I prossimi giorni saranno fondamentali per la Francia, per l'Europa, per l'Ucraina e per il mondo
Top

I prossimi giorni saranno fondamentali per la Francia, per l'Europa, per l'Ucraina e per il mondo

La paura è ciò che domina la politica odierna: la paura dell'estrema destra,  all'estrema sinistra, della Russia di Putin, della guerra, del riscaldamento globale o dell'islamismo, tutti hanno paura e la paura è un cattivo consigliere.

I prossimi giorni saranno fondamentali per la Francia, per l'Europa, per l'Ucraina e per il mondo
Preroll

globalist Modifica articolo

14 Giugno 2024 - 00.12


ATF

La paura è ciò che domina la politica odierna: la paura dell’estrema destra,  all’estrema sinistra, della Russia di Putin, della guerra, del riscaldamento globale o dell’islamismo, tutti hanno paura e la paura è un cattivo consigliere. La cosa peggiore è che tutti hanno ragione, perché tutte queste cose sono pericolose. Il coraggio però è affrontare le proprie paure per prendere, poi con lucidità, le decisioni migliori.

Le prossime ore e giorni saranno fondamentali per la Francia, per l’Europa, per l’Ucraina e per il mondo. Meglio non arrabbiarsi. La dissoluzione è una scossa elettrica, voluta da Macron che sognava di poter governare serenamente. Ed è vero che in una tempesta, meglio avere un capitano coraggioso seguito da un equipaggio addestrato a mantenere la rotta. L’ammutinamento permanente non è un’opzione. 

Marine Le Pen non è stata mai una vincitrice, ma è riuscita a demonizzare il partito di suo padre, al punto che un terzo dei francesi è vicino a darle il voto e che probabilmente un po’ di più ora considera la RN come un partito normale, quasi rassicurante. Al contrario, Mélenchon ha brillantemente fatto l’opposto: ammezzare una parte di folla francese davanti a un sindacato di sinistra, la cui Francia Insoumise sarebbe un attore chiave. Con un coltello tra i denti e un islamista nel cassetto.

Questo è un fatto. Bardella dalla sua parte, fa il possibile per rassicurare i mercati e quelli dei suoi elettori che li appoggiano. Ha capito perfettamente che per trasformare la prova bisogna mirare tra i pali: al centro. Sta cercando di sedurre i LR dicendo che è il 1° ministro (e contrariamente a quanto aveva promesso), non si metterà in discussione il pensionamento a 64 anni introdotto dalla maggioranza uscente. Non credo che i francesi – e anche i lavoratori il cui 52% vota RN – smetteranno di votarlo per questo, tutt’altro.

La sinistra del Fronte Popolare fa esattamente il contrario e avanza rivendicazioni irrealistiche nel contesto internazionale. La Francia soffre del peso delle sue misure sociali, anche se non siamo nel 1936. Il tenore di vita, i consumi, il comfort, le ore, le vacanze non sono paragonabili a quello dei prolusi vissuti 80 anni fa e il lavoratore oggi ha molto più da perdere che da guadagnare. Di fronte alla competizione internazionale e alla robotica, il problema non è più lavorare di meno, ma lavorare di più domani.

Leggi anche:  Marine Le Pen sotto inchiesta per finanziamento illecito della campagna elettorale del 2022

Se la sinistra vuole conquistare il paese invece di radunare i suoi militanti, deve cambiare software e far cadere lo spaventapasseri Mélenchon, (in realtà vi dico che è già caduto). Comunque, nessun gruppo sociale, nessuna ideologia, nessun partito è capace di governare da solo una nazione. Servono alleanze e coalizioni, è così in tutto il mondo, tranne che nei regimi dittatoriali monopartitici. E in una coalizione, ciò che conta è chi è nella posizione di guidarla. Avere la RN o FI come socio junior in una coalizione non è un problema, se ci sono solo voci per riportare, i problemi iniziano quando gli estremisti detengono la chiave, e dentro gli estremisti le loro tendenze estremiste.

La scomparsa di un amico di famiglia, mi rammenta alcuni racconti che oggi ritornano. Un brillante linguista, argentino di origini ebraiche ucraine, figlio di agenti del KGB e “di Cuba”. 

Diceva: ” E difficile, diceva, avere dei genitori dalla parte sbagliata della storia.” Aveva mantenuto un anticomunismo testardo come il suo antifascismo. È stato lui a raccontarmi di come i sovietici stavano minando la giunta argentina, che stava assassinando gli attivisti liberali e i democratici della sinistra. È morto a metà maggio, in metropolitana, per una lesione cerebrale. Almeno non ha visto il disastro colpire la sua Francia adottiva.

Il padre di Jean-Louis Vullierme, altra conoscenza, è stato un personaggio storico della Resistenza ed è uno dei più brillanti storici del nazismo. Si sta occupando di Luigi XIV, del Colbertismo, centralizza il giacobinismo (fortemente radicato nel PS, purtroppo) e soprattutto i francesi, che sono stati i primi responsabili del disastro.

Leggi anche:  Le Pen ha perso ma restano i problemi che hanno portato l'estrema destra alle porte del potere

La situazione è grave, ma non disperata, in primis per l’Ucraina, che rimane la madre di tutte le battaglie. Il potenziale fallimento della Francia – che non è ancora accaduto e credo non accadrà – sarebbe meno imbarazzante degli Stati Uniti. D’altra parte, se Jordi e Trump passano entrambi, dovremo preoccuparci seriamente tutti e non solo i francesi. Questo lascia all’Ucraina circa 6 mesi, e probabilmente anche di più, perché la vittoria dello Zar sembra ancora improbabile.

A terra, la Russia perde uomini, cannoni e armi antiaeree, mentre l’Ucraina rafforza i suoi con l’arrivo degli F16 e dei Mirage. Gli S300 e S400 sono scomparsi dalla Crimea, distrutti dall’Ucraina ed evacuati a Belgorod per chi è rimasto. Da ieri sono stati sostituiti dagli S500s, i Rolls dell’antiaereo russo, l’ultimo e potente modello, costruiti soli trenta esemplari, finora riservati a proteggere i siti più critici della stessa Russia. Una specie di palazzi di Putin.

Non erano ancora stati usati in Ucraina, ma la Russia ne ha appena dispiegati diversi per proteggere il ponte Kerch. La cui distruzione, o almeno il tentativo di distruggere sembra imminente, che darebbe il segnale dell’atteso sbarco in Crimea da dove sono state evacuate le famiglie dei soldati russi. Questo è ovviamente un segno che la situazione si sta estendendo per Mosca. Il regime farà fatica a spiegare la distruzione del ponte e ancor di più la perdita della Crimea.

La grande notizia è che gli S500 non sono altro che S400 con precisione e raggio di tiro leggermente migliorati, ma nulla di fondamentale. Ma gli S400 si sono rivelati obiettivi appetitosi per le forze speciali ucraine. Ancora niente fatto, ma  sta arrivando per Mosca, dopo quasi 28 mesi di guerra, il bilancio che è catastrofico: l’economia è andata male da tempo, il Paese ha bruciato le sue riserve, perdendo centinaia di miliardi di dollari e la sua reputazione internazionale, la Nato è più forte che mai, e la Russia è diventata una colonia cinese.

Leggi anche:  Marie-Caroline Le Pen: la sorella di Marine sconfitta al ballottaggio dalla candidata del Nuovo Fronte Popolare

La Francia sarà l’unico oggetto di soddisfazione di Putin all’apertura delle Olimpiadi? È lontano dall’essere al sicuro. Il Fronte Popolare in questa forma fa parte della catastrofe e Mélenchon non sarà mai primo ministro. I socialisti hanno avuto una possibilità, hanno scelto di sacrificarla dando le chiavi agli estremisti islamici-moscoviti, piuttosto che ai moderati. Cadere da Mélenchon a Bardella, o meglio il contrario, non lo vuole nessuno dei francesi.

La destra repubblicana ha appena avuto più classe e discernimento. Quando tutto è perduto, l’onore conta e i francesi sono sensibili a questo per discendenza.

Un’alleanza di fatto con il Rinascimento dovrebbe aiutare entrambi, ma garantire la vittoria è più problematico. Il modo più efficace per contrastare il RHaine è un ritiro sistematico reciproco di centro+destra e sinistra a favore del candidato migliore per battere l’estrema destra al 2° turno. Dobbiamo prendere il problema da tutte le direzioni, non c’è altra soluzione. Matematicamente, in questo tipo di configurazione, RN dovrebbe essere battuto.

Ma dove intravedo il problema, gli elettori non appartengono ai partiti e anche quando i partiti danno istruzioni, nessuno è obbligato a seguire. Ci sono persone per le quali la cosa più importante è evitare la guerra. Altri per i quali è salvare l’economia del paese e quindi non per ripristinare la pensione a 60 anni. O il contrario. Finalmente altri per i quali l’immigrazione, la religione o il colore sono la madre delle battaglie. In un modo o nell’altro, tutte queste persone voteranno in base alle loro convinzioni piuttosto che seguire “le istruzioni.”.

Alla fine, penso che dovremmo avere una camera ingovernabile, con tre blocchi più o meno, che costringerà per un anno il Presidente a scegliere un 1° ministro neutrale, per gestire l’oggi, l’imminente Status quo. In attesa del prossimo scioglimento.

Native

Articoli correlati