Mosca chiede l'estradizione per terrorismo del capo degli 007 dell'Ucraina
Top

Mosca chiede l'estradizione per terrorismo del capo degli 007 dell'Ucraina

La Russia ha rivolto direttamente al governo ucraino la richiesta di estradizione del capo dei suoi servizi segreti, accusato di aver orchestrato attacchi terroristici sul suolo russo.

Mosca chiede l'estradizione per terrorismo del capo degli 007 dell'Ucraina
Zelensky e Vasyl Malyuk,
Preroll

globalist Modifica articolo

1 Aprile 2024 - 23.45


ATF

La Russia ha rivolto direttamente al governo ucraino la richiesta di estradizione del capo dei suoi servizi segreti, accusato di aver orchestrato attacchi terroristici sul suolo russo. Mosca ha anche annunciato l’intenzione di intraprendere azioni legali presso le Corti internazionali.

Questa mossa è stata presentata come un tentativo di affrontare legalmente una serie di attentati che hanno colpito il paese durante il conflitto, compresi quelli avvenuti nella capitale.

Tuttavia, al momento, la Russia non ha ancora accusato direttamente Kiev per l’attacco al Crocus City Hall.

È vero che, dal presidente Vladimir Putin in giù, tutti i politici e responsabili dei servizi di sicurezza continuano ad agitare il sospetto di un ruolo di Kiev come mandante dell’attacco, che ha provocato 144 morti e che è stato rivendicato dall’Isis. Ma il ministero degli Esteri fa presente che fin quando non sarà completata l’inchiesta e raccolte le necessarie prove, non è possibile chiamare in causa ufficialmente l’Ucraina. Mosca, ha sottolineato la portavoce Maria Zakharova, ha invece inviato a Kiev, attraverso un canale diplomatico che passa per la Bielorussia, precise richieste riguardanti altri episodi. Tra queste richieste, formulate sulla base delle convenzioni internazionali per la lotta al terrorismo, vi è l’arresto e l’estradizione del capo dei servizi segreti (Sbu), Vasiily Malyuk, che in una recente intervista ha fornito dettagli – di conseguenza ammettendo la responsabilità – in una serie di attentati.

Leggi anche:  Ucraina, la Russia sulla conferenza in Svizzera: "Noi non invitati e senza la nostra presenza è inutile"

Parlando alla televisione Primo Canale la portavoce ha chiamato in causa gli ucraini, oltre che per l’attentato al Ponte di Crimea dell’ottobre 2022, anche contro giornalisti e personaggi pubblici sostenitori dell’intervento armato in Ucraina. Come le uccisioni di Darya Dugina e Vladlen Tatarsky e il ferimento dello scrittore Zakhar Prilepin. Se Kiev non accetterà di consegnare gli accusati e risarcire i danni alle vittime, dovrà rispondere delle sue «responsabilità legali internazionali», di fronte ai giudici, ha avvertito la portavoce. E «se emergeranno nuove informazioni» su un possibile ruolo dell’Ucraina, la stessa procedura verrà seguita in merito all’attacco al Crocus.

I servizi d’intelligence interna, Fsb, hanno annunciato di avere sgominato un’altra cellula di terroristi in Daghestan, repubblica russa del Caucaso settentrionale, arrestando quattro persone che intendevano fare esplodere una bomba in un luogo affollato nella città di Kaspiysk, sul Mar Caspio. L’Fsb ha aggiunto che uno degli arrestati ha confessato anche di avere portato personalmente armi e denaro fino a Mytishchi, alle porte di Mosca, per consegnarli agli attentatori del Crocus.

Leggi anche:  Cameron chiede al Congresso Usa (soprattutto ai repubblicani) di inviare nuovi aiuti all'Ucraina

Nei giorni scorsi gli Usa avevano detto di avere avvisato in anticipo la Russia di un attacco in preparazione nella capitale. Ora l’agenzia Reuters scrive di avere saputo da tre fonti bene informate che anche l’Iran aveva messo in guardia Mosca. «Non ne so nulla», ha commentato il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, rispondendo a una domanda.

Intanto, l’ex capo dell’ufficio russo dell’Interpol, il generale della polizia in pensione Vladimir Ovchinsky, in una intervista alla televisione di Stato ha ipotizzato che dei chip potrebbero essere stati impiantati nel cervello degli autori dell’attacco al Crocus City Hall, perché, ha affermato, la loro «coscienza era disabilitata».

Sul fronte ucraino, un membro dell’amministrazione filorussa della regione di Lugansk è rimasto ucciso in un attentato quando la sua auto è saltata in aria. Mentre Peskov ha annunciato che la Russia valuterà solo alla scadenza del suo mandato, in maggio, se continuare a riconoscere Volodymyr Zelensky come presidente dell’Ucraina, in assenza di elezioni presidenziali. In base a quanto prescritto dalla Costituzione, la consultazione si sarebbe dovuta tenere ieri, ma è stata resa impossibile dalla legge marziale.

Leggi anche:  Anche l'Ucraina pronta ad arruolare detenuti: libertà condizionale per chi si arruola

Il ministero della Difesa di Mosca ha infine precisato che l’arruolamento di circa 150.000 nuove reclute, sulla base di un decreto firmato dal presidente Vladimir Putin, rientra nella normale chiamata di leva primaverile e «non ha nulla a che vedere» con il conflitto in Ucraina, dove questi soldati non saranno inviati. 

Native

Articoli correlati