Israele, una verità che fa male: a parlare chiaro è solo l'estrema destra
Top

Israele, una verità che fa male: a parlare chiaro è solo l'estrema destra

La verità che fa male è che oggi in Israele a parlar chiaro sono i ministri e parlamentari dell’estrema destra. Loro non si nascondono dietro a fumoserie dialettiche, non addolciscono la pillola

Israele, una verità che fa male: a parlare chiaro è solo l'estrema destra
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

8 Febbraio 2024 - 00.15


ATF

Visto che siamo nel pieno delle giornate, e nottate, sanremesi, ben ci sta il refrain di una antica, ma sempre verde, canzone di Caterina Caselli: “La verità ti fa male, lo so…”. Fuor di metafora festivaliera, quella verità fa male a Israele e ai suoi strenui esegeti di casa nostra, che non sanno o fanno finta di non sapere, cosa vada oggi per la maggiore, sul piano politico e identitario, nello Stato ebraico.

L’amara verità

La verità che fa male è che oggi in Israele a parlar chiaro sono i ministri e parlamentari dell’estrema destra. Loro non si nascondono dietro a fumoserie dialettiche, non addolciscono la pillola, sanno cosa vogliono e lo dicono chiaramente: annientare il popolo palestinese, denazificare Gaza, con ogni mezzo. 

E gli altri? I centristi? Ciò che resta, ben poco, della sinistra? Balbettano, dicono e  non dicono, fanno la voce grossa salvo poi restare nel gabinetto di guerra (Gantz) o ritenere che il problema d’Israele inizi e si concluda con l’uomo al comando: Benjamin Netanyahu. 

Così non è.

E a darne conto, su Haaretz, è Uzi Baram, tra i più arguti analisti politici israeliani.  “Gli israeliani – annota Baram – attribuiscono grande importanza ai sondaggi di opinione. E più volte questi sondaggi mostrano due tendenze fondamentali: l’attuale coalizione di governo sta perdendo la maggioranza parlamentare e il Primo Ministro Benjamin Netanyahu è un ostacolo persino per il suo stesso partito, dal momento che la fiducia del pubblico nei suoi confronti è in costante diminuzione.

Leggi anche:  Israele: cosa sarà scritto su Wikipedia nell'aprile del 2048

Sebbene questi sondaggi rivelino anche che il desiderio di molti israeliani è che gli estremisti di destra, dall’a parlamentare Tally Gotliv al ministro Amichai Eliyahu, escano dalla loro vita, la realtà israeliana di oggi è completamente diversa dallo scenario ottimistico che ci mostrano.

Dietro la falsa facciata che tutti si preoccupano di sconfiggere il nemico e riportare a casa gli ostaggi, è evidente una palese evasione dalle questioni più importanti. In pratica, l’esperienza prevalente è quella di una paura profonda come il mare.

Non mi trema la mano quando scrivo che le uniche due persone degne del nome di funzionari pubblici (che rappresentano la propria fetta di pubblico, cioè) sono i ministri Bezalel Smotrich e Itamar Ben-Gvir. Tutti gli altri sono paralizzati dalla paura e si rifiutano di esprimere la propria opinione su qualsiasi questione vitale.

Il Partito di Unità Nazionale non dice una parola che possa far luce sui suoi valori, sulle sue convinzioni o sul suo percorso. Di tanto in tanto, i ministri Chili Tropper o Gadi Eisenkot pronunceranno qualche critica superficiale sul modo in cui gli israeliani discutono o sul numero di persone che ballano a una conferenza a favore del trasferimento.

Leggi anche:  Eurovision, gli organizzatori denunciano insulti e pressioni sugli artisti per la partecipazione di Israele

Il leader del partito Benny Gantz è un discepolo giurato dei sondaggi. E per preservare la massa di seggi della Knesset che si prevede il suo partito otterrà, lui e il suo partner Eisenkot devono apparentemente continuare a rifiutarsi di prendere una posizione reale su qualsiasi questione: non su una soluzione per la Striscia di Gaza post-bellica e non sulla coltivazione di un partner palestinese che possa prendere parte al grande piano elaborato dal Presidente degli Stati Uniti Joe Biden e dall’Arabia Saudita.

E il presidente di Yesh Atid Yair Lapid? È il leader dell’opposizione ed è disposto a sostenere il governo se Ben-Gvir fosse così gentile da andarsene. Ma anche lui non sta affrontando i problemi reali. A mio parere, è un critico della cultura di destra.

È vero, la destra sta esagerando e sta mettendo in pericolo il Paese. Ma le urla di Lapid, accompagnate da una mimica accurata, non valgono come un’azione. Non sta presentando un’alternativa diplomatica adeguata che possa migliorare la sua posizione pubblica.

Gantz, Eisenkot e Lapid sono le vittime del regno del terrore. Non diranno una parola che possa turbare i rappresentanti della politica marcia dell’intimidazione. Quanto a Netanyahu, è diventato un uomo di slogan vuoti e sottili allusioni e quindi riflette, ancor più di loro, il terrore che ha pervaso la maggior parte della politica israeliana.

Leggi anche:  Il diplomatico britannico: "Vi dico perché Hamas ha vinto"

Al contrario di tutti questi politici, Smotrich è felice di spianare la strada verso la distruzione di Israele. Esprime i suoi desideri senza timore: piena sovranità israeliana su tutti i territori occupati, compresa Gaza. Ma non vuole arabi tra noi e cerca di espellerli. Se soffre di qualche accenno di paura, non è altro che una paura temporanea del tribunale internazionale dell’Aia.

Ben-Gvir non ha paura. Ogni giorno si assicura di alimentare le paure dei suoi rivali. Il suo sogno è uno stato di polizia pieno di cittadini armati. La sorte degli ostaggi non lo tocca, e lo dice apertamente.

Questi due sono gli unici a parlare dei problemi al loro pubblico impaurito e incostante. Entrambi sono fascisti per eccellenza secondo qualsiasi standard storico. E non esitano a commercializzare la loro merce, che ci umilia da un capo all’altro del mondo.

Superare questa paura e riporre la propria fiducia in un accordo con gli americani, i sauditi e i palestinesi sono gli obiettivi che Gantz ed Eisenkot dovrebbero adottare. Questo  – conclude Baram – è il modo per liberare Israele dal suo pietrificante regno del terrore”.

Eh sì, la verità fa male, lo so…

Native

Articoli correlati