Israele: perché Gantz non deve aspettare l'8 giugno per lasciare
Top

Israele: perché Gantz non deve aspettare l'8 giugno per lasciare

Non attendere l’8 giugno. Rompere subito. Per dare una svolta alla vita politica di un Paese in guerra. È il consiglio-appello che Haaretz, in un editoriale, rivolge a Benny Gantz.

Israele: perché Gantz non deve aspettare l'8 giugno per lasciare
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

20 Maggio 2024 - 13.14


ATF

Non attendere l’8 giugno. Rompere subito. Per dare una svolta alla vita politica di un Paese in guerra. È il consiglio-appello che Haaretz, in un editoriale, rivolge a Benny Gantz.

Uscire subito

“Benny Gantz, il presidente del partito dell’Unità nazionale, ha lanciato al primo ministro Benjamin Netanyahu un ultimatum sabato sera che conteneva sei condizioni che, se non soddisfatte, spingeranno Gantz e il suo partito a lasciare il governo l’8 giugno. Diversi minuti dopo la conferenza stampa di Gantz, Netanyahu ha dato la sua risposta, che è stata “no”. Nel suo linguaggio aggressivo e populista, il primo ministro ha definito le richieste di Gantz “parole il cui significato è chiaro: la fine della guerra e una sconfitta per Israele”. La risposta di Netanyahu è stata in egual parte schietta e offensiva. Dal punto di vista del primo ministro e dei suoi sostenitori, le dichiarazioni pubbliche di Gantz, la sua strategia e le sue minacce stanno portando Israele a sconfiggere per mano di Hamas. È Gantz, non il primo ministro fallito, che è responsabile del più grande disastro della storia di Israele e di una guerra il cui scopo principale è mantenere Netanyahu al potere. La spudoratezza di Netanyahu e l’attivazione della sua macchina dei veleni non sono una sorpresa per nessuno. Il pubblico ha già familiarità con il veleno che diffonde ogni volta che qualcuno osa criticare il sovrano supremo. Sorprendentemente, Gantz ha più e più volte scelto di non uscire da questo governo tossico e distruttivo e ha continuato a fornire a Netanyahu un modo per sfuggire alle peggiori conseguenze delle sue stesse azioni.

Gantz crede evidentemente che il piano che ha presentato gli consentirà di lasciare il governo senza fare alcun danno elettorale al suo partito perché ha offerto al primo ministro un’ultima opportunità di cambiare i suoi modi. Ma la realtà è più semplice: Netanyahu non cambierà i suoi modi, e il pubblico lo sa.

Tutti i giochi tattici, per quanto politicamente sofisticati possano essere, sono inutili. Sono più adatti a un manipolatore miserabile come Netanyahu, la cui essenza è falsamente rappresentare se stesso in modi che giocano per l’opinione pubblica invece di lavorare per l’interesse nazionale, qualunque sia il costo politico personale. Questo spiega in parte la terribile situazione in cui si è trovato Israele.

Non c’è motivo di negare che il potere dei partiti di estrema destra crescerà dopo che Gantz se ne andrà. Domenica, Bezalel Smotrich ha detto: “Se Hezbollah non risponde all’ultimatum che emettiamo, le forze di difesa israeliane devono prendere il controllo del Libano meridionale”. Per quanto riper quanto si fa Itamar Ben-Gvir, non c’è motivo di entrare nella sua forma di follia.

Tuttavia, Gantz, Gadi Esisenkot e il partito dell’Unità nazionale sono diventati uno scudo politico antiproiettile che protegge Netanyhau dalle peggiori predazioni dell’estrema destra, consentendogli al contempo di preservare il suo dominio distruttivo, che sta portando lo Stato di Israele nell’abisso.

Pertanto, di fronte alla risposta sprezzante di Netanyahu, Gantz deve annunciare che se ne sta andando ora invece di aspettare fino all’8 giugno. È arrivato il momento per Netanyahu e i suoi amici di affrontare da soli i fanatici dell’estrema destra. Gantz e il resto dell’opposizione devono ora unirsi a una protesta popolare, che è ciò che è necessario per abbattere questo governo e andare alle elezioni”.

Prenderlo sul serio

Riflette, sempre sul giornale progressista di Tel Aviv, Aluf Benn: “I critici del primo ministro Benjamin Netanyahu tendono a respingere con disprezzo i suoi discorsi e le sue dichiarazioni pubbliche, vedendoli come osservazioni oziose progettate per servire le esigenze del momento politico. Le risposte riflessive possono quasi scriversi da sole: bugiardo, truffatore, servo di Itamar Ben-Gvir e Bezalel Smotrich. In genere presumono che il primo ministro non abbia un piano, e anche se ne avesse uno, non sarebbe in grado di farlo approvare.

Leggi anche:  Israele tra megalomania, cinismo e paranoia: il "cocktail" avvelenato di Benjamin Netanyahu

Ma se Netanyahu non è altro che un robot programmato a Miami, o un pallone da calcio calciato tra la Casa Bianca e Otzma Yehudir, allora di cosa è esattamente colpevole?

Netanyahu si è sempre nascosto dietro figure potenti, preferendo apparire come senza spina dorsale e riluttante a prendere posizione su questioni controverse. Ci saranno sempre Sara e Yair, il presidente americano, la coalizione e gli stabilimenti di difesa che assorbiranno le critiche al suo posto. Senza dubbio, la sua abitudine di sottrarsi alla colpa è cresciuta da quando ha portato Israele al disastro del 7 ottobre e alle guerre di logoramento a Gaza e nel nord. Ma invece di innamorarsi o essere irretiti delle buffonate evasive del primo ministro, sarebbe saggio semplicemente ascoltarlo e capire dove sta andando.

Dal momento in cui si è ripreso dallo shock dello scoppio della guerra, Netanyahu è stato coerente sulla sua politica del ‘giorno dopo’: la rinnovata occupazione israeliana della Striscia di Gaza. Questo, ha dichiarato lo scorso dicembre, “dopo aver distrutto Hamas, Gaza sarà smilitarizzata sotto il controllo della sicurezza israeliana, e non ci sarà mai un’altra organizzazione che ci minaccia ed educa i suoi figli al terrore”.

A febbraio, ha aggiunto al suo repertorio lo slogan “vittoria totale”, che ha spesso provocato risate e imitazioni. Ma Netanyahu intende quello che dice, vale a dire la conquista di Gaza, l’esodo di molti dei suoi residenti palestinesi nei paesi arabi ed europei e il ripristino degli insediamenti ebraici? In effetti, un tale scenario corrisponde alla clausola di apertura nelle linee guida di base dell’attuale governo: “Il popolo ebraico ha un diritto esclusivo e indiscutibile a tutte le aree della Terra di Israele”.

È difficile affermare che siano tutte chiacchiere. Le azioni militari israeliane a Gaza stanno consentendo a tutto questo di accadere: l’espulsione degli abitanti di Gaza, la distruzione di città e paesi, la difficoltà di consegnare cibo e carburante ai rifugiati, la divisione dell’enclave a metà e l’istituzione di basi delle forze di difesa israeliane lì, e l’ingresso graduale a Rafah. Il governo militare che Netanyahu sta ora proponendo (come al solito nascosto dietro il suo segretario militare, il maggior generale Roman Gofman, “che ha scritto solo un giornale privato”) rappresenta un’altra fase dell’operazione per “giudaizzare Gaza”.

Mentre l’ala destra parla apertamente di una seconda Nakba a Gaza, gli oppositori del governo si sono consolati che questa è una fantasia messianica che non si avvererà mai. Contano sul “mondo” per impedire a Israele di mettere in scena una seconda “nascita del problema dei rifugiati palestinesi”, come nel titolo del libro canonico di Benny Morris sulla guerra del 1948.

Senza dubbio, la comunità internazionale, guidata dagli Stati Uniti, si opporrà con forza a un’occupazione israeliana permanente e certamente alla pulizia etnica della sua popolazione palestinese e alla sua sostituzione con coloni ebrei. Le minacce di mandati di arresto da parte della Corte penale internazionale all’Aia e il congelamento delle spedizioni di munizioni dall’America hanno lo scopo di dissuadere Netanyahu dall’andare fino in fondo.

Ma Netanyahu capisce bene la storia e sa che gli americani si sono opposti di volta in volta ad azioni che Israele ha visto come critiche e alla fine hanno ceduto di fronte alla testardaggine israeliana. Questo è quello che è successo con l’istituzione dello stato nel 1948, lo sviluppo della centrale nucleare di Dimona, l’istituzione di insediamenti in Cisgiordania e oggi l’operazione a Rafah.

In ogni caso, Israele ha ascoltato gli americani e ha fatto il contrario. Proprio come Netanyahu sta ora “ascoltando” gli Stati Uniti. Gli emissari del presidente Joe Biden, che lo tormentano per il “ritorno dell’Autorità palestinese a Gaza”. Per lui, parlare di un accordo per riportare gli ostaggi in cambio di un cessate il fuoco e di un ritiro israeliano da Gaza è solo un modo per passare il tempo fino a quando il mondo non si abitua alla nuova realtà che sta creando a Gaza, proprio come ha imparato ad accettare i risultati della guerra civile siriana.

Leggi anche:  Libano, il futuro Vietnam israeliano

Il problema con questo scenario non è solo l’incapacità di Gantz di abbattere il governo e forzare un’elezione anticipata, o la sua natura accomodante, ma la sua posizione nei confronti di Gaza. Come ha dimostrato di nuovo nel ‘discorso dell’ultimatum’ Gantz sostiene le politiche del governo in cui siede. Chiede anche il controllo della sicurezza israeliano a Gaza – non diverso da quello in Cisgiordania – e si oppone sia a Hamas che a Mahmoud Abbas.

La differenza tra Netanyahu e Gantz è che quest’ultimo vuole ‘tenere discussioni’ e Netanyahu no. Il ministro della Difesa Yoav Gallant è più coraggioso di Gantz nelle sue dichiarazioni pubbliche e nelle critiche a Netanyahu, ma sostiene anche la continuazione della guerra. La sua opposizione a un governo militare a Gaza si basa su considerazioni di denaro e personale, non sulla convinzione che un’occupazione danneggerà Israele.

E così Israele sta marciando con fiducia verso l’inversione del disimpegno del 2005 e il ritorno a Gaza, nello spirito delle promesse di Netanyahu e delle speranze dei suoi partner della coalizione…”.

“Cosa diavolo stai facendo”?

Domanda secca, che il decano degli analisti diplomatici israeliani, Alon Pinkas, rivolge, dalle colonne di Haaretz, al primo ministro. Domanda che Pinkas sviluppa con il consueto rigore analitico e sapienza diplomatica che gli deriva da una lunga esperienza maturata nel corpo diplomatico dello Stato ebraico: “A 224 giorni dalla guerra di Gaza ed è perfettamente legittimo, persino imperativo, chiedere al primo ministro israeliano: che diavolo stai facendo? Hai un indizio? Dove stai andando? Cosa pensi davvero di poter ottenere? Sei a conoscenza dei costi?

Le risposte sono semplici: cercando di sopravvivere politicamente, non proprio, non so, vittoria totale, un po’ ma non mi interessa davvero.

Ma ora Benjamin Netanyahu   è livido. Il suo ministro della difesa ha osato mettere in discussione queste risposte. Due giorni dopo l’ultima invettiva di Netanyahu contro Joe Biden, lamentandosi che Israele “non è uno stato vassallo”, ora sta riversando la sua frustrazione sul ministro della Difesa Yoav Gallant, che Netanyahu sospetta sia un agente americano provocatore con il mandato di affossarlo.  

Nelle ultime 72 ore molto si è discusso sulla nuova idea di Gallant che Israele abbia bisogno di un piano per governare Gaza dopo la guerra, altrimenti i successi militari saranno annullati dall’abbandono politico. Gallant sta presentando un concetto veramente rivoluzionario: che una guerra deve avere un obiettivo politico, che i mezzi militari devono essere allineati con obiettivi raggiungibili e che una visione del panorama diplomatico del dopoguerra e il risultato politico desiderabile devono informare il perseguimento di una guerra.

Dal 7 ottobre, Netanyahu ha persistentemente e ostentatamente rifiutato di impegnarsi in qualsiasi processo di pensiero o pianificazione politica per quanto riguarda il futuro di Gaza. Sta perseguendo una guerra senza una visione chiara delle sue conseguenze geopolitiche o addirittura militari. Ha ignorato o respinto grossolanamente le idee americane, e ora si sta scagliando a Gallant e indirettamente al capo dello staff delle forze di difesa israeliane, tenente Generale Herzl Halevi per aver osato suggerire che Israele sviluppi un insieme coerente di principi che diventerebbero una politica coerente di Gaza.

Nella mente di Netanyahu, qualsiasi discorso sulle realtà politiche del dopoguerra a Gaza interferisce con i suoi slogan di “vittoria totale” e “sradicamento di Hamas”. L’idea che rovesciare Hamas politicamente  possa essere fatto solo attraverso mezzi diplomatici, una coalizione americano-arabo-israeliana e una forza internazionale e inter-araba che entrerebbe temporaneamente a Gaza gli è estranea.

Leggi anche:  L'estremista di destra ebraico che vuole applicare le teorie di Hitler contro gli arabi parlerà in Australia

Quando l’IdF esprime un tale pensiero, Netanyahu torna al suo modus operandi dal 7 ottobre: devia, incolpa l’esercito, perdi ogni responsabilità. Per quanto lo riguarda, è infallibile, troppo grande per fallire, un gigante storico sottovalutato da un pubblico israeliano ignorante e ingrato e perseguitato da un mondo odioso alimentato da una cabala di élite liberali per farlo uscire.

7 ottobre? È stato un fallimento dell’intelligence. Gestione della guerra? Questo è il lavoro di Gallant. Lo stallo militare? È colpa dell’Idf. Cessate Il Fuoco? Questo è Biden che cerca di minarlo e bloccare Israele da una vittoria massiccia.

Quando guardi le tre fasi della guerra, le tre P – politica, persecuzione e dopoguerra – osservi non solo un profondo fallimento dell’immaginazione, ma la somma di tutta l’inettitudine, la lassità, l’arroganza e la propensione al pasticcio seriale di Netanyahu.

La politica che porta al 7 ottobre. Netanyahu ha deliberatamente rafforzato Hamas per indebolire l’Autorità palestinese   ed evitare qualsiasi processo diplomatico; poi è arrivata l’idea errata che Hamas fosse scoraggiato e non aveva interessi in una guerra. Questo è un fallimento sistemico, alias la konseptzia– il concetto che governa il pensiero di Israele – ma Netanyahu lo ha diretto.

Gestire la guerra e fissare obiettivi militari. Israele non sta combattendo la Wehrmacht ma una vile organizzazione terroristica. Sì, la guerra urbana in un’area straordinariamente densa contro un gruppo terroristico che si nasconde dietro i civili e spara razzi da complessi ospedalieri è difficile.

Ma quasi sette mesi e mezzo di guerra? Per un paese con il principio di base di mantenere qualsiasi guerra breve e decisiva, questo è inspiegabile. E tornare ancora e ancora in aree che presumibilmente erano già state liberate da Hamas? E sganciare bombe da 2.000 libbre su Gaza? Verso quale obiettivo esattamente?

Dopo la guerra. Questo è probabilmente il fallimento più evidente e pericoloso. La guerra di Gaza sta diventando di nuovo un pantano libanese, con tratti fallimentari propri dell’America nella guerra del Vietnam.

Israele non aveva intenzione di rimanere a Gaza, ma lo è. Israele non aveva intenzione di diventare il sovrano a Gaza, ma di fatto lo è. Israele non voleva essere responsabile degli aiuti umanitari a Gaza, ma sulla base della regola di Pottery Barn di “Lo hai rotto, lo possiedi”, lo è. Israele voleva rimuovere Hamas politicamente, non solo degradarlo militarmente, ma non l’ha fatto.

A Israele è stato offerto, persino implorato, di prendere almeno in considerazione un progetto americano per installare una forza internazionale che includa una componente araba e avviare un processo diplomatico con i palestinesi legato a una normalizzazione con l’Arabia Saudita e il Qatar, portando possibilmente a una nuova architettura di sicurezza. Ciò non precluderebbe un’alleanza regionale sciolta sotto gli auspici americani che contrasterebbe l’Iran. Ma Israele ha persino rifiutato di coinvolgere gli Stati Uniti in tali discussioni sul quadro.

I costi strategici e i danni sono multidimensionali. Una guerra giusta è diventata un peso insopportabile e invincibile. La condanna mondiale ha sostituito la simpatia mondiale in poche settimane. La Corte internazionale di giustizia e la Corte penale internazionale hanno entrambe a che fare con Israele. Le relazioni con gli Stati Uniti sono al punto più basso dagli anni ’70.

Il marchio di Israele è stato svalutato, persino autodistrutto, da un primo ministro che si preoccupa solo di un altro dei suoi atti politici di Houdini. Si rifiuta di essere ritenuto responsabile e diffonde invece banalità e falsità.

Sì, questa è la 224a volta dal 7 ottobre che è legittimo chiedere: che diavolo stai facendo con il nostro paese?”.

Native

Articoli correlati