I leader mondiali chiedono a Israele di fermare il "catastrofico" attacco a Rafah che sarebbe un massacro
Top

I leader mondiali chiedono a Israele di fermare il "catastrofico" attacco a Rafah che sarebbe un massacro

La promessa di Israele di portare avanti una “potente” operazione a Rafah, nella Striscia di Gaza, è stata accolta giovedì con un crescente coro di condanna internazionale,

I leader mondiali chiedono a Israele di fermare il "catastrofico" attacco a  Rafah che sarebbe un massacro
Preroll

globalist Modifica articolo

15 Febbraio 2024 - 10.28


ATF

La promessa di Israele di portare avanti una “potente” operazione a Rafah, nella Striscia di Gaza, è stata accolta giovedì con un crescente coro di condanna internazionale, con i leader che mettono in guardia contro conseguenze catastrofiche per 1,5 milioni di palestinesi intrappolati lì, riferisce l’agenzia di stampa Agence France-Presse.

Australia, Canada e Nuova Zelanda hanno avvertito Israele di “non intraprendere questa strada”, rilasciando una rara dichiarazione congiunta nell’ultimo appello urgente che cerca di evitare ulteriori vittime civili di massa. “Un’operazione militare estesa sarebbe devastante”, hanno detto. “Semplicemente non c’è nessun altro posto dove i civili possano andare”.

Centinaia di migliaia di sfollati palestinesi sono stati spinti nella città più meridionale di Gaza dall’incessante campagna militare di Israele, cercando rifugio in un vasto accampamento improvvisato vicino al confine con l’Egitto.

Nonostante le pressioni dei governi stranieri e delle agenzie umanitarie affinché non invadano, Israele insiste che deve entrare a Rafah ed eliminare i battaglioni di Hamas.

“Combatteremo fino alla vittoria completa e ciò include un’azione potente anche a Rafah dopo aver permesso alla popolazione civile di lasciare le zone di battaglia”, ha detto mercoledì il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu in una dichiarazione.

Leggi anche:  Israele sta accumulando armi in previsione dell'offensiva a Rafah

Le sue minacce di un’imminente incursione arrivano mentre i mediatori corrono per una tregua nella guerra durata quattro mesi, che ha raso al suolo vaste aree di Gaza, sfollato la maggior parte della popolazione del territorio e spinto le persone sull’orlo della fame.

Se l’assalto israeliano a Rafah dovesse proseguire, il rischio di atrocità è “serio, reale ed elevato”, ha detto mercoledì il consigliere speciale delle Nazioni Unite per la prevenzione del genocidio, Alice Wairimu Nderitu.

Native

Articoli correlati