Israele: quei soldati mandati al macello da un governo contro tutti
Top

Israele: quei soldati mandati al macello da un governo contro tutti

Soldati come carne da cannone. Mandati allo sbaraglio per fini che poco hanno a che fare con il diritto alla sicurezza del popolo d’Israele. 

Israele: quei soldati mandati al macello da un governo contro tutti
Il ministro della difesa israeliano Yoav Gallant
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

15 Febbraio 2024 - 14.16


ATF

Soldati come carne da cannone. Mandati allo sbaraglio per fini che poco hanno a che fare con il diritto alla sicurezza del popolo d’Israele. 

Un governo contro tutti

Di grande impatto è lo scritto, su Haaretz, di Yossi Klein: “Il governo è contro tutti. Contro Hamas, contro Hezbollah, contro l’esercito e contro la popolazione. Ad Hamas non interessa cosa succede ai gazanwi; al governo interessa cosa succede a noi? Come marinai che abbandonano una nave che affonda, si preoccupano di se stessi. Saccheggiano, prendono tutto quello che possono. Passano i fondi agli amici, aiutano gli ultraortodossi, ignorano i combattenti.

I soldati hanno ormai capito che oggi il governo sta combattendo alle loro spalle. Sono la sua carne da macello. Non sono né fuori dal mondo né idioti. Vedono dove vanno a finire i soldi, vedono l’estensione del servizio di riserva, l’incompetenza nel trattare gli sfollati israeliani, l’apatia nei confronti degli ostaggi. Sono sbalorditi nel vedere come ogni settimana l’obiettivo della guerra cambi. Da “rovesciare Hamas” in passato a “vittoria assoluta” oggi. Chi sa cosa sia questa “vittoria assoluta” per la quale stanno sacrificando le loro vite?

I media lo sanno. I giornalisti che possono analizzare ogni secondo nella mente di Sinwar sanno cosa succede in quella di Netanyahu. Sanno che “vittoria assoluta” significa preservare il governo di Netanyahu. Lo sanno e tacciono. Sanno che non ci sono altri obiettivi, nessun piano. Nessun “giorno dopo”. Nessun rovesciamento e nessuna liberazione. Tutti servono allo stesso scopo: i combattenti che cadranno e gli ostaggi che saranno liberati. Questo è l’obiettivo e da questo deriva tutto. Questo è ciò che deve essere menzionato in ogni rapporto.

I giornalisti sanno, ma non riportano ciò che il pubblico deve sapere, ma solo ciò che il pubblico vuole sapere. Cosa non vuole sapere? Che i suoi figli combattono per Netanyahu. Un sondaggio condotto da Nimrod Nir e Nimrod Zeldin della Hebrew University ha rilevato che la maggior parte del pubblico ritiene che il Canale 1 sia il più affidabile. Ma è anche il meno seguito. Conclusione: L’affidabilità non conta. Il pubblico preferisce che gli si menta piuttosto che lo si tormenti con la dolorosa verità.

I commentatori non recitano la dolorosa verità alle telecamere come ostaggi con una pistola puntata alla testa. Fanno terrorismo psicologico, presentano un falso spettacolo di riservisti disposti a prestare servizio per altri due o tre anni purché l’obiettivo sia raggiunto. Nascondono il fatto che l’obiettivo è deliberatamente vago.

Ma il governo non apprezza la loro sottomessa devozione e tratta i commentatori come soldati di riserva. A chi si rivolge Alon Ben David per riferire di 30 ostaggi morti? A chi manda il Brig. Gen. Barak Hiram per spiegare il bombardamento di un centro comunitario con degli ostaggi, Nir Dvori? No, va al New York Times.

I media accettano l’umiliazione a testa bassa. Abbandona il palcoscenico ai discorsi inutili di politici che non hanno nulla da dire. Invece di informarci, ci inonda di storie di ostaggi con suoni di arpa luttuosi. Non vuole rovinare la gioia per la liberazione di due ostaggi con il numero allarmante di gazawi uccisi.

Gli studi televisivi pensano che siamo degli idioti, che sia facile darci delle sciocchezze ma non delle cattive notizie. Le cattive notizie che sono “autorizzate per la pubblicazione” non possono essere nascoste con “risultati impressionanti” e “successi”. Non diranno la verità: che d’ora in poi la guerra è un capriccio di un pericoloso cinico. Sarebbe un danno per la narrativa della “nazione unita” che stanno promuovendo. Non vogliono che si pensi che chiunque venga ucciso d’ora in poi non cadrà in difesa del Paese, ma in difesa del governo. Non chiedono informazioni, si nascondono. Al posto delle informazioni c’è una bufera di neve. Una bufera di informazioni senza importanza. Questa e quella divisione si sono spostate da qui a lì e da lì a qui.

Leggi anche:  Il massacro di Deir Yassin: lo sterminio degli abitanti di un villaggio ebraico

Non è rilevante. Non è interessante. Cosa è interessante? Gli ostaggi, gli israeliani sfollati e l’attacco a Rafah.

Come possiamo vincere senza eliminare migliaia di rifugiati? Come ci liberiamo di loro? Li “trasportiamo”. Certo, le menti brillanti che non sanno nemmeno come occuparsi di 100.000 rifugiati israeliani “sapranno” come “trasportare” 1,4 milioni di rifugiati gazawi? Come le pecore, come le arance? All’apparenza, è facile. Li si inonda di volantini dicendo loro di trasportarsi da soli. E chi rimane? Che Allah abbia pietà di lui.

Ho un suggerimento per il sondaggista Dr. Camil Fuchs: verificare se l’opinione pubblica è favorevole o contraria a un’azione a Rafah durante la quale, ad esempio, verranno uccisi 5.000 anziani, donne e bambini. La mia ipotesi è che l’opinione pubblica sia favorevole, a patto di non doverla vedere”, conclude Klein.

Cosa è “proporzionale” nel mattatoio di Gaza?

Un argomento delicato, che dal diritto si espande alla sfera dell’etica. Prezioso è il contributo, sempre sul quotidiano progressista di Tel Aviv, 

La guerra tra Israele e Hamas ha raggiunto il suo momento più drammatico. In Israele si festeggia con gioia il salvataggio di due ostaggi precedentemente detenuti da Hamas nella città di Rafah, ma si è consapevoli dei numerosi morti palestinesi che sono stati coinvolti nell’operazione di salvataggio e delle molte altre vittime civili previste dall’imminente invasione di terra israeliana nell’area di Rafah. Inoltre, le condizioni dei circa 100 ostaggi rimasti a Gaza si stanno rapidamente deteriorando e il tempo stringe per riportarli a casa vivi.

La città di Rafah è stata descritta come “l’ultima roccaforte rimasta nelle mani di Hamas” a Gaza, il che fa pensare che la maggior parte degli ostaggi sia detenuta nell’area di Rafah, insieme a numerosi militanti di Hamas e a più di un milione di residenti di Gaza, molti dei quali si sono rifugiati a Rafah per sfuggire alla distruzione delle zone settentrionali e centrali dell’enclave.

Il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha dichiarato che un’operazione a tutto campo a Rafah è essenziale per disattivare la capacità militare residua di Hamas, ma si è anche impegnato a garantire un’uscita umanitaria sicura per i civili dalla città prima di qualsiasi offensiva.

Anche gli alleati, tra cui il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden, hanno insistito sul fatto che i civili devono essere protetti e allontanati dal pericolo prima di qualsiasi operazione di terra israeliana nell’area.

La scelta di Israele è ora molto netta. Trattenere l’offensiva di terra a Rafah potrebbe significare abbandonare la migliore possibilità per Israele di ottenere una vittoria definitiva contro Hamas e di raggiungere l’obiettivo di disabilitare la capacità militare di Hamas. Potrebbe anche significare abbandonare l’ultima possibilità di costringere Hamas a trovare un accordo per il rilascio degli ostaggi prima che le loro vite non possano più essere salvate. Allo stesso tempo, data la densità e l’attuale vulnerabilità della popolazione civile a Rafah, procedere con un’operazione di terra potrebbe rischiare di provocare vittime civili che supererebbero anche i livelli catastrofici di danni collaterali che la guerra ha prodotto finora.

Si tratta quindi di un momento di scelte morali e legali difficili: un momento in cui non solo il futuro militare della guerra è in bilico, ma anche il carattere morale e legale delle scelte di Israele e dei suoi alleati.

Cosa dovrebbe fare Israele e quali sono le sue opzioni legali in queste circostanze?

Innanzitutto, dobbiamo essere chiari sul fatto che, come riconoscono quasi tutti gli esperti di diritto dei conflitti armati, gli attacchi di Hamas contro Israele del 7 ottobre autorizzano Israele a invocare il suo “diritto intrinseco all’autodifesa” secondo la Carta delle Nazioni Unite e i principi generali del diritto internazionale.

Leggi anche:  Gerusalemme, scontri tra ultra-ortodossi e polizia israeliana

e ai principi generali del diritto internazionale.

Israele ha quindi tutto il diritto di condurre una campagna di autodifesa in base al diritto internazionale. La questione cruciale, tuttavia, è cosa sia lecito fare per Israele nel perseguire tale diritto.

Sembra ragionevole supporre che, per difendersi efficacemente da Hamas, Israele debba procedere con l’offensiva di terra a Rafah.

Ma è altrettanto ragionevole supporre che farlo imporrebbe livelli sproporzionati di danni ai civili dal punto di vista delle leggi di guerra. Le leggi di guerra potrebbero essere così internamente contraddittorie che Israele non potrebbe legalmente intraprendere un’azione efficace per difendersi e allo stesso tempo rispettare l’obbligo legale di evitare danni sproporzionati ai civili?

Iniziamo con il considerare la natura dei giudizi di proporzionalità in guerra. La questione della “proporzionalità” in bello (la legge che regola la condotta in guerra) non può essere risolta facendo riferimento al solo numero di morti e feriti non combattenti.

Dobbiamo invece chiederci se il vantaggio militare di un’azione di un paese sia sufficientemente superiore al massiccio danno civile che la campagna potrebbe produrre da giustificare l’imposizione del rischio di un danno collaterale così esteso.

Sebbene il Diritto Internazionale Umanitario (DIU) non fornisca una formula precisa per stabilire quando il rapporto tra i vantaggi militari e i danni collaterali sia sufficiente per la proporzionalità, sarà utile dare un’occhiata più da vicino ai fattori che aumentano i danni ai civili nell’attuale conflitto.

I militanti di Hamas si nascondono di solito nella vasta rete di tunnel sotterranei costruiti per superare un conflitto di questo tipo. I tunnel interpongono uno strato fisico di scudo umano tra i sotterranei di Hamas e i jet israeliani che li sorvolano. Intrappolati tra le due parti ci sono ospedali, scuole, campi profughi, condomini e altri elementi della vita civile di Gaza.

Come dimostra la recente scoperta di una server farm sotto gli uffici dell’Unrwa a Gaza City, Hamas ha deliberatamente posizionato il suo sistema di tunnel sotto le zone più dense e meno sospette della vita civile di Gaza per utilizzare i civili come copertura per le sue operazioni e come foraggio per la guerra di informazione che sta conducendo contro Israele e i suoi alleati occidentali.

L’uso di scudi umani è illegale secondo il diritto internazionale. Viola il diritto internazionale umanitario consuetudinario ed è specificamente menzionato nella Quarta Convenzione di Ginevra e nel Protocollo Aggiuntivo I, che proibiscono l’uso di civili per scopi militari. Inoltre, secondo lo Statuto di Roma, che determina la giurisdizione della Corte Penale Internazionale, l’uso di civili come scudi umani è un crimine di guerra.

In che modo, quindi, Israele dovrebbe soppesare i fattori che stabiliscono la proporzionalità di fronte agli scudi umani? Può Israele esercitare legalmente il suo diritto di autodifesa quando sembra impossibile attaccare il nemico senza provocare massicce vittime civili a causa dell’uso da parte del nemico di un gran numero di civili come scudi umani?

Questo dilemma non è sconosciuto ad Hamas. I terroristi non rispettano il diritto internazionale umanitario, ma sono consapevoli delle sue restrizioni quando l’altra parte si sente vincolata da esso.

E come altri terroristi prima di loro, Hamas sa che sfruttare l’adesione di Israele alla legge è un’arma preziosa nel conflitto in corso.

Ma mentre altri gruppi terroristici hanno deliberatamente messo in pericolo i civili in modo frammentario, Hamas ha usato il suo sistema di tunnel per farlo su vasta scala. Parlando del sistema di tunnel, John Spencer, capo della sezione Urban Warfare di West Point, scrive: “Il teatro di Gaza non può essere paragonato a nessun altro nella storia militare moderna in termini di dimensioni delle sfide che pone”.

Leggi anche:  Israele: i ministri di ultra destra invocano il bombardamento di Teheran

Questa manipolazione del diritto di guerra – spesso definita “lawfare” – offre a un nemico che ignora il diritto internazionale un profondo vantaggio sul campo di battaglia. In primo luogo, costringe la parte che rispetta il diritto a confrontarsi proprio con la scelta di Hobson che Israele si trova attualmente ad affrontare, ovvero quella di ritirarsi dalle operazioni che ritiene necessarie per perseguire la propria difesa al fine di evitare di uccidere o ferire un gran numero di civili che vengono usati come scudi, oppure di difendersi completamente con un grande costo in termini di vite civili e subire il conseguente contraccolpo in termini di sostegno pubblico per l’aggressore.

Quando l’autodifensore è costretto a ritirarsi da un’offensiva militare per evitare di uccidere civili, è una vittoria per il suo nemico, che fa progressi verso i suoi obiettivi manipolando l’adesione alla legge dei suoi nemici.

Ecco il nocciolo della questione: quando la proporzionalità è a rischio, un paese deve cercare di ridurre al minimo le vittime civili in qualsiasi modo possibile, compatibilmente con il raggiungimento dei suoi obiettivi militari. Ma come può l’IDF minimizzare i danni ai civili palestinesi quando Hamas sta cercando di massimizzare gli stessi danni? E in queste circostanze, qual è la portata della responsabilità di Israele nel ridurre al minimo i danni ai civili quando questi ultimi sono stati messi in pericolo dai loro stessi leader?

Questo paradosso per Israele passa in gran parte inosservato, mentre il mondo incolpa solo Israele per la morte dei gazawi e la distruzione delle infrastrutture di Gaza.

Il Sudafrica, ad esempio, l’ha omesso completamente dalla sua presentazione nel procedimento in corso presso la Corte Internazionale di Giustizia (ICJ) contro Israele nel tentativo di dimostrare che Israele sta commettendo un genocidio. Secondo la Convenzione sul Genocidio, per essere responsabile di genocidio, Israele deve avere “l’intento di distruggere, in tutto o in parte, un gruppo nazionale, etnico, razziale o religioso, in quanto tale”. Non ci sono prove, tuttavia, che Israele abbia un intento diverso da quello di colpire Hamas e impedirgli di essere una minaccia.

La pratica dello scudo umano compromette il concetto stesso di proporzionalità e minaccia di annullare la logica del diritto internazionale umanitario e il ruolo svolto dal concetto di autodifesa nazionale. Per proteggere il diritto di Israele a difendersi e rendere l’esercizio di questo diritto compatibile con gli sforzi per ridurre al minimo i danni ai civili, è necessario imporre immediatamente una pressione internazionale concertata contro l’uso dei civili di Hamas come scudi. La pressione deve essere esercitata anche su altre nazioni, come il Qatar, che si rifiuta di denunciare l’indifferenza di Hamas nei confronti della propria popolazione, nonostante la sua presunta preoccupazione per la vita dei palestinesi, e sull’Egitto, che potrebbe facilmente contribuire a sciogliere questo paradosso aiutando l’evacuazione dei civili attraverso la porta di Rafah per dare loro un porto sicuro.

L’Egitto, invece, è andato esattamente nella direzione opposta, lavorando per fortificare i suoi confini con Gaza per garantire che nessun civile palestinese attraversi l’Egitto. Israele non deve assumersi da solo la responsabilità morale e legale delle crudeli tattiche di Hamas contro la propria popolazione. Tutti i paesi che si voltano dall’altra parte di fronte alle pratiche di protezione umana di Hamas hanno una parte di responsabilità nel sostenere il massacro di civili in guerra.”

Native

Articoli correlati