Rassemblement National svela il suo volto: escludere i francesi con doppia cittadinanza da alcuni lavori statali
Top

Rassemblement National svela il suo volto: escludere i francesi con doppia cittadinanza da alcuni lavori statali


Jordan Bardella ha annunciato questa settimana che le persone con doppia nazionalità saranno escluse dai "posti più strategici dello Stato", che sarebbero riservati ai cittadini francesi

Rassemblement National svela il suo volto: escludere i francesi con doppia cittadinanza da alcuni lavori statali
Preroll

globalist Modifica articolo

25 Giugno 2024 - 18.01


ATF

La promessa del Rassemblement National di estrema destra di escludere i cittadini con doppia cittadinanza da alcuni lavori statali in Francia è stata criticata dalla sinistra e dai centristi che affermano che si tratta di un assaggio di una discriminazione più ampia che potrebbe essere implementata se il partito arrivasse al potere in elezioni anticipate.

Jordan Bardella, che punta a diventare primo ministro se il partito otterrà la maggioranza assoluta in parlamento il 7 luglio, ha annunciato questa settimana che le persone con doppia nazionalità saranno escluse dai “posti più strategici dello Stato”, che sarebbero riservati ai cittadini francesi . In una proposta che ha fatto suonare un campanello d’allarme, ha affermato che si applicherebbe a posizioni strategiche di sicurezza e difesa.

Marine Le Pen, che si candiderà alla presidenza del partito anti-immigrazione National Rally (RN) nel 2027, ha detto martedì che si tratta di “davvero solo una manciata di posti di lavoro” in “posti strategici sensibili”. Ha detto che sarà pubblicato un elenco che potrebbe essere regolarmente modificato in base a “problemi geopolitici”.

Leggi anche:  Francia, il centrista Bayrou propone l'ammucchiata: "Tutti insieme senza Melenchon e Le Pen"

Il ministro degli Interni, Gérald Darmanin, ha dichiarato alla radio Europe 1 che i lavori sensibili in Francia sono già controllati in vari modi e ciò non è necessario e equivale a “dividere la nazione”. Ha detto: “Non mi piace questo modo di filtrare i francesi”. Ha detto che ciò screditerebbe “3 milioni di franco-americani, franco-algerini, franco-portoghesi, francesi marocchini…”.

La sinistra ha affermato che la misura simbolica mostra l’intenzione di suddividere le persone per nazionalità, background o cultura. Hanno fatto riferimento a una proposta di legge pubblicata da Le Pen a gennaio, quando era deputata, in cui suggeriva una modifica costituzionale per impedire ai cittadini con doppia cittadinanza di accedere a posti di lavoro nell’amministrazione statale, nelle aziende statali e nelle missioni di servizio pubblico.

Jean-Philippe Tanguy, candidato alla rielezione per la RN, ha detto martedì alla radio France Inter che non c’è nessuna misura difesa da Le Pen o Bardella “che faccia riferimento alle persone in termini di religione o origine presunta”. Alla domanda sui commenti di Emmanuel Macron secondo cui la RN e l’alleanza di sinistra del Nuovo Fronte Popolare rischiano di portare la “guerra civile” in Francia, ha detto che i commenti sono “completamente surreali”.

Native

Articoli correlati