La strage di Rafah e la disumanizzazione del "nemico": il grande male d'Israele
Top

La strage di Rafah e la disumanizzazione del "nemico": il grande male d'Israele

L’orrore di Rafah derubricato, ma solo per le proteste internazionali, a “tragico incidente”. Una concessione retorica fatta da Benjamin Netanyahu a una comunità internazionale che, per quanto cinica e inerme, non poteva restare in silenzio

La strage di Rafah e la disumanizzazione del "nemico": il grande male d'Israele
Preroll

globalist Modifica articolo

29 Maggio 2024 - 13.01


ATF

L’orrore di Rafah derubricato, ma solo per le proteste internazionali, a “tragico incidente”. Una concessione retorica fatta da Benjamin Netanyahu a una comunità internazionale che, per quanto cinica e inerme, non poteva restare in silenzio di fronte alla strage di profughi a Rafah.

Quell’insopportabile eufemismo

Lo denuncia Haaretz in un editoriale: “’Un tragico incidente’ è l’eufemismo che il primo ministro Benjamin Netanyahu ha usato per descrivere l’orribile incidente di domenica in cui circa 45 residenti del campo profughi palestinesi a Rafah sono stati uccisi e decine di altri feriti perché le forze di difesa israeliane hanno deciso di prendere di mira e uccidere due uomini ricercati. Netanyahu ha impiegato 20 ore per produrre la vergognosa dichiarazione, che, come al solito, mancava di un briciolo di rammarico per la morte di “non combattenti”. L’atmosfera all’interno del pubblico israeliano sul destino dei palestinesi non combattenti oscilla tra apatia e gioia per la loro morte. Considerando questo in mezzo a un intenzionale blackout dei media per quanto riguarda la portata della morte e della distruzione negli ultimi otto mesi che ha provocato più di 34.000 palestinesi morti, che include migliaia di bambini e anziani, Netanyahu ha scoperto il terribile volto di questa guerra di “vittoria totale”. Si può immaginare che non sia stato un profondo dolore che l’ha indotto a vedere le morti a Rafah come una tragedia, ma piuttosto il suo riconoscimento della minaccia alla sua libertà globale di movimento dopo i mandati di arresto richiesti dal pubblico ministero alla Corte penale internazionale. Questi mandati gli impongono di dimostrare in modo udibile almeno una modesta misura di umanità. 

Ciò che è particolarmente preoccupante è la spiegazione che l’Idf ha fornito in merito all’incidente – che, sulla base dei dati dell’intelligence e della pianificazione meticolosa per il bombardamento, “era stato valutato che non ci si aspettava che causasse danni ai civili non combattenti”. Se erano le stesse valutazioni che finora hanno causato la morte di più di 36.000 persone, la maggior parte delle quali non combattenti, ciò comporta un fallimento in corso a livello strategico.

Tuttavia, l’attacco a Rafah e la morte di un soldato egiziano al valico di frontiera dopo lo scontro con le forze israeliane, non possono essere considerati incidenti eccezionali che richiedono solo un’indagine e lezioni. Sono una componente inseparabile, attesa e pericolosa della guerra di Rafah che ci ha già spinto in un’arena internazionale che ha perso ogni fiducia nel governo israeliano, nell’Idf e nel sistema giudiziario israeliano. Mette in pericolo il continuo sostegno dei nostri amici più importanti del mondo, in particolare quello degli Stati Uniti.

Leggi anche:  Israele, il colpo di stato a 360 gradi nell'unica democrazia in Medio Oriente

Non basta. Il governo israeliano può fingere di non essere impressionato dalla pressione internazionale e ingannare gli israeliani nel pensare di poter combattere da solo. Ma quando continua a perseguire le operazioni a Rafah, minaccia l’opportunità di negoziati sugli ostaggi proprio nel momento in cui forse è stata creata un’altra possibilità di farle avanzare.

È una campagna che dipende da una bugia intrinseca , cioè che la conquista di Rafah fornirebbe una leva su Hamas in un momento in cui, nonostante i grandi colpi che ha subito, Hamas continua ad aderire alla sua posizione secondo cui solo fermare la guerra potrebbe portare al rilascio degli ostaggi.

Ora il rilascio degli ostaggi è l’unico obiettivo nazionale realistico rimasto per il governo israeliano e non può essere condizionato dalla conquista di Rafah, dalla “sconfigge di Hamas” o dall’eliminazione della minaccia alle comunità di confine israeliane di Gaza”.

Bancarotta morale

A declinarla con efficacia, sempre sul quotidiano progressista di Tel Aviv, è la ex leader del Meretz, la sinistra pacifista israeliana, Zehava Galon.

Annota Galon: “Ci sono almeno 45 morti e decine di feriti dall’attacco dell’Air Force a Rafah domenica, per uccidere due membri di Hamas. L’operazione, ha detto l’esercito, è stata un successo, oltre le aspettative. Abbiamo eliminato loro, i loro vicini e, secondo le notizie, anche i figli dei loro vicini. Se i rapporti sono corretti, i 45 uomini, donne e bambini vittime dello sciopero, si stavano rifugiando in un’area che Israele aveva dichiarato una zona sicura e hanno detto che non c’era motivo per gli occupanti di fuggire.

Sono morti dopo che le loro tende avevano preso fuoco. Molti sono morti perché non c’erano strutture mediche nella zona in cui portarli. La tragedia è il tipo che chiunque con gli occhi avrebbe potuto prevedere. In effetti, è stata una tragedia che molti avevano previsto e messo in guardia.

Leggi anche:  Gaza, nuova strage di civili palestinesi durante i raid di Israele: 16 morti e decine di feriti

È successo, tra le altre cose, perché nessuno dalla nostra parte ha nemmeno provato ad affrontare il disastro dopo il fatto, perché non è politicamente corretto parlare di sangue palestinese, certamente non del sangue dei gazawi e certamente non dopo il massacro del 7 ottobre. Quindi lo ignoriamo, come se nessuno fosse stato ucciso.

Puoi scegliere di non ignorarlo, se vuoi davvero, e relazionarti con l’attacco come un caso di “danno all’immagine di Israele”. E se appartieni all’estrema destra, puoi celebrare le morti, come hanno fatto Yimon Magal e Naveh Dromi, per esempio, per i quali la combustione delle persone è un modo per segnare Lag Ba’omer.

Qualcuno in Israele deve iniziare a dare risposte, e rapidamente. L’esercito ha attaccato sapendo che il bersaglio era in una zona sicura? Quanto sono stati importanti i due individui che sono stati presi di mira che la loro morte ha giustificato quelli di altri 45? Verranno imposte sanzioni alle persone che hanno celebrato la morte di bambini piccoli sui social media?

Forse i vostri cuori si sono già induriti al sangue dei non combattenti e che è già troppo tardi per voi come esseri umani per essere aiutati. La rabbia e il sangue ti hanno tolto una parte fondamentale di ciò che ci rende umani. Ma se è così, lasciate che vi parli nell’unica lingua che capiste ancora – la lingua dell’ interesse nazionale.

Bombardare a morte i bambini piccoli in una zona sicura designata un minuto e mezzo prima che L’Aia stia per affrontare un caso che ti coinvolga non è esattamente una ricetta infallibile per sconfiggere Hamas. Semmai, questo è il modo perfetto per distruggere i residui in diminuzione della legittimità internazionale per la continuazione dello sforzo bellico.

Einav Zangauker, la madre dell’ostaggio Matan, lo ha capito molto prima che lo facessero i generali e avvertì che se i combattimenti fossero continuati così, alla fine il mondo ci costringerebbe a porvi fine senza riavere gli ostaggi. Guardati intorno e dille che non aveva ragione. Aveva ragione, tra le altre cose, proprio perché permettiamo tali attacchi nel cuore di una popolazione civile, e per qualche motivo non riusciamo a capire quale sia il problema.

Leggi anche:  Cosa c'entra Anna Frank con la guerra di Gaza? Una riflessione da Israele

E quando il mondo ci costringerà a fermare la guerra – con sanzioni, il rifiuto di fornirci di armi e con misure economiche e limitazioni personali per il Primo ministro Benjamin Netanyahu e non solo – ci spiegheranno che eravamo a un passo dalla vittoria totale, ma che gli antisemiti del mondo ci hanno impedito. Quindi dovrebbe essere detto qua e ora: se i tuoi piani strategici non considerano la legittimità internazionale di Israele, non valgono nulla – sono una fantasia ridicola.

Chiunque non capisca che combattere nel bel mezzo di un campo profughi affollato significa necessariamente attrito con la popolazione civile e il loro costante rischio di morte, come nel bombardamento di Rafah, probabilmente non dovrebbe essere primo ministro. Perché abbiamo commesso questo tipo di errore più di una volta, quindi la domanda era ovvio non se, ma quando.

Non ci sarà una vittoria totale. Questo dovrebbe essere chiarito. Ci stiamo avvicinando all’ultimo del nostro credito internazionale, funzionando con fumi di benzina. Disastri come questo, e gli Yinon Magalas e Naveh Dromis tra noi che li celebrano, ci avvicinano a ciò che Zangauker ha previsto: un cessate il fuoco con gli ostaggi intrappolati a Gaza e in Israele più poveri e più deboli, circondati da nemici.

Ci sono persone a Gaza. Ci sono bambini, donne e uomini innocenti. Ci sono anche ostaggi israeliani a Gaza. Se vogliamo raggiungere qualcosa come la vittoria, dobbiamo prima di tutto iniziare a trattare le vite lì con rispetto. Dobbiamo riportare gli ostaggi attraverso un accordo ora, istituire una commissione d’inchiesta statale per esaminare gli eventi del 7 ottobre e la condotta di questa guerra e fermare la guerra stessa. Altrimenti, ciò che otteniamo per tutto il sangue che è stato versato è la vittoria totale – per Hamas. Al momento, sembra essere quello che vuole Bibi”.

Così Galon.

La disumanizzazione del “nemico”. Ecco il grande male d’Israele.

Native

Articoli correlati