L'estremista di destra Smotrich contro la liberazione di detenuti palestinesi in cambio degli ostaggi
Top

L'estremista di destra Smotrich contro la liberazione di detenuti palestinesi in cambio degli ostaggi

Il ministro delle finanze israeliano Bezalel Smotrich ha affermato che il rilascio dei palestinesi detenuti in Israele in cambio di ostaggi potrebbe portare “all’assassinio di molti ebrei”

L'estremista di destra Smotrich contro la liberazione di detenuti palestinesi in cambio degli ostaggi
Preroll

globalist Modifica articolo

10 Giugno 2024 - 11.48


ATF

Il ministro delle finanze israeliano Bezalel Smotrich ha affermato che il rilascio dei palestinesi detenuti in Israele in cambio di ostaggi potrebbe portare “all’assassinio di molti ebrei”.

Intervenendo ad una sessione della commissione finanze della Knesset alla quale hanno partecipato i familiari degli ostaggi ancora detenuti nella Striscia di Gaza, Smotrich ha detto che Hamas chiede il rilascio di “centinaia di assassini”.

Haaretz lo cita dicendo: “Ciò potrebbe portare all’assassinio di molti ebrei. Quando Hamas chiede di porre fine alla guerra mentre sopravvive a Gaza, significa che il gruppo si sta armando, scavando tunnel, comprando razzi e che molti ebrei potrebbero essere assassinati e presi in ostaggio un altro 7 ottobre.

Questo è il dilemma che ci troviamo di fronte. Ed è doloroso. È nostra responsabilità come leadership pensare non solo alla situazione attuale, ma anche alle sue conseguenze a lungo termine”.

Ha detto che il governo israeliano non può accettare alcuna mossa che equivalga a un “suicidio collettivo”.

Leggi anche:  Gaza, l'estremista di destra Smotrich non vuole la fine della guerra e attacca Gantz

L’incontro è sfociato in uno scontro infuocato con un membro della famiglia di un ostaggio che ha suggerito a Smotrich di offrirsi di prendere il loro posto in prigionia. Un altro, secondo il sito di notizie ebraico Ynet, ha detto: “Ti assumerai la responsabilità. Ci sono 120 rapiti. Sostituirai 120 membri della Knesset con 120 rapiti”.

Domenica l’ex capo militare Benny Gantz si è dimesso dal governo di Benjamin Netanyahu, inaugurando potenzialmente una maggiore instabilità politica anche mentre Israele continua la sua campagna durata mesi contro Hamas all’interno della Striscia di Gaza.

Gantz aveva dato al primo ministro una scadenza per produrre una proposta del “giorno dopo” per Gaza, e lo ha accusato di mettere da parte considerazioni strategiche come un accordo con gli ostaggi per la sua stessa sopravvivenza politica.

Native

Articoli correlati