Noa Argamani racconta la prigionia da Hamas: in una famiglia benestante, mai in un tunnel
Top

Noa Argamani racconta la prigionia da Hamas: in una famiglia benestante, mai in un tunnel

Noa Argamani, la donna liberata oggi, ha detto ai suoi cari che la casa da cui è stata salvata dall'IDF era quella di una famiglia abbastanza benestante di Gaza

Noa Argamani racconta la prigionia da Hamas: in una famiglia benestante, mai in un tunnel
Noa Argamani
Preroll

globalist Modifica articolo

8 Giugno 2024 - 22.34


ATF

Noa Argamani, la donna liberata oggi, ha detto ai suoi cari che la casa da cui è stata salvata dall’IDF era quella di una famiglia abbastanza benestante di Gaza. Lo riferisce la tv israeliana Channel 12. Noa dice che non le lasciavano fare facilmente la doccia, ma che le hanno dato da mangiare quando lei lo chiedeva. Non ha visto molta luce del giorno, dice inoltre.

L’ex ostaggio dice di aver imparato un po’ di arabo dalla famiglia e di aver parlato con loro in arabo. Il padre di famiglia le disse che «era stata benedetta da Dio» per essere trattenuta dalla sua famiglia.

Una notizia di Canale 13 afferma che Argamani ha confermato alla sua famiglia di essere stata trattenuta per parte del suo tempo insieme agli ostaggi Yossi Sharabi e Itay Svirsky, la cui morte in prigionia era stata annunciata a gennaio. A febbraio, un’indagine dell’IDF ha concluso che Sharabi è stato probabilmente ucciso inavvertitamente durante un attacco dell’IDF. Si ritiene che Sharabi si trovasse in un edificio crollato dopo che un edificio adiacente era stato colpito dai militari, ha rilevato l’indagine.

Leggi anche:  Hamas accusa Israele di temporeggiare per ostacolare i nuovi negoziati

Argamani dice di aver visto un missile colpire l’edificio ed era sicura che sarebbe morta, afferma Channel 13. Noa dice anche che è stata spostata più volte da una casa all’altra, ma non è mai stata trattenuta nei tunnel.

Native

Articoli correlati