Alternative für Deutschland si incontra con i neo-nazisti per studiare un piano di deportazione degli immigrati
Top

Alternative für Deutschland si incontra con i neo-nazisti per studiare un piano di deportazione degli immigrati

I politici di estrema destra Alternative für Deutschland (AfD), tra cui un'assistente personale della eader Alice Weidel, hanno incontrato il capo del Movimento Identitario e attivisti neonazisti per discutere un "piano generale" di deportazione

Alternative für Deutschland si incontra con i neo-nazisti per studiare un piano di deportazione degli immigrati
Militanti dell'estrema destra tedesca di Alternative für Deutschland (AfD)
Preroll

globalist Modifica articolo

10 Gennaio 2024 - 15.46


ATF

I politici del partito tedesco di estrema destra Alternative für Deutschland (AfD), tra cui un’assistente personale della sua leader Alice Weidel, hanno incontrato il capo del Movimento Identitario estremista di destra e attivisti neonazisti per discutere un “piano generale” per le deportazioni di massa nel corso di una ipotesi di azioni nell’eventualità dell’arrivo del partito al potere.

L’incontro ha avuto luogo lo scorso novembre in un albergo di campagna alla periferia di Potsdam. È probabile che ciò alimenterà un intenso dibattito sull’opportunità di bandire l’AfD a causa delle crescenti preoccupazioni che rappresenti una minaccia fondamentale per la democrazia tedesca.

Sostenuta dal malcontento per l’immigrazione, l’AfD è al primo posto nei sondaggi in tutti e cinque i Länder orientali della Germania, tre dei quali terranno le elezioni entro la fine dell’anno. Mentre sia la conservatrice Unione Cristiano-Democratica (CDU) che il partito liberale dei Democratici Liberi (FDP) hanno, per ora, escluso l’entrata in coalizioni con il partito.

Leggi anche:  Gli 007 Usa hanno sventato un complotto russo per assassinare il 'capo' di Rheinmetall

Mentre AfD è un’organizzazione di estrema destra con lo sguardo rivolto sui guadagni politici nel prossimo futuro sfruttando i fenomeni migratori.

Le idee discusse durante l’incontro includevano quella delle deportazioni verso uno stato senza nome nell’Africa settentrionale che fornirebbe spazio per un massimo di 2 milioni di persone. Potrebbero andarci anche coloro che fanno pressione a favore dei rifugiati in Germania, avrebbe suggerito Sellner.

In una dichiarazione inviata al Guardian, Sellner ha confermato di aver presentato l’idea della “ri-migrazione” durante l’incontro, ma ha detto che non si trattava di un “piano generale segreto” e che i suoi commenti erano stati abbreviati ed estrapolati dal contesto.

Durante l’incontro, Sellner ha detto di aver chiarito “inequivocabilmente che non si può fare alcuna distinzione tra diversi tipi di cittadini [tedeschi] – che non devono esserci cittadini di seconda classe – e che tutte le misure di reimmigrazione devono essere legali. ”.

“La remigrazione comprende non solo le deportazioni, ma anche l’assistenza locale, la Leitkultur [cultura guida] e la pressione all’assimilazione. La richiesta fa parte di una politica migratoria e familiare alternativa, il cui obiettivo è quello di controllare l’immigrazione in modo che non superi i limiti di accoglienza della Germania”.

Leggi anche:  Missili Usa a lungo raggio in Germania: la prima volta dalla fine della guerra fredda

Si dice che Huy, la delegata dell’AfD al Bundestag, abbia affermato di aver sviluppato il proprio concetto di “ri-immigrazione”, e sembra suggerire che il suo partito non si opponga più al piano del governo di revocare il divieto sulla doppia cittadinanza per questo motivo. “Allora puoi togliere la [cittadinanza] tedesca, e loro ne hanno ancora una”, avrebbe detto durante l’incontro. Attualmente è illegale secondo la legge tedesca privare le persone della cittadinanza se ciò significa che diventerebbero apolidi.

Native

Articoli correlati