Gaza il giorno dopo? Netanyahu vuole un'amministrazione militare israeliana
Top

Gaza il giorno dopo? Netanyahu vuole un'amministrazione militare israeliana

L'istituzione di un'amministrazione militare è una vera alternativa che Netanyahu sta prendendo in considerazione, che attira molto sostegno all'estrema destra.

Gaza il giorno dopo? Netanyahu vuole un'amministrazione militare israeliana
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

19 Maggio 2024 - 15.38


ATF

Biden chiede cosa sarà il “giorno dopo” la fine, non si sa quando e come, della guerra a Gaza? Il mondo esige una risposta, intanto sta a guardare la mattanza nella Striscia. Cosa sarà il “giorno dopo”? La risposta, Benjamin Netanyahu l’ha trovata. E peggiore non potrebbe essere.

Amministrazione militare

Di cosa si tratti lo spiega molto bene Haaretz in un editoriale: “Il ministro della Difesa Yoav Gallant ha convocato una conferenza stampa mercoledì in cui ha invitato il primo ministro Benjamin Netanyahu a dichiarare che nessuna amministrazione militare sarebbe stata istituita nella Striscia di Gaza, oltre a chiedere una seria discussione sui piani per Gaza del dopoguerra. Le sue parole non sono buttate giù a caso. L’istituzione di un’amministrazione militare è una vera alternativa che Netanyahu sta prendendo in considerazione, che attira molto sostegno all’estrema destra.

Quando Gallant ha notato le implicazioni dell’istituzione di un’amministrazione militare e civile a Gaza, si riferiva a una proposta concreta ora sulla scrivania di Netanyahu, relativa a un’amministrazione militare temporanea come alternativa a un governo di Hamas.

Questo è un documento preparato dal nuovo segretario militare di Netanyahu, il maggior generale Roman Gofman. Questa è stata la seconda volta che Gallant ha fatto un passo del genere, avvertendo apertamente Netanyahu, con il pubblico israeliano che fungeva da testimone.

L’ultima volta, al culmine del tentativo di revisione giudiziaria, Gallant ha chiesto uno stop immediato del disegno di legge a causa del suo “pericolo chiaro e presente” per la sicurezza dello Stato. Ha detto che “le minacce che ci circondano sono grandi, in arene lontane e vicine”. In risposta, Netanyahu ha cercato di uccidere il messaggero.

Questa volta, il messaggero avverte che il pericoloso piano ora viene considerato in modo orribile con grande serietà. “Questa è un’alternativa cattiva e pericolosa per Israele, strategicamente, militarmente e dal punto di vista della sicurezza”, ha detto Gallant.

“Come paese, stiamo affrontando una minaccia molteplice alla sicurezza con risorse date. Un’amministrazione militare israeliana nella Striscia di Gaza diventerebbe il principale sforzo di difesa di Israele nei prossimi anni, a scapito di altre arene. Esigerà un pedaggio nel sangue e nelle vittime, oltre a un pesante prezzo economico”.

I costi operativi annuali di tale impresa, secondo un altro documento preparato dall’establishment della difesa e pubblicato sul quotidiano Yedioth Ahronoth, sono stimati in 20 miliardi di shekel (5,4 miliardi di dollari). L’esercito avrà bisogno di quattro divisioni offensive e una difensiva. Oltre ai costi finanziari e militari, c’è anche la questione del costo diplomatico incalcolabile.  

Questa idea da incubo dovrebbe essere cassata sul nascere. Non si può dimenticare che dietro ogni discussione relativa alla sicurezza in Israele si nasconda un disegno messianico delineato da attori politici ideologicamente orientati.

Questi politici utilizzano qualsiasi circostanza per la realizzazione delle loro aspirazioni territoriali. Vogliono invertire il disimpegno da Gaza del 2005 e tornare lì con la creazione di insediamenti ebraici.

Itamar Ben-Gvir, Bezalel Smotrich e i loro simili all’estrema destra vogliono di nuovo trascinare Israele in un controllo militare e civile di Gaza, governando più di 2 milioni di abitanti di Gaza.

Non ci si può aspettare nulla dal primo ministro, poiché la sua sopravvivenza politica supera qualsiasi altra considerazione. Ma i ministri Benny Gantz e Gadi Eisenkot, che condividono le preoccupazioni di Gallant, devono fissare un chiaro limite di fronte a questa follia. Netanyahu e i suoi partner messianici stanno trascinando Israele da una calamità all’altra. Non c’è valore in ulteriori discorsi e dichiarazioni. L’unico obiettivo è rovesciare questo governo e andare a nuove elezioni”.

Leggi anche:  Israele, Gantz abbandona Netanyahu: ora il "re" è nudo

La tragedia immanente, oltre Gaza

Rimarca Carolina Landsmann sul quotidiano progressista di Tel Aviv: “Di tutte le risposte alle osservazioni del ministro della Difesa Yoav Gallant di mercoledì, sono rimasta particolarmente colpita da quella del ministro della Giustizia Yariv Levin. “Il popolo di Israele non è disposto ad essere umiliato”, ha detto, prima di continuare con i ben noti punti di discussione contro quella che chiama Oslo 2.0 e l’Autorità palestinese. Non sei disposto ad essere umiliato? Yariv, non farmi ridere. Chiunque, dopo il 7 ottobre, sostenga ancora Benjamin Netanyahu, la madre della più grande umiliazione che il “popolo di Israele” abbia mai subito, non ha problemi ad essere umiliato. In effetti, questa potrebbe essere una delle patologie personali che potrebbero spiegare il continuo sostegno al primo ministro.

E se stiamo già parlando di Levin e delle umiliazioni, merita congratulazioni. Mercoledì è stato nominato da Netanyahu – che sicuramente si fida di lui ciecamente in seguito al vertiginoso successo della sua ‘riforma’ giudiziaria – per dirigere una task force ministeriale responsabile di trovare modi per vendicarsi dell’’Autorità palestinese per la risoluzione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite la scorsa settimana per rafforzare il suo status.

Questa decisione irresponsabile è stata preceduta da un dibattito zoppo che è stato di per sé un’umiliazione per Israele. (Le citazioni qui sotto provengono dal sito web di notizie Ynet e dall’emittente pubblica Kan). “Dobbiamo infliggere loro un duro colpo che li scuoterà”, ha detto il ministro dei Trasporti Miri Regev. E il pazzo delle colline della Cisgiordania, il ministro delle missioni nazionali Orit Strock, ha chiamato la mossa palestinese terrorismo diplomatico a e ha chiesto dolorose ritorsioni. Lo stesso Levin vuole trattare la mossa dell’AP (che, ricordiamo per il bene dei sani di mente tra noi, si adatta alla definizione del dizionario di una lotta diplomatica, il che significa che è l’opposto del terrorismo) “come trattiamo il terrorismo” ed esigiamo un prezzo “come esigiamo per il terrorismo”. Tipo cosa, per esempio? “Rapire i suoi alti funzionari ed esigere un prezzo sul terreno attraverso l’accordo”. Levin, pensi davvero che il presidente palestinese Mahmoud Abbas dovrebbe essere trattato come il leader di Hamas nella Striscia di Gaza, Yahya Sinwar?

Il ministro delle finanze Bezalel Smotrich ha chiesto di rovesciare l’AP, niente di meno. Quindi, a quanto pare, invece di lasciare che l’AP governi Gaza, il governo di Netanyahu finirà con Hamas che governa la Cisgiordania. Il boor provinciale ha anche proposto di punire ogni paese che riconosce uno stato palestinese costruendo un nuovo insediamento in Cisgiordania.

C’è una meravigliosa citazione di Nietzsche che dice “Negli individui, la follia è rara, ma nei gruppi, nei partiti, nelle nazioni e nelle epoche, è la regola”. Non c’è esempio migliore di follia di gruppo dell’attuale governo israeliano.

Leggi anche:  Netanyahu invita Gantz a restare nel governo di coalizione israeliano varato dopo il 7 ottobre

Gallant non può fermare la follia da solo. Non è un caso che abbia fatto appello all’opinione pubblica, perché solo il pubblico può fermare la follia, come ha fatto la notte in cui le manifestazioni di massa spontanee hanno impedito a Netanyahu di licenziare Gallant perché ha chiesto di mettere in pausa la revisione giudiziaria. Ma perché questo accada, il pubblico deve voler fermare la follia.

La distorsione categorica di confondere terrorismo e diplomazia è il peggior crimine commesso dai successivi governi di Netanyahu e un elemento chiave della dottrina marcia di finanziare il percorso del terrore di mentre distrugge il percorso della diplomazia. Se una battaglia diplomatica per ottenere il riconoscimento di uno stato palestinese è definita come terrore, come è possibile prendere sul serio Israele? C’è qualche tipo di lotta contro l’occupazione che considererebbe legittima?

Di conseguenza, ancora una volta c’è solo una conclusione da trarre: il mondo deve assumere la risoluzione del conflitto dalle mani israeliane e palestinesi riconoscendo uno stato palestinese sulla base del piano di partizione delle Nazioni Unite del 1947 più gli adeguamenti di frontiera pertinenti – approssimativamente, i confini a partire dal maggio 1967. Questo libererebbe gli israeliani dall’illusione che spetta loro se “concedere” o meno la statualità. E libererebbe i palestinesi dal loro rifiuto di accontentarsi di ciò che Israele “concede” loro. Israele non sta dando loro i territori, perché non gli appartengono. E i palestinesi non si accontentano solo dei territori, perché il resto della terra non appartiene a loro.

Un confine che dividerebbe la terra tra i due popoli è il peggior nemico di coloro che vogliono tutto, ebrei e palestinesi allo stesso modo. E agli stati europei che vogliono riconoscere la Palestina ma temono i nuovi insediamenti nei loro nomi: non temere. Quando quegli insediamenti saranno consegnati ai palestinesi, non ci sarà bisogno di cambiare i loro nomi”.

Fuoco amico, un tragico paradosso

Annota, sempre su Haaretz, Ravit Hecht. “Il terribile incidente a Jabalya, in cui cinque paracadutisti israeliani sono stati uccisi dal fuoco di carri armati israeliani, è solo un altro frammento di una terribile realtà, così simbolica di così tante componenti del disastro in corso in cui siamo intrappolati.

Le nostre forze stanno sparando alla nostra stessa gente   in un’area che è già stata conquistata e in cui in un incubo di Sisifeo continua ad esigere un prezzo nel sangue, inutilmente.

Israele viene attaccato dall’Iran e dalle armi dell’Islam fondamentalista, portando all’immensa rovina e morte a Gaza. In Cisgiordania, l’Autorità palestinese è indebolita, con un numero elevato di attacchi terroristici in corso coloni che fanno quello che vogliono.

L’establishment della difesa stanno premendo sul primo ministro,  che è guidato da mire politiche e interessi personali, e lui risponde accollando agli altri tutte le responsabilità e inimicandosi il mondo. Benjamin Netanyahu sta combattendo gli Stati Uniti, da cui Israele dipende, e gli Stati Uniti reagiscono, attuando sanzioni cautelative contro di lui. La comunità internazionale è ostile a Israele, che si sta rapidamente deteriorando per lo status della Russia. La coorte demografica di Israele, l’Eideo mondiale, è esposta alla più grande minaccia che ha affrontato dalla Seconda guerra mondiale.

Leggi anche:  Israele, Gantz abbandona Netanyahu: ora il "re" è nudo

In tutto questo pasticcio, è opportuno concentrarsi sul fronte interno, poiché ha il maggiore impatto sugli altri parametri. Il modo in cui si svolge o si intensifica determinerà effettivamente se Israele sopravvive.

L’attrito senza precedenti tra l’establishment della difesa e il primo ministro, durante una guerra, porta a nuovi livelli lo scontro tra i due campi di Israele, uno scontro che ha raggiunto il picco non durante il tentativo di revisione giudiziaria, e nemmeno con l’ascesa della destra estremista o del precedente “governo di cambiamento”, ma nel 2015, con la rielezione di Netanyahu come primo ministro, con la sua accusa penale in diversi casi separati. Questi hanno lanciato la sua campagna contro le istituzioni statali, che ha identificato come mettendo in pericolo il suo continuo governo.

C’è qualcosa condiviso dai due campi, e cioè il senso di profondo fallimento dal 7 ottobre in poi. Tuttavia, questa caratteristica comune non solo non riesce a unirli, ma serve a alimentare per esacerbare il confronto.

Le controversie tra i due campi sono inconciliabili e irrisolvibili. L’ala destra Kahanista-Bibiista-ultraortodossa chiede un trasferimento di popolazion, a volte anche più di questo, mentre il centro-sinistra chiede un arresto della guerra e la definizione di una soluzione diplomatica che richiede un compromesso territoriale, anche se al momento non è chiaro con chi.

Le preoccupazioni per il destino degli ostaggi e la richiesta del loro ritorno immediato sono ancorate alla visione del mondo della sinistra e all’umanesimo, ma servono anche come pressione per imporre la fine della guerra.

La sua inossidabile ambiguità dialettica e un cinismo che non conosce limiti, emergono plasticamente da un discorso da lui tenuto tempo addietro all’Università Bar-Ilan in cui sembrava aprire ai due stati mentre prometteva di annettere i territori in altre occasioni; stringendo le mani di Yasser Arafat e Mahmoud Abbas, mentre sosteneva Elor Azaria, il soldato che ha sparato a un terrorista incapace, e legittimando i Kahanisti. La realtà che ora si avvicina a lui dimostra che non c’è più spazio per astenersi dal prendere decisioni.

Apparentemente, a causa della sua sovra-rappresentazione nel gabinetto e dei dati demografici, sembra che l’estrema destra abbia il sopravvento. Ma non è affatto chiaro che sia così. Comprendere l’inutilità di continuare la guerra sta lentamente filando nei ranghi dei seguaci di Netanyahu, che si definiscono ancora come odiatori delle élite e della sinistra, ma non condividono idee squilibrate come gli insediamenti israeliani a Gaza e la dipendenza da soluzioni escatologiche.

In definitiva, questo pubblico, che non è particolarmente attivo e che di solito evita di essere coinvolto politicamente, potrebbe scegliere le merci del campo liberale per la semplice ragione che offre una vita molto migliore della vita in un paese messianico svantaggiato che assomiglia ad alcuni dei nostri vicini, principalmente palestinesi ora guidati da fondamentalisti barbari che hanno inflitto loro la morte e lo sfollamento.

La domanda è quanta sofferenza dovremo sopportare lungo la strada e se possiamo sopravvivere al viaggio”.

Un viaggio, nostra chiosa finale, che rischia, se al comando resteranno Netanyahu e i suoi ministri fascisti, di far schiantare Israele e far esplodere la polveriera mediorientale.

Native

Articoli correlati