Varsavia istituisce una commissione governativa sulle interferenze russe e bielorusse
Top

Varsavia istituisce una commissione governativa sulle interferenze russe e bielorusse

La Polonia si difende e istituisce una commissione governativa che indaghi sulle interferenze bielorusse e russe. È stata istituita dal primo ministro, Tusk.

Varsavia istituisce una commissione governativa sulle interferenze russe e bielorusse
Preroll

globalist Modifica articolo

21 Maggio 2024 - 20.05


ATF

La Polonia si difende e istituisce una commissione governativa che indaghi sulle interferenze bielorusse e russe. È stata istituita dal primo ministro, Tusk. L’ospite della commissione, cioè il ministero responsabile del suo funzionamento, era il Ministero della Giustizia. La decisione è stata presa dopo la scoperta di un nucleo di sabotatori che avrebbero dovuto organizzare attentati e fatti di violenza per destabilizzare la Polonia.

Ci sono stati degli arresti, e per Varsavia si tratta di mercenari assoldati dai servizi russi e bielorussi. Gli arresti sono avvenuti dopo una sospetta catena di incendi, fatti sui quali hanno indagato, arrivando al blitz di oggi.

“Dobbiamo disperdere le dense nubi che incombevano su questa vicenda e vedere la verità così com’è”, ha detto Donald Tusk sugli obiettivi delle attività della commissione, subito dopo aver firmato l’ordinanza. Ed ha aggiunto: “Non perseguiremo gli oppositori politici… Dobbiamo dimostrare che le autorità polacche sono libere da pressioni politiche esterne o da strane influenze occulte dei servizi della Russia o della Bielorussia”.

Leggi anche:  In Polonia si insedia il Comitato che deve monitorare la disinformazione russa che punta a destabilizzare il paese

Quali sono i compiti della commissione governativa? Si tratta di raccogliere informazioni sull’influenza russa e bielorussa in Polonia, raccolte dai servizi polacchi, dall’ufficio del procuratore e pubblicate dai media. Questi materiali saranno analizzati e su questa base verranno creati dei report.

“Mi aspetto il primo rapporto, parziale, dopo le elezioni, in modo da non confondere la commissione con la campagna elettorale”, ha detto Tusk. La commissione lavorerà con discrezione, le audizioni non saranno pubbliche. Tuttavia, l’opinione pubblica polacca sarà informata delle conclusioni degli esperti.

Il primo ministro non ha fornito la data della relazione finale, quindi non ha specificato i tempi per il lavoro della commissione. Tuttavia, ufficiosamente si dice che il materiale finale dovrebbe esserci entro la fine dell’anno.

Native

Articoli correlati