Ilya Yashin dal carcere: "Putin agisce come un capo mafia"
Top

Ilya Yashin dal carcere: "Putin agisce come un capo mafia"

Putin si muove come un padrino di mafia, i suoi delitti sono messaggi di potere mafioso. Considerazioni di uno che ben conosce i metodi di Putin. Dopo lo scoppio della guerra, Ilya Yashin, dissidente politico, decise di rimanere a Mosca. Ma...

Ilya Yashin dal carcere: "Putin agisce come un capo mafia"
Ilya Yashin
Preroll

globalist Modifica articolo

23 Febbraio 2024 - 22.38


ATF

Putin si muove come un padrino di mafia, i suoi delitti sono messaggi di potere mafioso. Considerazioni di uno che ben conosce i metodi di Putin. Dopo lo scoppio della guerra, Ilya Yashin, dissidente politico, decise di rimanere a Mosca. Si è sempre opposto apertamente sia all’invasione che al governo di Putin. Alla fine, Yashin è stato arrestato e nel dicembre 2022 è stato condannato a otto anni di carcere per aver diffuso “falsi” sull’esercito russo. Il motivo, uno streaming in cui l’oppositore parlava della strage di civili a Bucha. Ora il dissidente politico sta scontando la pena nella colonia penale n.3, nel villaggio di Shakhty-3, nella regione di Smolensk. È stato lì che Yashin ha saputo della morte di Alexei Navalny. In una lettera all’inviata speciale di “Meduza”, Svetlana Reuters, Yashin ha spiegato perché, a suo avviso, le autorità russe hanno deciso di uccidere Navalny. Ecco la lettera:

Il momento scelto per uccidere Navalny è stato il più sfortunato. Tra appena un mese, in Russia si terranno le elezioni presidenziali e si può presumere che il Cremlino sia interessato a una campagna elettorale calma e tranquilla. Allora perché ora? Forse il nostro errore principale è quello di fraintendere sempre le motivazioni di Putin. Noi cerchiamo di guardare questa o quella situazione con i nostri occhi, mentre il suo punto di vista è fondamentalmente diverso.

Leggi anche:  Un ex militare americano accusato di pedofilia fugge dagli Usa e si arruola nell'esercito russo

Sono convinto che l’omicidio di Navalny sia stato pianificato e portato a termine in vista delle elezioni. Nella comprensione di Putin, mi sembra che la morte in carcere di un leader dell’opposizione debba diventare l’evento principale di questa campagna elettorale, il suo simbolo.

Che cos’è la lotta politica ordinaria, quella per un politico europeo? Si tratta di una procedura pubblica competitiva, durante la quale ci si mostra più convincenti dei propri avversari e si ottiene la maggioranza dei voti. In questo modo, si legittima l’ottenimento di una posizione, insieme al potere che ne deriva.

Ma Putin non è un politico europeo. Ha un modo di pensare radicalmente diverso, che si è manifestato vividamente durante i lunghi anni della sua permanenza al Cremlino. A rigor di termini, questo non è affatto il pensiero di un politico o di uno statista, è il pensiero di un padrino della mafia.

Guardiamo a ciò che sta accadendo non attraverso gli occhi del presidente del paese, ma attraverso gli occhi del leader del gruppo che ha preso il controllo di questo paese. Quindi, è arrivato il momento in cui devi affermare la tua autorità. Devi farlo in modo tale che nessuno dubiti della tua forza, in modo che nessuno pensi nemmeno di sfidare il tuo status. Avete intenzione di affermare il vostro potere alle elezioni? No, per te si tratta di una procedura formale che può essere svolta in compagnia di “candidati” anonimi. Il vero potere della mafia si afferma con la dimostrazione della violenza e della crudeltà. Vale a dire, con l’esecuzione esemplare di un avversario che ha osato sfidarlo. L’omicidio di Navalny va considerato in questo contesto: Putin afferma il suo potere a vita, distruggendo in modo dimostrativo la persona che simboleggia l’alternativa. Questo è un chiaro segnale all’establishment e all’intera società: accettatelo, ho ucciso la speranza, non c’è più.

Leggi anche:  La Russia dice di aver impedito uno sbarco di forze ucraine a Kherson e accusa gli 007 di Londra

Ma voglio dire che la speranza è viva. È viva finché c’è almeno una persona viva che ha conservato la speranza di un cambiamento nel suo cuore.

Sì, guardando il trionfo di un bandito che si crogiola nel potere illimitato e nell’impunità, è difficile non cadere nella disperazione. È anche difficile superare la paura e continuare a resistere. Ma deve essere fatto. Altrimenti, noi stessi ci trasformeremo in morti viventi.

Native

Articoli correlati