Israele ha detto che il Paese risponderà all’attacco missilistico e con i droni dell’Iran
Top

Israele ha detto che il Paese risponderà all’attacco missilistico e con i droni dell’Iran

Il generale israeliano ha affermato che il Paese risponderà all’attacco missilistico e droni dell’Iran, ma non è chiaro quale forma assumerà tale risposta e se sarà così forte.

Israele ha detto che il Paese risponderà all’attacco missilistico e con i droni dell’Iran
Il gabinetto di guerra israeliano
Preroll

globalist Modifica articolo

16 Aprile 2024 - 01.20


ATF

Il generale israeliano ha affermato che il Paese risponderà all’attacco missilistico e droni dell’Iran, ma non è chiaro quale forma assumerà tale risposta e se sarà così forte da poter trasformare una spirale di violenza in una guerra regionale su vasta scala.

Lunedì funzionari statunitensi hanno affermato che una qualche forma di contrattacco all’attacco iraniano, che ha coinvolto più di 300 missili e droni, era quasi inevitabile, ma l’amministrazione Biden sperava ancora che sarebbe stato un contrattacco limitato e non mirato al territorio iraniano.

Il capo di stato maggiore delle forze di difesa israeliane, il tenente generale Herzi Halevi, ha dato la conferma più chiara finora dopo l’attacco che Israele avrebbe reagito.

“Questo lancio di così tanti missili, missili da crociera e droni nel territorio israeliano riceverà una risposta”, ha detto Halevi, parlando dalla base aerea di Nevatim nel sud di Israele, che è stata leggermente danneggiata dall’attacco.

Il gabinetto di guerra israeliano si è riunito per la quarta volta negli ultimi due giorni lunedì pomeriggio, quando il primo ministro Benjamin Netanyahu, il suo ministro della difesa, Yoav Gallant, e Benny Gantz, l’ex ministro della difesa e rivale centrista di Netanyahu, hanno nuovamente discusso su come procedere sul filo del rasoio tra escalation e deterrenza.

Leggi anche:  Chef Rubio aggredito e massacrato sotto casa, denuncia: "Erano in sei, una squadraccia sionista"

“Rispettiamo che questa sia una decisione che spetta al gabinetto di guerra, al primo ministro. Sappiamo che vivono in un quartiere molto difficile”, ha detto lunedì alla CNN il portavoce della sicurezza nazionale della Casa Bianca, John Kirby. Ma ha aggiunto che Joe Biden “è stato anche molto chiaro sul fatto che non vogliamo una guerra con l’Iran. Non cerchiamo di ampliare e ampliare questo conflitto. Non vogliamo vedere la situazione degenerare”.

Native

Articoli correlati