Netanyahu che vuole la 'vittoria totale' è la rovina d’Israele e di ogni residua speranza di pace
Top

Netanyahu che vuole la 'vittoria totale' è la rovina d’Israele e di ogni residua speranza di pace

Mr. Sicurezza, Mr. Vittoria Totale. Benjamin Netanyahu. La rovina d’Israele. E di ogni residua speranza di pace.Illuminante, a tal proposito, è lo scritto di uno dei più autorevoli analisti israeliani: Yossi Verter.

Netanyahu che vuole la 'vittoria totale' è  la rovina d’Israele e di ogni residua speranza di pace
Preroll

globalist Modifica articolo

9 Febbraio 2024 - 15.18


ATF

Mr. Sicurezza, Mr. Vittoria Totale. Benjamin Netanyahu. La rovina d’Israele. E di ogni residua speranza di pace.Illuminante, a tal proposito, è lo scritto di uno dei più autorevoli analisti israeliani: Yossi Verter.

Un giorno, in un futuro non troppo lontano scrive Verter su Haaretz –  un consulente di comunicazione (strategica) apparirà in un panel televisivo e ci rivelerà di essere stato lui a coniare lo slogan “vittoria totale” per il Primo Ministro Benjamin Netanyahu.

“Mi sono scervellato”, ci dirà mentre ci svela i segreti dell’armadio della cucina, “su come spostare l’attenzione della gente da un fallimento totale, da un terribile disastro, da un massacro, dalla peggiore uccisione di massa di ebrei dopo l’Olocausto. Ho portato l’idea a Bibi e lui è stato molto entusiasta. ‘È esattamente quello di cui ho bisogno’, mi ha detto”.

Netanyahu ha ripetuto lo slogan nove volte durante la conferenza stampa di mercoledì. “Totale” e “schiacciante”. Ancora una volta, ha parlato con disprezzo di “ex generali e politici, esperti ai loro occhi” che osano mettere in discussione le sue mosse, la vacuità dei suoi slogan e i suoi bluff.

“La vittoria totale è a portata di mano!” ha detto il mago, spargendo illusioni in ogni direzione. È quello che ha sempre fatto; dopo ogni campagna militare ci dice che Hamas è stato “duramente battuto”, che è ammaccato, dolorante e scoraggiato dopo il colpo critico che ha subito.

Il sottotesto dello slogan “vittoria totale” è che un accordo per liberare gli ostaggi impedirà alle Forze di Difesa Israeliane di vincere. O si riportano a casa gli ostaggi o si vince. Non c’è via di mezzo. Ecco perché, quando Netanyahu parla, gli ostaggi non sono altro che una nota a piè di pagina, per il protocollo.

Mercoledì, Netanyahu ha finalmente capito che non c’è scelta: deve fingere un po’ di emozione, rivolgersi direttamente alle povere famiglie degli ostaggi morti, malati e feriti che stanno morendo nei tunnel sotto Gaza. Deve dare loro un po’ di attenzione. Deve cercare di essere un po’ più simile al portavoce dell’Idf Daniel Hagari, i cui annunci si aprono con una dichiarazione diretta e onesta sugli ostaggi.

Indossando una maschera di empatia, con un trucco pesante per nascondere il fatto che stava fingendo, Netanyahu si è rivolto alle famiglie e ha detto: “I vostri cari sono sempre davanti ai miei occhi. Vedo le loro foto e il mio cuore sanguina… cedere alle richieste oltraggiose di Hamas non farà altro che invitare a un altro massacro”.

Per quanto riguarda la prima parte della dichiarazione, gli ostaggi sono talmente “davanti ai suoi occhi” che una volta ha impedito personalmente ai rappresentanti delle loro famiglie di presentarsi a una riunione della fazione del Likud. Lunedì scorso, quando hanno chiesto nuovamente di farlo, sono stati sgarbatamente rifiutati.

Tutte le fazioni della Knesset, tra cui Otzma Yehudit e il Sionismo Religioso, hanno permesso alle famiglie di parlare. Solo la fazione del Likud, su ordine diretto dell’Ufficio del Primo Ministro, mette delle guardie fuori dalle riunioni per impedire alle famiglie di entrare. Dio non voglia che una citazione dura o una registrazione imbarazzante trapeli da questa Camera dei Lord. Finché si parla di vodka, va tutto bene.

La seconda parte dell’affermazione è cinica e maliziosa. C’è stato un solo massacro nella storia di questo paese. È avvenuto sotto il controllo di Mr. Sicurezza e Vittoria Totale ed è stato il risultato di un concetto maledetto e maligno da lui alimentato. La storia lo ricorderà per sempre. Dare la colpa alle famiglie degli ostaggi per un’altra catastrofe del genere? Dovrebbe inginocchiarsi davanti a loro e chiedere mille scuse per la sua colpa nella morte dei loro figli, genitori, fratelli e sorelle che sono stati abbandonati al loro destino – e ora quelli che sono sopravvissuti vengono sacrificati.

Leggi anche:  Cosa è la Corte penale internazionale e cosa accade con il mandato d'arresto contro Netanyahu

Dietro i commenti crudeli e cinici di Netanyahu si nasconde un’altra affermazione bigotta fatta dalle testate di destra: Se liberiamo “migliaia di terroristi”, forse salveremo la vita degli ostaggi sopravvissuti (e il loro numero sta diminuendo), ma metteremo in pericolo la vita di altri ebrei. I loro volti non ci guardano dalle pagine dei giornali, dagli striscioni e dai cartelli delle proteste, ma anche loro hanno volti e famiglie.

In apparenza si tratta di un’argomentazione morale. Ma come altre argomentazioni provenienti dalla destra, è inficiata da un’ipocrisia il cui obiettivo è sacrificare gli ostaggi per una sorta di vittoria biblica e di vendetta sui “nazisti”. Vogliono farci dimenticare il fatto che il 7 ottobre in Israele sono stati uccisi più ebrei che altrove negli ultimi 75 anni. Questo è accaduto quando i terroristi con litri di “sangue sulle mani” erano al sicuro nelle carceri israeliane. Se il governo e l’esercito avessero fatto il loro lavoro, il 7 ottobre sarebbe stato solo Simchat Torah, l’ultima festa della stagione autunnale senza nulla di speciale da segnalare se non gli ingorghi. Se il governo e l’esercito faranno il loro lavoro in futuro, Israele sarà in grado di gestire le implicazioni di un rilascio di prigionieri.

I messaggi del primo ministro e dei suoi tirapiedi che ci bombardano attraverso gli studi televisivi e i vari opinionisti mirano a legittimare l’idea che continuare ad abbandonare gli ostaggi sia in realtà un interesse di Israele. Di fronte a questa messaggistica tossica, dobbiamo far risuonare il seguente messaggio: Se gli ostaggi muoiono o scompaiono, non ci sarà alcuna vittoria, né totale né parziale. E non ci sarà alcuna vittoria, totale o parziale, finché Benjamin Netanyahu, il primo ministro del fallimento e della distruzione, non sarà fuori dalle nostre vite.

Il gabinetto di guerra

Benny Gantz e Gadi Eisenkot non sono ciechi di fronte a ciò che sta accadendo. Sanno con chi hanno a che fare. Le critiche di Gantz a Netanyahu aumentano esponenzialmente di conferenza stampa in conferenza settimanale. Martedì ha accusato il primo ministro di aver danneggiato i risultati militari dell’IDF, di essere responsabile del fatto che il suo gabinetto sia diventato un’arena per scagliarsi contro l’esercito, di aver paragonato gli studi televisivi ad Hamas, di aver trascinato i piedi e altro ancora. In una realtà sana, Netanyahu avrebbe dovuto dimettersi immediatamente o essere licenziato.

Poche ore prima, Gantz aveva accusato Netanyahu di voler danneggiare l’Idf per motivi politici. L’accusa è arrivata dopo la dichiarazione di Netanyahu contro l’esercito a causa di un’esercitazione che simulava il rapimento di un ragazzo palestinese da parte dei coloni – una cosa del tutto logica da fare, visto che i coloni hanno rapito palestinesi in passato. Gantz ha detto che la dichiarazione di Netanyahu “dovrebbe essere indagata e lui dovrebbe scusarsi con l’Idf e con tutti i cittadini israeliani”.

La verità è che non è chiaro cosa stia succedendo. Se Gantz sta cercando una giustificazione per dimettersi, ne ha già molte. Se non è così, allora cosa c’è sotto? Si sta guadagnando la reputazione di essere un po’ un rompiscatole.

Visto tutto quello che dice e pensa sull’uomo che lo ha ingannato in passato e continua a farlo oggi, l’uomo che ha condotto una campagna diffamatoria virulenta contro di lui che è ancora in corso (anche se con un’intensità minore), perché non si è dimesso dal gabinetto di guerra? Per il bene dell'”unità del popolo”? Per influenzare la direzione di un accordo sugli ostaggi? Non siamo ingenui. Se c’è un accordo sul tavolo, a deciderne le sorti saranno Itamar Ben-Gvir e Bezalel Smotrich, non Gantz ed Eisenkot. Si tratta di influenzare “il giorno dopo”? Il giorno dopo è già arrivato, sicuramente nel nord della Striscia di Gaza.

Leggi anche:  Un soldato israeliano brucia una copia del Corano: la scena in un video

Hamas sta tornando nel nord di Gaza, distribuendo cibo e ricostruendo la sua posizione. L’Idf sta impazzendo. Se Netanyahu e il suo governo si fossero attivati per creare un’alternativa civile che si assumesse la responsabilità, forse la realtà avrebbe potuto prendere forma in modo diverso. Ma nessuno ci ascolta.

Nel frattempo, siamo vicini alla realizzazione dei sogni degli estremisti messianici: il ritorno del governo militare a Gaza, 30 anni dopo il suo scioglimento. Una fonte dell’esercito mi ha detto questa settimana che i piani per una sorta di governo militare sono già in fase di formulazione da parte del Coordinatore delle Attività Governative nei Territori. Per necessità, non per desiderio.

Netanyahu non ha affrontato la questione, se non dicendo “il giorno dopo è il giorno dopo Hamas” e “dopo aver smantellato Hamas, ci assicureremo che Gaza sia smilitarizzata; solo Israele può assicurarlo…”. In una conferenza stampa ha anche affermato che “il governo civile di Gaza non può essere intrapreso da coloro che sostengono il terrorismo e educano i loro figli a sostenere il terrorismo”.

Quindi abbiamo un no, un no e un no. Ma che dire del sì? Gantz ed Eisenkot, sia insieme che separatamente, stanno lavorando a piani propri. Si stanno consultando con esperti, ex capi del servizio di sicurezza Shin Bet e con ogni sorta di “hashtag”. Ma ancora una volta, non siamo ingenui. Sappiamo tutti a chi Netanyahu darà ascolto nel momento della verità.

Ora aggiungiamo alle equazioni la scandalosa legge sulla leva militare. Chi serve servirà di più e chi non serve non servirà più. Anche questo fa parte della sua vittoria totale. Questo si aggiunge agli enormi budget stanziati per la comunità Haredi, le yeshivas e le organizzazioni che incoraggiano la leva: 4,5 miliardi di shekel (1,2 miliardi di dollari) in finanziamenti alla coalizione, 1,7 miliardi di shekel alle yeshivas e 1,2 miliardi di shekel per l’istruzione Haredi. Allo stesso tempo, i riservisti non hanno ancora ricevuto i fondi promessi. Nel frattempo, i movimenti giovanili vengono chiusi insieme alle accademie pre-esercito i cui membri aiutano le fasce più deboli della società, la popolazione con bisogni speciali e i figli delle famiglie evacuate dalle loro case.

Il principale rappresentante degli ultraortodossi, il Ministro delle Abitazioni Yitzchak Goldknopf, è grassoccio e soddisfatto, come se fosse appena arrivato dalla Kasrilevka di Shalom Aleichem; l’uomo che solo due settimane fa aveva promesso che il suo ministero avrebbe costruito a Gaza non capisce il legame tra il governo e la guerra. A quanto pare, non capisce il legame tra la guerra e il servizio militare. Non capisce nemmeno il ruolo della Knesset. Questa settimana Michael Biton di National Unity ha presentato un’interrogazione parlamentare urgente sugli alloggi pubblici. Goldknopf ha risposto con una parabola su un uomo in treno che si aggrappa a un palo e lo spinge. Quando gli viene chiesto: “Perché spingi il palo?”, risponde: “Così il treno si muove”. Qual è la morale della storia? Secondo il ministro, non ha senso fare domande inutili, il ministero sta andando avanti comunque.

È probabile – anzi, è necessario – che la bozza di legge scateni e intensifichi le pressioni che sono state represse dal 7 ottobre per lanciare proteste su larga scala. Le manifestazioni non riguarderanno né la destra né la sinistra, né Netanyahu. Il progetto di legge è un pugno nell’occhio di troppo per un’opinione pubblica che i leader ritengono cieca. Il tempismo della dichiarazione di Meir Porush della scorsa settimana, a nome del Ministro della Difesa Yoav Gallant, sulle “esigenze dell’esercito” e la dichiarazione incredula di Goldknopf (“Chi è che sta male qui?”) non hanno fatto altro che peggiorare le cose. Con decine di migliaia di riservisti che tornano a casa dopo mesi di combattimenti, il momento non poteva essere peggiore per il governo. Parafrasando John F. Kennedy, non dovrebbero chiedere cosa ha fatto il loro paese, ma solo cosa possono fare”.

Leggi anche:  L'appello del Sudafrica all'Aia: "Salvate Rafah o la società palestinese sarà distrutta almeno per una generazione"

Così Verter. Per quanto possa valere, chapeau.

Armiamoci e partite

La vergognosa quadratura del cerchio, congegnata dagli oltranzisti al potere oggi in Israele, viene rimarcata dal quotidiano progressista di Tel Aviv, in un potente editoriale-j’accuse: “Con la scusa dell’attuale emergenza, l’esercito sta cercando di estendere il servizio militare obbligatorio a tre anni, soprattutto per i soldati da combattimento, e di imporre ai riservisti 42 giorni di servizio di riserva all’anno – il doppio di quelli attuali – fino all’età di 45 anni.

Lo stipendio medio di un riservista è superiore del 47% rispetto alla media dell’economia nel suo complesso. Circa il 20% dei riservisti che ora combattono nella Striscia di Gaza lavora nel settore dell’alta tecnologia. Si scopre che il segmento della società israeliana che va all’università, lavora e paga le tasse – la classe media e superiore – è anche quello che sostiene l’onere del servizio di riserva, e ora subirà un forte aumento di tale onere.

Chi assumerebbe un riservista che si assenta per 40 giorni all’anno e che non può essere licenziato? Eppure il terribile prezzo che i riservisti pagheranno sul mercato del lavoro e la discriminazione che subiranno evidentemente non tiene svegli gli alti ufficiali dell’esercito e nemmeno i politici, come ha dichiarato senza un briciolo di vergogna il Ministro degli Alloggi Yitzchak Goldknopf (United Torah Judaism). Inoltre non capisce quale sia il legame del governo con la guerra.

Per la parte del pubblico che contribuisce allo Stato, tutto è andato male. L’economia si sta deteriorando, la sicurezza personale è inesistente e ora si chiede a questi cittadini di impegnarsi in un lungo servizio di riserva annuale fino all’età di 45 anni. E tutto questo accade in un momento in cui gli ultraortodossi non vanno all’università, non lavorano, non prestano servizio nell’esercito, vivono a spese dei contribuenti e beneficiano della protezione offerta dai riservisti.

Non c’è limite al cinismo e all’ottusità dei politici israeliani, primo fra tutti il Primo Ministro Benjamin Netanyahu. Evidentemente hanno dimenticato che questa non è un’economia di armi, ma di esseri umani. La risorsa umana rappresentata dai riservisti è preziosa e limitata. A lungo termine, non accetteranno – e giustamente – di sacrificare le loro vite e di danneggiare le loro famiglie e i loro mezzi di sostentamento affinché Netanyahu e Goldknopf possano continuare a ridere di loro e a dichiarare che per loro, in realtà, “tutto va benissimo”.

La proposta di estendere sia il servizio obbligatorio che il servizio di riserva è anti-egualitaria e ingiusta. Israele deve difendersi, ma la difesa è un obbligo che deve essere imposto a tutti allo stesso modo. L’opinione pubblica deve far capire a Netanyahu, Goldknopf e a tutti gli altri membri del governo che questa volta non si farà”.

Native

Articoli correlati