Bambini 'rubati' in Ucraina: ora sono sparsi in 250 località della Russia
Top

Bambini 'rubati' in Ucraina: ora sono sparsi in 250 località della Russia

Un gruppo di attivisti russi per i diritti civili ha affermato di aver mappato più di 250 luoghi all'interno della Russia dove i bambini ucraini sono stati trasferiti con la forza dall'inizio dell'invasione su vasta scala di Mosca.

Bambini 'rubati' in Ucraina: ora sono sparsi in 250 località della Russia
Bambini rubati in Ucraina tornano a casa
Preroll

globalist Modifica articolo

23 Maggio 2023 - 15.26


ATF

Un gruppo di attivisti russi per i diritti civili ha affermato di aver mappato più di 250 luoghi all’interno della Russia dove i bambini ucraini sono stati trasferiti con la forza dall’inizio dell’invasione su vasta scala di Mosca.

Kiev afferma che più di 16.000 bambini ucraini sono stati deportati in Russia dall’invasione del febbraio 2022, molti dei quali si ritiene siano stati collocati in istituti e famiglie affidatarie.

“Crediamo che riavere indietro i bambini sia più che reale se lavoriamo tutti insieme come una comunità”, ha detto martedì il progetto Kidmapping sulla sua pagina Instagram.

“Più trasparente è la situazione con i bambini, la loro posizione e le condizioni per il loro ritorno, prima torneranno a casa”. La mappa del progetto elenca 1.387 luoghi – con indirizzi fisici, indirizzi e-mail e numeri di telefono – negli 11 fusi orari della Russia dove è probabile che si possano trovare i bambini ucraini deportati.

Quasi la metà di queste località si trova nella Russia sudoccidentale, vicino al confine con l’Ucraina. Kidmapping ha affermato di aver raccolto i dati da notiziari russi, reti di social media e organizzazioni statali ufficiali che registrano i movimenti dei bambini.

Leggi anche:  Ucraina, gli Usa rimuovono il bando e danno l'ok ad equipaggiare con le proprie armi il battaglione Azov

“La propaganda utilizza attivamente i bambini, quindi spesso puoi trovare informazioni nelle notizie o sulla piattaforma di blog Yandex.Dzen o sul social network VKontakte”, ha affermato Kidmapping sul suo sito web.

Al di là delle informazioni open-source, “non possiamo fornire informazioni dettagliate sulle nostre fonti perché la guerra è in corso, così come le deportazioni”, ha detto un volontario del progetto che desiderava rimanere anonimo.

Native

Articoli correlati