Rafah: Netanyahu prepara l'assalto finale, alla faccia del mondo (e del Parlamento italiano)
Top

Rafah: Netanyahu prepara l'assalto finale, alla faccia del mondo (e del Parlamento italiano)

Della sorte degli ostaggi a Benjamin Netanyahu importa poco o niente. Lo hanno denunciato i parenti degli israeliani fatti prigionieri da Hamas, lo hanno rimarcato le firme più autorevoli del giornalismo israeliano

Rafah: Netanyahu prepara l'assalto finale, alla faccia del mondo (e del Parlamento italiano)
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

14 Febbraio 2024 - 15.51


ATF

Della sorte degli ostaggi a Benjamin Netanyahu importa poco o niente. Lo hanno denunciato i parenti degli israeliani fatti prigionieri da Hamas, lo hanno rimarcato le firme più autorevoli del giornalismo israeliano, che hanno impreziosito il lavoro di documentazione di Globalist.

“Effetti collaterali”

Annota su Haaretz Netta Ahituv: “Sembra che Netanyahu e il suo governo insensibile non si rendano conto del costo che comporterebbe non riportare a casa gli ostaggi. Non solo le vite degli ostaggi andranno perse, ma anche quelle di tutti gli israeliani sono in gioco.

La scorsa settimana, il Primo Ministro Benjamin Netanyahu ha tenuto una conferenza stampa in cui ha dichiarato: “Cedere alle richieste deliranti di Hamas non solo non porterà al rilascio degli ostaggi, ma inviterà a un altro massacro e porterà su Israele un grande disastro che nessuno è disposto ad accettare”.

Un minuto dopo, si è rivolto direttamente alle famiglie degli ostaggi, mentendo spudoratamente quando ha detto: “Gli ostaggi sono sempre nei miei pensieri. Non smetteremo mai per un momento di lavorare per ottenere il rilascio dei nostri ostaggi”.

Diverse delle donne ostaggio liberate dalla prigionia a Gaza nel mese di novembre hanno tenuto la loro conferenza stampa. Hanno detto ciò che dovrebbe essere ovvio per qualsiasi persona sana di mente, ma che il nostro governo senza cuore non capisce.

Hanno espresso ciò che legioni di israeliani sentono e che solo i membri della coalizione non riescono a capire: il “ripristino della sicurezza e della deterrenza di Israele”, lo slogan che viene pronunciato così spesso, può avvenire solo quando gli ostaggi saranno tutti riportati a casa. Nessun israeliano si sentirà mai al sicuro nella propria terra se tutti gli ostaggi non torneranno.

Sharon Cunio-Alony, uno degli ostaggi liberati, ha dichiarato durante la conferenza stampa di quella sera: “In questo momento, generazioni di ebrei che sono stati cresciuti con il valore ‘chi salva una vita salva un mondo intero’ sono davanti ai nostri occhi. Il prezzo è pesante e insopportabile, ma il prezzo dell’abbandono sarà una macchia per le generazioni a venire”.

Adina Moshe, che è stata rapita dalla sua casa nel Kibbutz Nir Oz e poi rilasciata a novembre, ha detto in lacrime: “La moralità dello Stato è sparita. Temo che non avremo nulla da trasmettere ai nipoti e ai pronipoti che verranno dopo di noi”.

Nili Margalit, anch’essa rapita da Nir Oz, ha detto senza mezzi termini: “Se gli ostaggi non verranno restituiti, ogni madre e ogni padre sapranno che sono i prossimi e che lo Stato non si impegna per la loro sicurezza”.

Il prezzo della mancata restituzione degli ostaggi e di quelle che sembrano essere mosse deliberate da parte del governo per rimuovere la questione dalla cima dell’agenda pubblica per mezzo degli stanchi e familiari trucchi di Netanyahu è la frantumazione dell’ultimo valore essenziale che ci tiene uniti come società: la preoccupazione per la vita del nostro popolo.

Le dispute interne, la tendenza alla faziosità e i gravi disaccordi su questioni fondamentali come il sistema di governo esistevano già prima dell’arrivo di Netanyahu, ma avevamo anche valori condivisi, il più importante dei quali era il valore della vita umana e l’interesse per ogni singolo israeliano.

Sapevamo che lo Stato ci chiedeva grandi sacrifici, come il servizio militare obbligatorio, ma la vita qui ci compensava con il suo caldo e avvolgente senso di comunità e la voglia di vivere. Ora abbiamo perso anche questo, l’ultima cosa che ci univa.

Leggi anche:  Israele-Brasile: il 'caso' Iran complica ancora di più i rapporti già tesi tra i due governi

Se i responsabili delle decisioni non faranno tutto – assolutamente tutto – con piena onestà e intenzione per riportare a casa vivi gli ostaggi, non saranno mai in grado di ripristinare il senso di sicurezza degli israeliani. Non la loro sicurezza fisica, né il senso di sicurezza che deriva dalla condivisione di valori morali, un elemento di importanza nazionale cruciale per avere una società funzionante.

Quello che abbiamo visto, invece, è che preferirebbero vederci morti. Se non faranno immediatamente ogni sforzo per riportare a casa gli ostaggi vivi, non ci sarà alcuna rinascita per lo Stato di Israele”.

Cosa c’è dietro l’invasione di Rafah

A spiegarlo, con la consueta capacità analitica e documentale, è uno dei più autorevoli politologi israeliani: Amos Harel. Che sul quotidiano progressista di Tel Aviv tratteggia il seguente quadro: “Negli ultimi giorni i leader israeliani hanno parlato sempre più spesso della possibilità di inviare l’esercito a Rafah. Questo nonostante i numerosi ostacoli che si frappongono a un’operazione del genere, tra cui la densità della popolazione palestinese della città, le tensioni con l’Egitto, che si oppone all’impresa, le critiche degli Stati Uniti, il fatto che l’Idf abbia smobilitato la maggior parte delle unità di riserva che operano a Gaza e l’inizio del Ramadan tra un mese.

Un’operazione a Rafah è davvero all’ordine del giorno, ma c’è qualche ragione per credere che coloro che stanno esponendo la questione in pubblico in questo momento credano che possa servire ai loro scopi.

Il primo a parlare pubblicamente di un’operazione a Rafah è stato il ministro della Difesa Yoav Gallant. Il Primo Ministro Benjamin Netanyahu ha poi dichiarato di aver ordinato all’esercito di pianificarne una. Il Capo di Stato Maggiore dell’IDF Herzl Halevi ha dichiarato durante la riunione di gabinetto di domenica che un piano è pronto da tempo.

La minaccia di un’operazione nel sud di Gaza potrebbe servire a fare pressione su Hamas affinché migliori i termini di un accordo sugli ostaggi. Inoltre, aiuterebbe a distogliere la discussione dei media dall’apparente inerzia dei negoziati, dovuta non solo alle irragionevoli richieste di Hamas ma anche all’evidente scarso interesse di Netanyahu nel portarli avanti.

È anche possibile che, come molte delle decisioni di Netanyahu in tempo di guerra, egli si renda conto che un’operazione a Rafah è molto apprezzata dalla sua base di elettori in calo. A quegli elettori piace vedere Netanyahu opporsi all’amministrazione statunitense.

Non meno probabile è che stia preparando un alibi. Per settimane, il primo ministro ha parlato di vittoria totale a Gaza. Nonostante la stretta del cappio attorno ai nascondigli dei leader di Hamas, non c’è ancora alcun segno che Israele sia vicino a questo ambizioso obiettivo. Ma Netanyahu potrebbe dare la colpa ad altri per la mancata realizzazione della sua promessa: agli americani, che hanno accumulato ostacoli alla vittoria, agli esponenti della sinistra che si sono messi sulla sua strada, ai generali che ancora una volta non sono riusciti a consegnare la merce. Non sarà la prima volta che Netanyahu utilizzerà questa tattica.

Lo scorso fine settimana è trapelato uno scambio di parole all’interno del gabinetto che suggeriva che Netanyahu fosse sorpreso dal fatto che l’esercito avesse rilasciato la maggior parte delle unità di riserva che avevano combattuto a Gaza. Qualsiasi operazione a Rafah, certamente se intrapresa insieme al proseguimento dei combattimenti a Khan Yunis, richiederà un ulteriore rafforzamento delle forze. Dovranno essere richiamate le unità di riserva e le unità regolari dovranno essere spostate a Gaza da altre aree. In ogni caso, l’Idf preferirebbe concentrarsi prima sui campi profughi nel centro di Gaza, dove un battaglione e mezzo di combattenti di Hamas relativamente forte deve ancora essere sconfitto.

Leggi anche:  L'ex ostaggio denuncia Israele: "Dallo stato assistenza minima mentre cerco di riprendermi dal trauma"

Le voci di un’operazione a Rafah rendono il Cairo molto nervoso. L’Egitto ha già dislocato decine di carri armati nel Sinai nord-orientale e ha eretto recinzioni lungo il confine con Gaza per impedire ai rifugiati di fuggire verso il suo territorio nel caso in cui Rafah venga invasa dall’Idf. Se ciò dovesse accadere, gli egiziani minacciano di sospendere il trattato di pace di Camp David e di permettere ai camion che trasportano aiuti umanitari di entrare a Gaza senza ispezioni di sicurezza. Il governo del presidente Abdel-Fattah al-Sisi sta facendo tutto il possibile per porre fine alla guerra di Gaza.

Dopo due settimane di caos al valico di Kerem Shalom, domenica l’esercito e la polizia hanno iniziato a riportare l’ordine. Halevi ha chiesto al commissario di polizia Kobi Shabtai di porre fine alle proteste che hanno interrotto il traffico di camion verso l’enclave. Shabtai ha inviato 500 agenti di polizia che hanno disperso facilmente i circa 40 manifestanti di destra. Questo ha suscitato la rabbia del Ministro della Sicurezza Nazionale Itamar Ben-Gvir, che ha detto a Halevi che può comunicare con Shabtai solo attraverso di lui.

Nel frattempo, Netanyahu ha rafforzato la sua linea di sfida domenica durante una visita all’unità Yahalom dell’esercito. Ha giurato che Israele garantirà la smilitarizzazione di Gaza mantenendo il controllo della sicurezza su tutta l’area a ovest del fiume Giordano, compresa la Striscia di Gaza. “Non c’è alternativa a questo nel prossimo futuro. Lo stiamo dicendo alla comunità internazionale e al Presidente degli Stati Uniti. Avremo sempre il controllo della sicurezza e, se sarà necessaria la nostra presenza, resteremo lì”, ha dichiarato.

In altre parole, Netanyahu non solo sta rimandando una soluzione del giorno dopo per Gaza, ma ha dichiarato che l’IDF rimarrà nell’enclave ancora per un po’. Se lo si prende in parola, ciò sfida la posizione centrale degli Stati Uniti e chiude la porta alla normalizzazione con l’Arabia Saudita. La domanda è se l’amministrazione Biden si toglierà i guanti questa volta.

La grande inversione di rotta del premier

Le cose saranno forse più chiare al Cairo, dove i negoziati per l’accordo sugli ostaggi dovrebbero ricominciare martedì con intermediari americani, egiziani e qatarioti. La delegazione statunitense è guidata dal direttore della Cia William Burns. Domenica sera Israele non aveva ancora annunciato l’invio di una delegazione ai negoziati, dopo che Netanyahu aveva definito inaccettabile la risposta iniziale di Hamas.

Il comportamento di Israele ha stupito l’America e i due mediatori. Le richieste di Hamas sono effettivamente estreme, come ha detto Netanyahu, ma non è stata una vera sorpresa. Inoltre, la proposta di accordo concordata circa due settimane fa a Parigi (che prevede il rilascio di ostaggi e corpi in tre fasi in cambio del rilascio di molti prigionieri palestinesi e di un cessate il fuoco prolungato) è stata formulata sulla base di un’iniziativa israeliana. I mediatori si sono adoperati per portarla avanti, salvo poi scoprire che Netanyahu aveva scelto di fare una grande inversione di marcia.

Leggi anche:  Israele, l'ex capo dello Shin Bet contro Netanyahu: "Le sue politiche hanno portato al 7 ottobre"

La posizione di Netanyahu sull’accordo con gli ostaggi è parte integrante delle sue osservazioni su Rafah e sul mantenimento del controllo di Israele su Gaza. Su tutte le questioni chiave, il primo ministro si mantiene a destra e su una linea da falco. Le sue osservazioni pubbliche indicano che non è interessato a un accordo sugli ostaggi che rischierebbe di far fallire la sua coalizione. Il suo governo non accetterà nemmeno un cessate il fuoco della durata di diversi mesi a Gaza (e che probabilmente porterebbe alla pace con Hezbollah al confine con il Libano). Fare ciò solleverebbe domande difficili. Perché non abbiamo vinto? E cosa diavolo è successo il 7 ottobre?

Un accordo non gli permetterà di sopravvivere politicamente perché dipende dai suoi partner di estrema destra. I leader del partito di unità nazionale Benny Gantz e Gadi Eisenkot dovranno presto decidere il loro prossimo passo.

Chiusura su Sinwar

La caccia al leader di Hamas nella Striscia di Gaza, Yahya Sinwar, non è falsa. Secondo molti segnali, Israele è più vicino che mai a catturare o uccidere il principale pianificatore del massacro nelle comunità di confine di Gaza.

Sinwar è rimasto nel sistema di tunnel e bunker scavati da Hamas sotto Khan Yunis fin quasi dall’inizio della guerra. Partendo dal presupposto che è circondato da assistenti, guardie di sicurezza, familiari e forse da una “polizza assicurativa” sotto forma di diversi ostaggi israeliani, è difficile credere che possa spostarsi liberamente da un nascondiglio all’altro senza lasciare tracce.

Nelle ultime due settimane, le comunicazioni con lui sono state interrotte e in sua assenza sembra che la leadership di Hamas all’estero abbia difficoltà a consolidare le posizioni relative ai negoziati. Questo non significa che sia morto, ma sembra che abbia deciso di abbassare ulteriormente il suo profilo per evitare di essere danneggiato. Nel frattempo, le Forze di Difesa Israeliane e il servizio di sicurezza Shin Bet si stanno avvicinando.

Di recente sono state trovate ed esaminate da vicino le stanze in cui Sinwar ha soggiornato dopo l’inizio della guerra. Tra le altre cose trovate c’è un quaderno con appunti scritti a mano da Sinwar (l’ultimo è datato 14 gennaio). L’acquisizione da parte dell’Idf dei server informatici di Hamas e le scoperte nell’identificazione delle reti di comunicazione dell’organizzazione hanno esposto Sinwar ancora di più all’intelligence israeliana. L’Idf ha anche bombardato sistematicamente i tunnel che collegano Khan Yunis ad altre città.

Israele vuole rafforzare l’impressione di avere il fiato sul collo di Sinwar. Alla fine della settimana Halevi e il capo dello Shin Bet Ronen Bar hanno visitato i tunnel di Khan Yunis. Quando Bar ha parlato dei “ricercati nei cunicoli” che si nascondono sottoterra, si riferiva anche al leader di Hamas. All’inizio della manovra di terra nella Striscia, l’Idf ha usato una forza enorme, accompagnata da un fuoco dall’aria che è stato descritto come un “tritacarne”. Hamas non è riuscito a resistere e nella parte settentrionale della Striscia c’è stata un’enorme distruzione.

L’attività a Khan Yunis è più mirata e si basa su metodi operativi sviluppati negli ultimi mesi. Con il tempo, Hamas e le sue capacità militari e civili subiranno danni enormi. Ma questo piano ha una debolezza principale: Richiede altri mesi di sforzi. Non solo gli Stati Uniti e l’Egitto non hanno molta pazienza per questo – conclude Harel – ma gli ostaggi non hanno proprio tempo”.

Native

Articoli correlati