Un breve giro con l’estremismo di destra: quello dichiarato e quello di fatto
Top

Un breve giro con l’estremismo di destra: quello dichiarato e quello di fatto

In Francia scopriamo che la pulizia russofona  non è stata fatta con molta attenzione nelle file del Reno. Più di una dozzina dei loro candidati legislativi hanno precedenti di militanti violenti, razzisti, antisemiti o negazionisti.

Un breve giro con l’estremismo di destra: quello dichiarato e quello di fatto
Preroll

globalist Modifica articolo

19 Giugno 2024 - 20.30


ATF

di Beatrice Sarzi Amade

Si sapeva da molto tempo che la Cina non era gentile con gli uiguri, ma la verità è che tutte le comunità musulmane cinesi vengono trattate malamente. Anche i cristiani, ma sono in minoranza e provengono dal proselitismo coloniale, mentre le comunità islamiche nello Xinjiang e in tutto l’Occidente erano musulmani prima dell’arrivo degli Hans.

La campagna per la sinonizzazione delle religioni ha appena preso una nuova direzione. Piccole moschee di quartiere sono state sostituite da stazioni di polizia. Tra un terzo e due terzi delle moschee sono state abolite a livello regionale e le madrase devono accettare insegnanti Han che seguono il loro  programma. Le moschee più grandi vengono ricostruite per spazzare via cupole e minareti dal paesaggio.

Un programma degno dell’Assemblea Nazionale.

In Burkina Faso, il regime si sta agitando. Gli scontri con i jihadisti hanno lasciato circa un centinaio di soldati governativi sul pendio e molti sono stati rapiti. Si dice che il capo della giunta sia in preda al panico, ci sono stati bombardamenti nelle città e così le grandi portaerei russe hanno fatto diverse rotazioni portando truppe maliane e Afrika Korps russe (ex Wagner) a Ouaga per sorvegliare il grano e prevenire “la destabilizzazione del paese”. 

In Ciad, l’ultima roccaforte filo-occidentale nel Sahel, avvengono  incendi ed esplosioni che stanno devastando il più grande deposito di esplosivi dell’esercito, N’djamena. La presunzione di un attacco – potenzialmente filo-russo – non è esclusa.

Leggi anche:  Marine Le Pen sotto inchiesta per finanziamento illecito della campagna elettorale del 2022

A Mosca, anche il propagandista Soloviev spaventa e minaccia l’Europa: 

“Dovremmo usare le nostre armi più potenti per spaventarli”, dice al momento sul canale pubblico russo n. 1. Conclude invitando gli abitanti di Kiev a fuggire, perché la diga che alimenta la città sarà distrutta – la Russia, annuncia – nei prossimi 3 giorni, inondando la capitale ucraina. Quello che può essere solo un tentativo di creare panico tra i locali. Oppure no.

Ancora in Russia, o meglio fuori dalla Russia, il magnate caduto Khodorkovsky e il campione degli scacchi Kasparov, i due personaggi di spicco dell’opposizione esterna, si sono riuniti per chiedere un passaporto per i rifugiati russi, che consentirebbe loro di viaggiare e lavorare nel mondo, senza bisogno delle autorità consolari di Mosca e ancor meno di tornare nel paese dove sono minacciati. Questi “passaporti gratuiti” sarebbero garantiti dalla comunità internazionale sul modello dei passaporti Nansen creati per i White Russians dopo il 1917. Verrebbero rilasciati caso per caso, dopo un riesame delle motivazioni. L’idea sarebbe di facilitare l’esilio dei cervelli per soffocare ulteriormente il regime del Cremlino.

In Francia scopriamo che la pulizia russofona  non è stata fatta con molta attenzione nelle file del Reno. Più di una dozzina dei loro candidati legislativi hanno precedenti di militanti violenti, razzisti, antisemiti o negazionisti. Marion Maréchal Le Pen dovrebbe far parte di Reconquest con la cassa e le liste dei simpatizzanti. Inoltre, quattordici candidati deputati RN – e non ultimo – sono apertamente filo-russi.

Leggi anche:  Marine Le Pen sotto inchiesta per finanziamento illecito della campagna elettorale del 2022

Quanto al municipio di Perpignan, feudo dell’ex compagno di Marine Le Pen, è minacciato di bancarotta, la gestione non è stata ottimale. Una cosa è certa, la dirigenza non sembra essere la roccaforte della squadra Bardella, geometrica completamente erratica e variabile sulle promesse della campagna. Tuttavia, i critici sembrano scivolare sulla pelle dei suoi elettori, convinti di avere ragione, un po’ come in una setta, visto che comunque da anni vengono chiamati “mostri”, quando loro, invece, si ritengono perfettamente normali.

Queste realtà alternative possono rapidamente diventare estremamente pericolose e violente. Tra Saint-Julien e Viry, a due chilometri dal confine svizzero, una madre incinta che occupava un pezzo di terra senza permesso, è stata uccisa a colpi di pistola mesi fa.. Abbiamo appena saputo che i killer erano giovani locali, cacciatori della fauna selvatica. Un problema ricorrente in Alta Savoia da anni, dove la popolazione e i comuni residenti, sono costretti a chiudere strade, stadi, supermercati, per poi riabilitarli perché i luoghi vengono lasciati in stati deplorevoli, pieni di escrementi e carta igienica nei giardini pubblici e privati circostanti. Come al confine coreano.

Leggi anche:  Marine Le Pen sotto inchiesta per finanziamento illecito della campagna elettorale del 2022

Non ci sono scuse per sparare a qualcuno, soprattutto non apposta – giovani, 26 e 30 anni, ne hanno riconosciuto l’intenzione – ma non si può far finta che il problema non esista. Da sinistra, destra o centro, tutti i comuni dell’Alto Savoiardo combattono da anni su leggi ritenute lassiste, che ridicolizzano l’azione delle forze dell’ordine. Nello specifico, su Annemasse, città gestita dalla sinistra da mezzo secolo, l’accesso a Place de la Gare, ristrutturata di recente a grandi costi, tutti i parcheggi dei supermercati, stadi e scuole sono diventati fortezze, difese in cemento stile blockhaus.

Lo stesso vale per le questioni di sicurezza in generale, riconosciute essenziali nel voto di estrema destra. 

Possiamo decidere di non fare nulla – come sembra volere l’estrema sinistra -, o prendere misure efficaci per risolvere i problemi in tutto il Paese, in uno stato di diritto rispettoso dei diritti delle persone e dei loro costumi, ma anche quello delle vittime e non deve esitare di punire quando necessario.

Un’alleanza in questa direzione da Xavier Bertrand a Place Publique avrebbe avuto tutte le possibilità di separare il Reno entro il 7 luglio. La gente non ha la vocazione di essere governata da un’economia razzista di incapaci. Ma se li offriamo come alternativa ad un programma che pensano aumenterà la loro paura, non funzionerà.

Native

Articoli correlati