Israele verso il voto, tra Budapest e Teheran
Top

Israele verso il voto, tra Budapest e Teheran

Le quinte elezioni anticipate in poco più di tre anni. Un record mondiale. Stavolta, però, siamo a uno snodo drammatico, in qualche modo epocale. Perché in gioco non c’è solo e tanto la guida del Governo. C’è molto di più. La fine di una democrazia

Israele verso il voto, tra Budapest e Teheran
Ortodossi israeliani
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

23 Ottobre 2022 - 16.09


ATF

Il 1° Novembre Israele torna alle urne. Le quinte elezioni anticipate in poco più di tre anni. Un record mondiale. Stavolta, però, siamo a uno snodo fatidico, drammatico, in qualche modo epocale. Perché in gioco non c’è solo e tanto la guida del Governo. C’è molto di più. La fine di una democrazia. Che è tale non perché si esercita il diritto-dovere del voto – se fosse per questo l’Iraq di Saddam o la Siria di Afez Assad erano il tempio della democrazia – ma per l’equilibrio reale tra i poteri, il rispetto dei diritti delle minoranze, siano esse etniche, religiose, di genere.  La democrazia non intesa come la dittatura della maggioranza.

Tra Budapest e Teheran

Quale sia la posta in gioco, e il clima che si respira nel Paese a poco più di una settimana dal voto – lo chiariscono, su Haaretz, due analisti di chiara fama e coraggio intellettuale: Nora Landau e Nehemia Shtrasler. 

“Dipinge” il quadro a tinte fosche Landau: “È frustrante guardare a un disastro imminente, a una valanga in arrivo, quando sembra che non ci sia altro da fare se non avvertire, ancora e ancora, finché gli avvertimenti non perdono significato. A una settimana e mezza dalle elezioni, questo è il suono degli avvertimenti urlati contro la distruzione della democrazia israeliana se l’MK Benjamin Netanyahu tornerà al governo con una coalizione di destra. Sono come gridare al lupo, e in ogni caso convincono solo coloro che già lo vedono arrivare, quando la maggior parte degli abitanti del villaggio crede che il lupo sia una pecora, o peggio – semplicemente non gli importa. E nonostante la disperazione e gli avvertimenti intrappolati nella camera d’eco, abbiamo l’obbligo sisifanico di continuare a ricordarlo alla gente finché non diventiamo rauchi: Un altro mandato guidato da Netanyahu e non saremo più in grado di riportare indietro l’orologio. Il prossimo passo saranno profondi cambiamenti strutturali del sistema giudiziario ed elettorale, che bloccheranno il potenziale cambiamento per le generazioni a venire.


Questo è il momento della verità. Il 20 ottobre, nell’edizione ebraica di Haaretz, Danel Lushi ha scritto le sue impressioni su una visita nell’Ungheria di Viktor Orban. Leggere l’articolo è stato come scrutare in una sfera di cristallo. Anche lì, i cambiamenti sono iniziati con una vittoria legittima in termini di processo democratico e sono proseguiti con una lenta ma continua erosione dell’essenza della democrazia e dei valori liberali: scagliarsi in nome del “popolo” contro l'”élite”; populismo nazionalista; marcare l'”altro” e le minoranze come nemico o abrogare i loro diritti; prendere il controllo dei media e del mondo accademico; formare un’élite conservatrice; populismo economico; legarsi a entità illiberali sulla scena internazionale; riforme della giustizia e del sistema elettorale per rafforzare il governo; infine, un’opposizione di sinistra spaccata, senza una visione condivisa se non l’opposizione al leader e una crescente sfida politica alla destra del governo: tutto questo e altro ancora è visibile nella visione che il Likud ci offre. Ma ciò che ha permesso a Orban di conquistare l’Ungheria è la sua grande popolarità. All’inizio, ha raggiunto i suoi obiettivi con il sostegno della maggioranza, e poi attraverso riforme che hanno rafforzato per sempre quella maggioranza attraverso il controllo dell’informazione, dell’istruzione, del sistema giudiziario e del sistema elettorale. Il pericolo maggiore per la democrazia liberale oggi non è solo l’apparizione di un leader carismatico che decide di distruggerla, ma l’ampio sostegno di quel leader. Le democrazie liberali stanno morendo oggi alle urne con l’incoraggiamento di un’ampia fetta dell’opinione pubblica, e questo potrebbe accadere anche in Israele. La tirannia della maggioranza è il paradosso della democrazia, o della tolleranza, per dirla con il filosofo Karl Popper. La tolleranza verso chi non è democratico può essere la rovina della democrazia. E quando i cambiamenti culturali e strutturali del sistema rafforzano la maggioranza antiliberale, e quando non è più possibile combatterla alle urne, ai liberali non resta che lamentarsi nelle loro bolle intellettuali o lasciare il Paese. E le loro condizioni sono comunque migliori di quelle degli altri: i primi a essere danneggiati sono le minoranze deboli che diventano il capro espiatorio del populismo. In Ungheria sono gli immigrati e la comunità LGBTQ; in Israele sono i palestinesi, ovviamente. Ma l’erosione dei diritti cresce sempre e alla fine raggiunge tutti. Gli israeliani che temono questo scenario hanno un’altra possibilità di fermare il processo alle urne, o almeno di ritardarlo. Sebbene la stragrande maggioranza degli israeliani sia di destra, non è ancora completamente antiliberale. Le riforme della giustizia e del sistema elettorale non sono ancora state attuate. Approfittate di questa possibilità per votare; dopo potrebbe essere molto più difficile”.

Leggi anche:  Israele, il colpo di stato a 360 gradi nell'unica democrazia in Medio Oriente

Così Landau

Appuntamento fatidico

Così lo motiva Nehemia Shtrasler: “Le prossime elezioni saranno fatidiche. Queste elezioni determineranno se continueremo a vivere in una democrazia liberale o se scivoleremo verso un regime autoritario che si colloca a metà strada tra una democrazia e una dittatura, con un leader onnipotente non limitato da un sistema di controlli e contrappesi. Il blocco Likud-settler-Haredi sta pianificando un attentato alla democrazia. Questi politici cercano di cambiare totalmente il volto del nostro sistema di governo. Invece di tre rami indipendenti – esecutivo, legislativo e giudiziario – il ramo esecutivo (il primo ministro e il gabinetto) dominerà i due, privandoli della loro indipendenza e trasformandoli in timbri di gomma. In altre parole, queste elezioni non sono un cambio di governo, ma un cambio di regime.


Per ottenere il controllo della Knesset (il ramo legislativo), la coalizione dovrà privare l’opposizione dell’opportunità di svolgere il suo ruolo principale: criticare il governo. Non mancherà l’odio a cui attingere a questo scopo. La demolizione del sistema giudiziario avverrà attraverso il piano “Legge e Giustizia” di Bezalel Smotrich, che non promette né legge né giustizia. L’unico motivo per cui questo piano è nato è stato quello di salvare Benjamin Netanyahu dal suo processo penale. Ma ha anche un obiettivo più ampio: distruggere la Procura di Stato e la Corte Suprema, che sono l’unico anello ancora non conquistato dalla destra. Smotrich distruggerà l’indipendenza del procuratore generale scindendo il ruolo e rendendolo una posizione personale di fiducia per il primo ministro. L’attuale procuratore generale sarà estromesso e il suo consigliere personale si occuperà delle incriminazioni di Netanyahu. E per garantire sentenze conservatrici di destra, il metodo di selezione dei giudici sarà cambiato in modo che i politici costituiscano la maggioranza della commissione, a differenza di quanto accade oggi. Invece di giudici professionali e indipendenti, si otterranno giudici politici che sono lì solo per soddisfare i desideri di coloro che li hanno mandati, e questa sarà la fine di qualsiasi controllo giudiziario sulle azioni del governo. E se i giudici dovessero ancora osare bocciare una legge della Knesset perché viola una Legge fondamentale o i diritti umani, o per proteggere le minoranze, le loro obiezioni non avranno alcun valore di fronte a una clausola di annullamento che consentirà alla Knesset di legiferare nuovamente la stessa legge. Verrà inoltre abolito il sistema di anzianità e il ministro della Giustizia (Smotrich?) deciderà chi sarà il presidente della Corte Suprema. Le modifiche incrementali e relativamente modeste introdotte da Gideon Sa’ar e Ayelet Shaked alla composizione del comitato di selezione giudiziaria sembrano ora uno scherzo rispetto alla completa erosione della Corte Suprema proposta da Smotrich su sollecitazione di Netanyahu.

Leggi anche:  Barack vuole che Israele entri nell'asse della moderazione, unica alternativa a una guerra folle


La seconda parte del piano di Smotrich consiste nell’eliminare il reato di “frode e violazione della fiducia” dai libri. Contrariamente a quanto si pensa, questa idea non è pensata solo per Netanyahu. Anche altri potrebbero trarne vantaggio, come il legislatore David Bitan, anch’egli accusato di corruzione, frode e violazione della fiducia. L’eliminazione di questo reato darebbe un grosso premio ai corrotti. Non appena ciò avverrà, qualsiasi legislatore o ministro potrà accettare tangenti, nominare parenti e compari, ignorare i conflitti di interesse e ricevere tangenti. La Knesset diventerà un rifugio accogliente per tutti i tipi di corrotti.


Arye Dery ha recentemente dichiarato di voler cancellare lo standard legale che consente ai tribunali di annullare le decisioni pubbliche se ritenute irragionevoli, in modo che la Corte Suprema non possa bloccare la sua nomina a ministro per questi motivi. Non vede alcun problema nel fatto che una persona condannata due volte – una per corruzione, frode e violazione della fiducia e una per evasione fiscale – possa ricoprire la carica di ministro. Smotrich, invece, è un estremista religioso e un nazionalista messianico che non si fermerà di fronte alla spinta di Israele verso un governo autoritario. Nel giugno 2019 ha dichiarato: “Israele dovrebbe essere gestito secondo la legge della Torah”. Il suo vero sogno è che Israele diventi uno Stato teocratico in stile iraniano. E stiamo vedendo proprio ora che gioia è vivere in Iran”.

Native

Articoli correlati