Strage di Crocus, la Russia rilancia le accuse a Kiev: "C'è l'Ucraina dietro"
Top

Strage di Crocus, la Russia rilancia le accuse a Kiev: "C'è l'Ucraina dietro"

La Russia cerca di sfruttare propagandisticamente l’attentato a Crocus per rafforzare la retorica  della guerra all’Ucraina e nascondere il suo fallimento della sicurezza interna. E continua a incolpare Kiev.

Strage di Crocus, la Russia rilancia le accuse a Kiev: "C'è l'Ucraina dietro"
Preroll

globalist Modifica articolo

26 Marzo 2024 - 12.56


ATF

La Russia cerca di sfruttare propagandisticamente l’attentato a Crocus per rafforzare la retorica  della guerra all’Ucraina e nascondere il suo fallimento della sicurezza interna. E continua a incolpare Kiev.

 C’è l’Ucraina dietro l’attacco terroristico di venerdì alla sala concerti del Crocus City Hall alla periferia ovest di Mosca. A dirlo il segretario del Consiglio di sicurezza nazionale russo, Nikolai Patrushev, come riporta l’agenzia di stampa russa Ria Novosti. Quando gli è stato chiesto dai giornalisti se dietro l’attentato ci fosse l’Ucraina o l’Isis, Patrushev ha risposto: «Certo, l’Ucraina».

 Ieri il presidente russo, Vladimir Putin, ha dichiarato che le autorità sanno che l’attacco è stato compiuto da islamisti radicali ma al tempo ha aggiunto che gli Usa, «attraverso diversi canali», stanno cercando di «convincere tutti» che «non c’è traccia di Kiev» dietro l’attentato, e ha sottolineato che è necessario stabilire chi sia il mandante.

Leggi anche:  Europee, la 'vendetta' russa: "Macron e Scholz puniti per aver sostenuto la guerra ucraina contro Mosca"
Native

Articoli correlati