Israele, la piazza si ribella al governo di guerra: liberate gli ostaggi, liberiamoci di Netanyahu
Top

Israele, la piazza si ribella al governo di guerra: liberate gli ostaggi, liberiamoci di Netanyahu

La piazza si ribella a “Bibi”. E accentua ancor più l’isolamento internazionale del promo ministro e del suo governo di guerra.

Israele, protesta per la liberazione degli ostaggi
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

1 Aprile 2024 - 15.38


ATF

La piazza si ribella a “Bibi”. E accentua ancor più l’isolamento internazionale del promo ministro e del suo governo di guerra.

Un quadro allarmante

Lo tratteggia, su Haaretz, Zehava Galon, già leader del Meretz, la sinistra pacifista israeliana: “Il primo ministro Benjamin Netanyahu presenta: Come perdere amici e influenza. La scorsa settimana gli Stati Uniti hanno deciso di non porre il veto alla risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che chiedeva il cessate il fuoco a Gaza. Il paese che è stato al nostro fianco fin dall’inizio della guerra, che ha minacciato di combattere al nostro fianco in Libano se Hezbollah avesse attaccato, che sta attaccando gli Houthi in Yemen, ha deciso di tracciare una linea.

Netanyahu ha accusato la Casa Bianca di minare lo sforzo bellico. Ma chi ha minato lo sforzo bellico è stato il primo ministro stesso, perché fin dall’inizio lo sforzo bellico lo ha interessato molto meno dello sforzo della coalizione. Netanyahu ha gettato gli interessi di Israele nel bidone della spazzatura e lo abbiamo visto tutti mentre lo faceva al rallentatore, per mesi.

Da ottobre, sempre più persone intorno a me camminano prigioniere di una sorta di terrificante compiacimento, come ubriachi sull’orlo di un abisso. Come se mesi e mesi di guerra, recessione e sanzioni fossero così insopportabili che hanno scelto inconsapevolmente di disconnettersi. Ora camminano tra noi come fantasmi, incredibilmente funzionali, beneficiando della società, ma non sono davvero con noi.

È comprensibile. L’orrore del 7 ottobre, la paura iniziale di una guerra su due fronti e di una grande rivolta in Cisgiordania e nelle città arabo-ebraiche, il costante flusso di storie dell’orrore provenienti dal festival rave di Re’im e dai kibbutzim delle comunità al confine con Gaza, le testimonianze degli ostaggi che sono tornati: tutto questo è stato ed è ancora insopportabile e a un certo punto il corpo teso non ne può più e sembra calmarsi da solo.

È anche per questo che è difficile scrollarsi di dosso la sensazione che quella a cui stiamo assistendo non sia indifferenza, ma apatia sfinita; e che la coscienza politica di Israele possa ora essere meglio descritta in termini psicologici. Gli israeliani ne hanno avuto abbastanza e non ne possono più.

Nell’ultimo anno centinaia di migliaia di israeliani hanno lasciato le loro case per manifestare contro il colpo di stato giudiziario; hanno visto i loro figli e le loro figlie massacrati e torturati, i loro anziani e i loro bambini rapiti; parti del paese occupate da un’organizzazione terroristica che, come era stato promesso, era stata scoraggiata e addomesticata. Si sono offerti in massa per prendere il posto del governo scomparso: un’intera generazione mobilitata per combattere a Gaza.

Come possiamo chiedere agli israeliani di continuare in questo terribile stato di tensione, di non rilassarsi ancora. Ma è quello che dobbiamo fare. Perché Israele è immerso in uno dei momenti più pericolosi della sua storia e i cinici che ci hanno portato all’attuale abisso stanno continuando a farlo.

È ora di iniziare a collegare i puntini: Siamo all’inizio di uno tsunami internazionale, non al suo apice e non alla sua fine. Le sanzioni non rimarranno appannaggio solo di alcuni personaggi poco raccomandabili in Cisgiordania. Lo stillicidio si sta trasformando in un’alluvione e già ora i nostri alleati si rifiutano di venderci armi in un momento in cui il governo parla di antisemitismo e ipocrisia internazionale. Il governo israeliano ha ricevuto un raro e incredibile credito internazionale e, come fa di solito con il credito, lo ha convertito in debito.

“Ci hanno detto che ci stiamo avvicinando a uno tsunami diplomatico, ed è successo l’esatto contrario”, si vantava Netanyahu quattro anni fa. Da allora l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha mandato a quel paese Netanyahu, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden lo ha appeso al chiodo fino a chiamarlo, siamo stati trascinati all’Aia, i nostri amici più importanti hanno imposto sanzioni ai cittadini israeliani, il Canada ha smesso di inviarci armi e la Gran Bretagna minaccia di fare lo stesso.

Leggi anche:  Israele in guerra: "per quanto voi vi crediate assolti siete per sempre coinvolti"

E proprio mentre il ministro delle Finanze Bezalel Smotrich ha continuato a distribuire i fondi della coalizione nonostante i ripetuti avvertimenti di un abbassamento del nostro rating creditizio, altri ministri del governo continuano la loro folle corsa verso il muro di mattoni, convinti che saremo noi, il pubblico israeliano, e non loro a pagare il prezzo dello scontro.

Il governo israeliano non si considera parte di Israele, non si considera responsabile degli israeliani. Il destino dei cittadini non gli interessa. Ne abbiamo avuto prova ogni giorno da ottobre.

Ecco, in breve, la marea di cattive notizie: 1° febbraio: Biden approva sanzioni contro quattro coloni violenti della Cisgiordania: 12 febbraio: la Gran Bretagna impone sanzioni ai quattro; il giorno successivo la Francia annuncia sanzioni contro 28 coloni coinvolti in violenze antipalestinesi.

7 marzo: la Casa Bianca richiede un elenco delle forniture di armi destinate a Israele; una settimana dopo gli Stati Uniti impongono sanzioni agli avamposti di insediamento in Cisgiordania e a tre coloni. 15 marzo: una fonte israeliana afferma che gli Stati Uniti “hanno rallentato l’assistenza militare a Israele”; tre giorni dopo anche l’Unione Europea annuncia una serie di sanzioni contro i coloni violenti; il giorno seguente il Canada annuncia che smetterà di inviare armi a Israele e due giorni dopo anche la Gran Bretagna minaccia di farlo. 24 marzo: la vicepresidente degli Stati Uniti Kamala Harris dichiara: “Qualsiasi operazione militare di grandi dimensioni a Rafah sarebbe un errore enorme”.

Non abbiamo ancora parlato del Sudafrica, che ha annunciato che i soldati delle Forze di Difesa Israeliane che combattono a Gaza e hanno la cittadinanza sudafricana saranno arrestati al loro arrivo, o dei paesi che stanno decidendo di aggirare il governo israeliano e di portare assistenza aerea a Gaza, o del discorso del leader della maggioranza del Senato degli Stati Uniti Chuck Schumer, o della serie di dichiarazioni in escalation dei ministri degli Esteri europei. Siamo così impegnati a farci insultare che non notiamo questo torbido flusso e non vediamo dove ci sta portando.

Ci stiamo trincerando dietro alle assurdità dell’antisemitismo. La verità è che Israele ha ricevuto privilegi internazionali concessi a pochissimi altri paesi. La fame a Gaza è causata dall’uomo. Anche se Hamas è responsabile, perché controlla le poche consegne di aiuti che entrano nella Striscia, questo non ci esime dalla responsabilità. Abbiamo ridotto drasticamente il numero di camion che entrano a Gaza. Si tratta di una politica barbara, che avrebbe portato a sanzioni contro qualsiasi altro paese, e abbiamo quasi completamente interrotto gli aiuti al nord di Gaza.

Abbiamo ricevuto aiuti per via aerea, eppure osiamo lamentarci. I paesi del mondo ci evitano educatamente, trattandoci come un bambino che fa i capricci. Solo per non punire i cittadini di Israele per le azioni del suo governo. Ma questo non durerà per sempre.

Stiamo vivendo in una terra da sogno. Senza le forniture di munizioni degli Stati Uniti, Israele non avrebbe potuto combattere a Gaza o bombardare in Libano. Questo è un dato di fatto. Un paese di mendicanti che ruggisce come un signore e un padrone. Il suo governo è una triste barzelletta che si gioca la sicurezza e i risparmi dei suoi cittadini, mentre questi sono troppo scioccati per capire cosa sta succedendo. Una lega diversa, ci aveva promesso Netanyahu, e ha mantenuto la promessa: la lega dei lebbrosi. Non dobbiamo accompagnarlo lì.

Un’operazione israeliana a Rafah è un’illusione pericolosa. Non ci sono piani di evacuazione per le masse di rifugiati che vivono lì e Israele non ha scorte di munizioni che gli permettano di agire senza legittimità internazionale. Siamo in guerra, i nostri ostaggi sono ancora a Gaza e il primo ministro ci sta vendendo allucinazioni. La linea di credito che il mondo ha concesso a Netanyahu si è esaurita. È giunto il momento di interrompere la linea di credito che gli abbiamo concesso”, conclude Galon.

Leggi anche:  Israele, l'ex capo dello Shin Bet contro Netanyahu: "Le sue politiche hanno portato al 7 ottobre"

Guerra perpetua. Una scelta politica

Così Amos Harel sul quotidiano progressista di Tel Aviv: “Nei sei mesi trascorsi dal 7 ottobre, Netanyahu ha fallito. Non ha riportato gli ostaggi e non ha eliminato Hamas, ma ha consegnato solo ciò che sa fare: bugie e sangue. Se anche noi vogliamo un futuro, dobbiamo tornare in strada e la richiesta deve essere chiara: una commissione d’inchiesta statale e le elezioni. Ora, finché c’è la possibilità di riportare in vita gli ostaggi.

L’ondata di manifestazioni di sabato sera in tutta la nazione riflette un’escalation tardiva nella battaglia condotta dalle famiglie degli ostaggi.

Anche i manifestanti antigovernativi e coloro che cercano di contrastare la legislazione che esenta gli ultraortodossi dal servizio militare hanno intensificato la loro attività.

Dopo mesi di stasi nei negoziati indiretti tra Israele e Hamas, molte famiglie degli ostaggi sembrano aver capito che se c’è una possibilità di far avanzare i negoziati, è in gran parte nelle loro mani, aumentando la pressione sul Primo Ministro Benjamin Netanyahu.

Gli attuali colloqui si svolgono all’ombra di manifestazioni che, per la prima volta dall’inizio della guerra, rappresentano una sfida per Netanyahu. Resta da vedere quali conclusioni ne trarrà Hamas, che segue da vicino gli eventi in Israele.

Quando le manifestazioni si sono intensificate e la polizia di Tel Aviv ha risposto ancora una volta duramente sabato sera, sono iniziati i prevedibili attacchi da parte dei portavoce del governo.

Le famiglie che protestano, sostengono, stanno favorendo il nemico. Se lasciassero fare a Netanyahu quello che vuole, le Forze di Difesa Israeliane entrerebbero presto a Rafah e ci condurrebbero alla vittoria totale.

Ma evidentemente queste argomentazioni non convincono più la maggioranza degli israeliani – cioè quelli non assuefatti al lavaggio del cervello di Channel 14 – che si chiedono come mai Netanyahu non abbia ancora accettato uno straccio di responsabilità per il massacro del 7 ottobre.

Cresce il sospetto che Netanyahu voglia una guerra perpetua – una guerra che continua, senza alcun esame di coscienza nazionale su come siamo stati trascinati in essa – più di quanto voglia una vittoria totale, che in ogni caso non è visibile all’orizzonte.

La lentezza dei negoziati, i frequenti ritardi di Netanyahu e, soprattutto, la sua continua incapacità di mostrare anche solo un minimo di empatia per la sofferenza degli ostaggi hanno fatto pendere la bilancia dalla parte di molte famiglie dei prigionieri. Einav Zangauker, il cui figlio Matan è un ostaggio, ha espresso bene questo concetto durante la manifestazione di sabato sera.

“Dopo 176 giorni, abbiamo capito che l’ostacolo sei tu”, ha detto a Netanyahu. Ha poi promesso di lavorare per la sua cacciata.

Non dobbiamo ignorare il fatto che Hamas, nel tentativo di ottenere concessioni ancora maggiori da Israele, ha anche ritardato un accordo.

E poiché i negoziati non si svolgono nel vuoto, il leader dell’organizzazione nella Striscia di Gaza, Yahya Sinwar, potrebbe benissimo vedere l’intensificarsi delle manifestazioni in Israele come un’iniezione di energia per la sua guerra.

Ma sull’altro piatto della bilancia c’è il destino degli ostaggi. E questi, come hanno notato la scorsa settimana sia i funzionari politici che quelli della difesa, ci stanno gradualmente sfuggendo.

Leggi anche:  La Francia invoca sanzioni contro Israele se non consentire maggiori aiuti a Gaza

Secondo il conteggio ufficiale dell’Idf, 36 dei 134 ostaggi rimasti sono morti. Ma è chiaro a tutti che il numero reale è molto più alto; semplicemente l’esercito non ha ancora raccolto abbastanza prove conclusive.

Gli ostaggi e le loro famiglie non hanno tempo. È vero che un accordo richiederà la liberazione di quasi 1.000 prigionieri palestinesi in cambio di circa 40 ostaggi – donne, anziani, malati e feriti – nella prima fase.

Ma anche se Netanyahu è riuscito in qualche modo a farlo sparire dalla nostra memoria collettiva, ha firmato un accordo ancora più squilibrato nel 2011, quando 1.027 terroristi, di cui circa la metà di peso elevato, furono scambiati con un solo soldato, Gilad Shalit.

Alcuni dei prigionieri liberati in quell’accordo sono stati uccisi la scorsa settimana durante l’operazione dell’Idf nell’ospedale Shifa di Gaza City, dopo aver svolto per anni un ruolo attivo nell’incoraggiare e finanziare il terrorismo in Cisgiordania. (L’operazione Shifa, tra l’altro, continua a produrre risultati impressionanti: quasi ogni giorno vengono uccisi o catturati alti funzionari di Hamas).

Nelle ultime due settimane, si è registrato un certo movimento nelle posizioni dei funzionari della difesa, così come tra i membri del gabinetto di guerra e del gabinetto di sicurezza, compresi alcuni ministri del Likud.

Sempre più spesso affermano che la palla è in gran parte nel campo di Israele e che la procrastinazione di Netanyahu (che descrive come la conduzione di negoziati difficili) è la ragione principale del ritardo nel concludere un accordo.

Sotto una crescente pressione, il primo ministro è costretto a mantenere un piccolo team di negoziatori ai negoziati in Qatar e a consentire l’invio di un’altra delegazione in Egitto.

Gran parte del dibattito da parte israeliana verte sulla richiesta di Hamas di permettere ai residenti palestinesi di tornare liberamente nel nord di Gaza, senza che l’esercito li controlli da vicino. Questa questione, più del numero di prigionieri rilasciati nel primo round, è al centro dei negoziati di queste settimane. Con le crescenti proteste e i disaccordi all’interno del gabinetto, l’attenzione si sta nuovamente concentrando sulla posizione dei ministri del Partito di Unità Nazionale, Benny Gantz e Gadi Eisenkot.

Due mesi fa, in un’intervista rilasciata a Ilana Dayan su Channel 12 news, Eisenkot aveva dato l’impressione che un inutile ritardo nell’esecuzione dell’accordo sugli ostaggi lo avrebbe portato a lasciare il governo. Data la crescente paura per la vita degli ostaggi, non ha più tempo per decidere.

La sua mossa pubblica potrebbe spingere Netanyahu in un angolo o, in alternativa, accendere un fuoco sotto le file dei manifestanti.

Nel frattempo, il primo ministro ha convocato una conferenza stampa irregolare e un po’ strana domenica. Poche ore prima, il suo ufficio aveva annunciato che, a seguito di un “controllo medico di routine” tenutosi bizzarramente sabato sera, avrebbe dovuto sottoporsi a un’operazione di ernia.

Forse per l’inquietudine che l’annuncio ha suscitato e forse per il desiderio di rubare la scena alle manifestazioni, Netanyahu ha annunciato il discorso con poco preavviso.

La sua apparizione è stata emotiva, un po’ confusa e insolitamente piena di esitazioni nella lettura del teleprompter. Non è certo una sorpresa: il primo ministro è sottoposto a enormi pressioni e ora ha anche problemi di salute.

Se intendeva comunicare determinazione e fiducia in se stesso al pubblico o ad Hamas, l’evento ha mancato il bersaglio. Ma soprattutto, ciò che è emerso è la difficoltà di Netanyahu di dimostrare un sentimento per gli ostaggi e le loro famiglie, anche quando ha cercato di farlo nel suo discorso”.

Così Harel. Colpito, isolato nel mondo, ma non affondato. Benjamin Netanyahu non si farà da parte. Poco ma sicuro. Purtroppo.

Native

Articoli correlati