Distrutti dalla megalomania di un uomo cui le destre, anche quelle nostrane, hanno lisciato il pelo per anni. E che ora tentano, maldestramente, di condannare.

Dobbiamo ricordarcene. È nostro dovere ricordare, quando saremo chiamati a votare (chissà in quale scenario accadrà) chi stava dalla parte di chi. Chi brandiva il coltello contro i migranti che fuggivano dalla guerra e portava i suoi omaggi a chi la guerra l’ha portata davvero. 

Native

Articoli correlati