Il Nyt: per la conquista di Avdiivka i russi hanno avuto più perdite di tutta la guerra in Afghanistan
Top

Il Nyt: per la conquista di Avdiivka i russi hanno avuto più perdite di tutta la guerra in Afghanistan

L'ultimo e lampante esempio è stata l'offensiva sulla città ucraina di Avdiivka, dove le forze russe avrebbero subito più perdite che in tutta la guerra in Afghanistan negli anni '80.

Il Nyt:  per la conquista di Avdiivka i russi hanno avuto più perdite di tutta la guerra in Afghanistan
Le rovine di Avdiivka
Preroll

globalist Modifica articolo

27 Febbraio 2024 - 17.00


ATF

Carne da macello. Sono passati 80 anni, ma la strategia militare di Mosca non è mutata. Se i sovietici riuscirono a sconfiggere i nazisti riversando sul fronte milioni di uomini che se si fossero azzardati a ritirarsi averebbero incontrato il fuoco delle mitragliatrici dei commilitoni, allo stesso modo il Cremlino è convinto di schiacciare la resistenza ucraina con la carne da cannone che ha sempre impiegato in guerra.

L’ultimo e lampante esempio è stata l’offensiva sulla città ucraina di Avdiivka, dove le forze russe avrebbero subito più perdite che in tutta la guerra in Afghanistan negli anni ’80.

Kiev ha decimato una dopo l’altra le colonne di fanteria martellandole con l’artiglieria finché le forze russe non hanno diviso le loro formazioni in unità più piccole per evitare di essere bombardate. È stato uno dei numerosi aggiustamenti apportati dai russi per contribuire a invertire le loro fortune dopo un primo anno disastroso, scrive il New York Times, ma questi cambiamenti sono stati oscurati dall’evidenza che l’esercito russo è ancora disposto a subire grandi perdite di uomini ed equipaggiamenti pur di ottenere piccoli avanzamenti.

Leggi anche:  Ucraina, per l'Europa la diplomazia può attendere e la parola è solo alle armi

Le forze russe hanno «una diversa soglia di dolore», ha detto questo mese un alto funzionario occidentale citato dal quotidiano, così come «una visione non ortodossa di quello che è considerato un livello accettabile di perdite militari».

Le varie stime sulle vittime russe che circolano tra analisti militari, blogger filo-russi e funzionari ucraini suggeriscono che Mosca ha perso più truppe nella presa di Avdiivka di quante ne abbia perse in 10 anni di combattimenti in Afghanistan negli anni ’80. Ma il numero delle vittime è difficile da verificare – gonfiato dalla parte che causa le vittime e minimizzato dalla parte che le subisce – lasciando sconosciuto il costo reale.

La cifra ufficiale dei morti sovietici in Afghanistan, circa 15.000, è considerata notevolmente sottostimata. Un eminente blogger militare ha scritto che i russi hanno perso 16 mila soldati ad Avdiivka, un numero che per ora rimane impossibile da confermare. «Nonostante le pesanti perdite della Russia ad Avdiivka, hanno ancora un vantaggio in termini di superiorità numerica sul fronte e possono continuare gli assalti in più direzioni», ha affermato Rob Lee, membro senior del Foreign Policy Research Institute, di Philadelphia. Dall’inizio dell’invasione, la Russia è stata disposta a pagare un costo particolarmente elevato per avanzare nel Donbass, dove si trova Avdiivka.

Leggi anche:  Missili Usa a lungo raggio in Germania: la prima volta dalla fine della guerra fredda

Alcuni analisti militari affermano che assumere il pieno controllo del Donbass è il minimo indispensabile di cui il governo russo ha bisogno per presentare l’invasione dell’Ucraina come una vittoria interna. Ciò forse spiega la volontà di Mosca di assorbire ingenti perdite per realizzare progressi marginali.

Native

Articoli correlati