Guerra di Gaza, l'ethos di Hamas e la carta Barghouthi
Top

Guerra di Gaza, l'ethos di Hamas e la carta Barghouthi

A migliaia di civili palestinesi, rispetto alla denazificazione della Striscia anche 5mila bambini uccisi diventato un “effetto collaterale”.

Guerra di Gaza, l'ethos di Hamas e la carta Barghouthi
Marwan Barghouti
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

19 Novembre 2023 - 15.25


ATF

Ripetono: annienteremo Hamas. Cancelleremo i nazisti di Gaza. Non importa se questo costerà la vita. A migliaia di civili palestinesi, rispetto alla denazificazione della Striscia anche 5mila bambini uccisi diventato un “effetto collaterale”. E’ quanto pensano, e in alcuni casi esternano, gli attuali governanti d’Israele. 

Ma prescindendo per una volta sulla mattanza dei civili, vale la pena concentrarsi sull’aspetto politico, e militare, dell’’abbattimento. Il farlo ci permette di tornare su un tema più volte affrontato da Globalist, esploso il 7 ottobre, ovvero la natura di Hamas, il suo legame con la società palestinese.

Hamas fa parte del nuovo ethos palestinese che Israele non può cambiare

E’ il titolo di una sapiente, documentata, analisi di una delle più autorevoli firme del giornalismo israeliano: Zvi Bar’el.

Oltre al titolo, di per sé illuminante, fa molto capire anche il sommario dell’articolo per Haaretz: La guerra ha fornito al gruppo terroristico uno status che qualsiasi futuro leader palestinese non può ignorare, incluso l’attuale Marwan Barghouti attualmente imprigionato

Scrive Bar’el “Se Hamas rimane sulla scena, l’Iran, lo stato degli ayatollah, sarà in bilico ai confini dell’Egitto, minacciando la sicurezza nel Sinai e nell’intera repubblica egiziana”, scrive il giornalista e autore algerino Hamid Zinar.

“Questa minaccia si intensificherà quando Hamas dichiarerà di essere l’emissario armato dell’Iran, simile nello status a Hezbollah a e procedendo ad operare contro l’Egitto, proprio come gli Houthi operano contro l’Arabia Saudita da anni.

“Con la permanenza di Hamas, la pressione di Hezbollah su ciò che rimane del Libano aumenterà, con la pressione degli Houthi che portano tutto lo Yemen sotto l’ala di Khamenei”, aggiunge Zinar, riferendosi al leader supremo dell’Iran.

“Se Hamas rimane intatto, questo ponga un ostacolo davanti all’asse della moderazione, aumentando la spinta a rendere il problema palestinese religioso. Attraverso le sue azioni barbariche, Hamas sta distruggendo ogni speranza di stabilire uno stato palestinese indipendente”.

Zinar, che ha pubblicato il suo articolo questa settimana sul sito web di Al-Arab, il più antico giornale arabo di Londra, non ha fatto una sorpresa. Per anni ha criticato gli estremisti islamici, spingendo per una linea liberal-nazionalista.

A differenza di Zinar, che vive in Francia, un dibattito intorno a Hamas come movimento religioso che cerca di stabilire uno stato teocratico è quasi inesistente nel dibattito palestinese.

La parola Hamas è in realtà un acronimo per il Movimento di Resistenza Islamica, un gruppo la cui carta del 1988 richiede uno sSato palestinese basato sulla legge religiosa. Hamas è una propaggine dei Fratelli Musulmani, ma ha combinato la sua immagine di movimento religioso con quella di un movimento nazionale che si sforza di “liberare” l’intero territorio di Israele, non solo la terra occupata nel 1967.

Leggi anche:  La Giordania chiede alla Ue atti concreti per fermare i 'crimini di guerra' israeliani contro i palestinesi

I meandri ideologici si risolvono attraverso tattiche evasive. L’articolo 27 della carta afferma che “non siamo in grado di scambiare la Palestina islamica presente o futura con l’idea laica. La natura islamica della Palestina fa parte della nostra religione”.

Ma nel suo sforzo di partecipare alla lotta nazionale palestinese, Hamas aggiunge nell’articolo 27: “Il giorno in cui l’Organizzazione per la liberazione della Palestina adotterà l’Islam come suo stile di vita, diventeremo i suoi soldati e carburante per il suo fuoco che brucerà i nemici. Fino a quel giorno, e preghiamo Allah che lo sia presto, la posizione del Movimento di Resistenza Islamica nei confronti dell’Olp è quella del figlio verso suo padre, del fratello verso suo fratello e del parente verso il parente”.

E cosa succede dopo che il nemico è stato sfranto? Hamas accetterà un compromesso ideologico? La carta non ha una risposta chiara, e non a caso.

Hamas ha tenuto infiniti confronti e negoziati con Fatah e l’Organizzazione per la liberazione della Palestina, guidata da Mahmoud Abbas. Molti accordi sono stati firmati e infranti, in parte a causa di scontri su appuntamenti e posti di lavoro.

Proprio lo scorso luglio, i capi di tutte le fazioni palestinesi si sono incontrati a El Alamein, in Egitto. Ancora una volta hanno discusso di una possibile riconciliazione e dell’istituzione di un’autorità di governo unita. Ancora una volta non c’è stato alcun progresso. La ragione principale, almeno secondo Abbas, era che Hamas non avrebbe chiamato a una lotta palestinese non violenta contro Israele.

Le relazioni tra Hamas e le fazioni dell’Olp, in particolare Fatah, vengono nuovamente discusse da politici, giornalisti e commentatori palestinesi, sullo sfondo dell’attuale guerra   che potrebbe finire con Hamas che non è più il player dominante nella Striscia di Gaza.

L’affermazione di Abbas – che l’Autorità Palestineseamministrerà Gaza solo come parte di una soluzione  ‘due Stati’- non è soddisfacente per le persone che prendono parte a questo dibattito politico. Nessuno sta nemmeno considerando la possibilità che Hamas cesserà di esistere come movimento ideologico e politico.

Leggi anche:  L'Armenia riconosce lo Stato di Palestina

Pertanto, dicono che è impossibile bastare con il ritorno della PA a Gaza, anche se inizia un vero dibattito su una soluzione two-state, spinto avanti dagli americani. Non solo l’AP ha bisogno di una profonda riforma, l’Olp, se cerca di rappresentare il popolo palestinese, ha bisogno di un serio sconvolgimento.

Jamal Zakout, che ha preso parte alla prima intifada, è stato un assistente di Yasser Arafat e un membro anziano del Fronte Democratico per la Liberazione della Palestina. Ha scritto questa settimana sul sito web giordano Al-Rad che i leader di Hamas, della Jihad islamica e della Fatah dovrebbero porre fine allo scisma e formare una coalizione, date le fatidiche decisioni che il popolo palestinese è chiamato ad assumere.

Oraib Al Rantawi, che dirige il Centro Al-Quds per gli studi politici di Amman, ha pubblicato una lettera aperta questa settimana rivolta al movimento Fatah. Ha scritto che Fatah deve “sfruttare la rara opportunità storica di rinascita e rinnovamento, per tornare al suo percorso originale come movimento di liberazione nazionale, gettando via la polvere della AP e il coordinamento della sicurezza con Israele, ripristinando … l’immagine di un movimento pionieristico combattente”.

Se Fatah non lo fa, ha scritto, “non c’è dubbio che sarà annoverato tra i perdenti del diluvio di Al-Aqsa [l’attacco di Hamas], con le spade di Netanyahu che non mostrano pietà per loro. La finestra di opportunità è molto stretta e la clessidra sta per esaurirsi”.

Ha aggiunto che nonostante il pessimismo che stava ascoltando, c’è ancora speranza “che Hamas completerà uno scambio per tutti i prigionieri e i detenuti, durante il quale il combattente e comandante Marwan Barghouthi  sarà rilasciato. Le speranze per il risveglio di Fatah, il suo ripristino al suo status precedente e la fine della spaccatura interna palestinese sono con lui”.

La carta Barghouthi

Annota ancora Bar’el: “Se questo accade, ha scritto Rantawi, Hamas avrà consegnato a Fatah “il suo più grande dono, permettendogli di riprendersi dopo anni di congelamento”. Barghouthi, che è stato nelle prigioni israeliane per 20 anni per aver diretto attacchi terroristici, è il nome caldo ora, qualcuno conosciuto come il palestinese Mandela. Alcune persone credono che abbia la soluzione magica per l’Olp, l’AP e l’intero problema palestinese, l’uomo che dovrebbe succedere all’ottantottenne Abbas.

Leggi anche:  L'Onu denuncia le uccisioni illegali israeliane in Cisgiordania: 528 palestinesi, 133 dei quali bambini

. Un sondaggio di settembre del Palestinian Center for Policy and Survey Research ha mostrato che se le elezioni si fossero tenute allora, Barghouthi avrebbe vinto il 34% dei voti. Il diciassette per cento sarebbe andato al leader di Hamas Ismail Haniyeh e il 5 per cento a Mohammed Dahlan di Fatah. Naturalmente, questo era prima della guerra a Gaza.

Anche se il sogno di Rantawi viene realizzato e Barghouthi viene rilasciato come parte di un accordo, è dubbio che si terranno presto elezioni per un’assemblea legislativa o un presidente palestinese. Come base per una riorganizzazione dell’Olp, tale voto deve avvenire in Cisgiordania, Gerusalemme Est, e Gaza.

Inoltre, nessuno ha chiesto a Barghouthi quali sarebbero  le sue condizioni per guidare l’Olp o se avrebbe accettato di guidare l’AP. Inoltre, quali sarebbero le condizioni per trasferire Gaza alla AP e come interagirebbero l’AP e Israele sotto di lui?

In un’intervista del 2016 con Palestinian Media Watch, Barghouthi ha presentato il suo programma per la ricostruzione dell’Olp. Ha detto che prima ci deve essere un dialogo Fatah-Hamas di “tutti i membri delle istituzioni appartenenti a questi movimenti”. Questo durerebbe tre mesi e realizzerà i principi del nuovo partenariato palestinese, con ogni fazione che riceve la sua quota in base ai risultati elettorali.

Barghoutih è stato autore del famoso documento dei prigionieri del 2006 in cui è stato concordato che Hamas si sarebbe unito all’Olp e formato un governo di unità nazionale. Nella sua ultima intervista, Barghouthi ha affermato che questo documento fornirebbe un elemento fondamentale di qualsiasi accordo futuro. Non c’è motivo di pensare che la guerra a Gaza cambierà la presa di mira di Barghouthi su Hamas e il suo ruolo nel rinnovare l’Olp.

“La guerra  – sono le conclusioni a cui giunge l’analista di Haaretz – non rimuoverà la presenza politica di Hamas in Cisgiordania o a Gerusalemme Est, anche se le istituzioni dell’organizzazione non possono operare o i suoi membri non possono vivere in Cisgiordania.

Un rilascio di Barghouthi non potrebbe garantire meccanicamente che l’Olp sarebbe il vero rappresentante del popolo palestinese se Hamas non fosse incluso. Alcuni palestinesi vogliono vedere Barghouti come una panacea, o una possibilità per un futuro processo politico, o un modo per trasferire il controllo a Gaza. Ma la realtà è ben più complessa e non può prescindere da Hamas, comunque vada a finire la guerra in corso”.

Native

Articoli correlati